La salute dello scalpo per una crescita dei capelli ottimale

Nell'ultimo lavoro pubblicato della prof. Antonella Tosti vengono analizzati numerosi studi svolti in precedenza sul rapporto tra le patologie dello scalpo, la crescita e il mantenimento dei capelli. Vediamo i punti salienti di questa pubblicazione.

2
Data di revisione
1353

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 2 Media: 4]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
scalpo-capelli-psoriasi

Sopra e sotto la cute

Giudichiamo la capigliatura da quello che vediamo crescere o non crescere sopra la cute. Tuttavia, la differenza tra una capigliatura sana e una malata è dovuta ai processi che avvengono sotto la cute. I fusti dei capelli sono formati da cheratina. Si tratta di formazioni di cellule prive di attività vitale strutturate su tre livelli. All’interno del fusto ci sono il midollo, la corteccia e, infine, la cuticola che riveste il capello. La produzione del fusto dei capelli avviene sotto la cute ed è influenzata dalle condizioni della cute stessa.

Le patologie dello scalpo

Nell’ultima pubblicazione della dr.ssa Tosti, vengono presi in considerazione ventuno studi che hanno messo in confronto i capelli degli scalpi malati con quelli degli scalpi sani. Sono state prese in considerazione le seguenti patologie: psoriasi dello scalpo, forfora e dermatite seborroica, dermatite atopica, pitiriasi versicolor e tigna (tinea capitis).

antonella-tosti-psoriasi-scalpo-calvizie-cureFig.1: La professoressa Antonella Tosti è la specialista italiana in tricologia con più pubblicazioni scientifiche di livello internazionale.

Psoriasi e scalpo

La psoriasi consiste nella crescita non regolata dell’epidermide. I capelli dello scalpo affetto da psoriasi si presentano con uno spessore ridotto rispetto al normale e la cuticola risulta danneggiata. Con la psoriasi viene spesso osservata una perdita dei capelli prematura, simile a quella che avviene nella calvizie comune. Infatti, si ha un aumento dei capelli in fase di riposo, ossia telogen, e una diminuzione di quelli in fase di crescita, ossia in anagen.

psoriasi-scalpoFig. 2: Le diverse tipologie di psoriasi. 

Forfora e dermatite seborroica

La forfora e la dermatite seborroica danneggiano la cuticola esterna dei fusti dei capelli rendendola più ruvida. I capelli dello scalpo affetto da forfora e da dermatite seborroica appaiono così opachi e spenti. I capelli dello scalpo affetto da queste patologie mostrano danni da stress ossidativo. Anche in questo caso, si ha una caduta prematura dei capelli con l’aumento di quelli in telogen a discapito dei capelli in fase di crescita.

Dermatite atopica

La dermatite atopica quando colpisce lo scalpo porta a fusti dei capelli con caratteristiche simili a quelle causate dalla psoriasi e da forfora e dermatite seborroica. La cuticola risulta rugosa con margini ispessiti. Il capello che cresce su una zona affetta da dermatite atopica ha un minore contenuto di acqua rispetto a un capello normale e risulta, pertanto, secco e opaco.

Tigna e scalpo

La tigna dello cuoio capelluto (tinea capitis) è un’infezione di origine fungina e si manifesta con segni circolari e prurito frequente. Spesso, si osservano capelli con forme particolari che crescono sulle aree affette dalla tigna del cuoio capelluto. Si hanno così fusti a forma di virgola, di cavatappi e a zigzag.

Fig. 3: Capelli a forma di virgola e di cavatappi con la tigna dello scalpo (Reference: Dermoscopy findings in tinea capitis. Case report and literature review – Scientific Figure on ResearchGate).  

La pitiriasi versicolor

La pitiriasi versicolor è un’altra malattia della cute dovuta al fungo Malassezia furfur, lo stesso che causa la forfora nella capigliatura. Non è una malattia dello scalpo, ma è stata ricompresa in questa pubblicazione perché uno studio la collega alla perdita precoce di peli corporei.

Un trattamento

Un solo studio tra quelli selezionati in questa pubblicazione scientifica ha riguardato il trattamento di questo tipo di patologie dello scalpo che coinvolgono i capelli. In particolare,  lo studio ha analizzato e trattato la forfora e la dermatite seborroica. È stato testato un prodotto commerciale a base di zinco piritione contro placebo. Il trattamento ha portato a risultati positivi sia sullo scalpo che sui capelli evidenziando lo stretto collegamento tra la salute della cute e quella degli annessi cutanei.

Stress ossidativo e scalpo

Lo stesso studio ha indagato sulle cause che arrecano danni ai capelli in presenza di forfora e dermatite seborroica. È stato evidenziato uno stress ossidativo dovuto in particolare alla perossidazione dell’acido linoleico con la sintesi di un composto denominato HODE (acido idrossioctadecadienoico). Il trattamento con shampoo contenente zinco piritione all’1% ha ridotto notevolmente la presenza di questo stress ossidativo nello scalpo e nei follicoli dei capelli portando a normalizzare le condizioni dei fusti.

Due parametri dei danni ai capelli

Uno studio successivo ha poi scoperto due parametri per valutare i danni alla cuticola dei capelli dovuti allo stress ossidativo. Questi parametri riguardano l’idrofobicità e l’efficacia della barriera antiumidità della cuticola. Nello specifico, i capelli che escono da uno scalpo non in salute sono meno idrorepellenti e assorbono più umidità dal vapore acqueo. Il trattamento con lo shampoo a base di zinco piritione migliora anche questi parametri dovuti alle condizioni del cuoio capelluto.

Invecchiamento precoce dello scalpo

Tutte le patologie dello scalpo esaminate producono un maggiore stress ossidativo. Questa condizione le accomuna a quanto avviene con il normale invecchiamento. In pratica, si può parlare di invecchiamento precoce per i capelli affetti da queste patologie. Lo stress ossidativo porta alla formazione di una cuticola più fragile, che una volta emersa dalla superficie dello scalpo viene ulteriormente danneggiata dall’azioni meccaniche come quelle di pettini e spazzole, dei lavaggi e delle asciugature aggressive.

Anche la stessa frizione tra i fusti di capelli danneggiati con cuticole ruvide porta ad accelerare la consunzione della cuticola.

scalpo-capelli-saluteFig.4: La cuticola dei capelli danneggiata espone i fusto ai danni da agenti esterni.

Danni reversibili

I danni provocati da queste affezioni del cuoio capelluto sugli steli dei capelli possono essere riparati con i trattamenti che contrastano lo stress ossidativo. Infatti, il capello che cresce su uno scalpo tornato sano non presenterà i difetti del capello cresciuto sullo scalpo malato.

Calvizie e patologie dello scalpo

Queste patologie dello scalpo spesso coesistono con varie forme di alopecia. In particolare, è piuttosto frequente l’associazione tra calvizie comune e dermatite seborroica. Questo sovrapposizione di due patologie ovviamente peggiora la condizione della capigliatura.

Rimedi in comune

L’utilizzo dello shampoo medicato con attivi antifungini accomuna il trattamento della calvizie comune e di queste affezioni dello scalpo. Uno studio di alcuni anni fa aveva mostrato risultati positivi sui pazienti affetti da calvizie comune e da telogen effluvio con l’utilizzo sia di uno shampoo con ketoconazolo, c he di uno shampoo con zinco piritione e di uno con piroctone olamine, tutti all’1% di attivo.

Sanificare lo scalpo contro la calvizie

Di conseguenza, lo scalpo in salute è la base su cui far crescere i capelli anche in caso di alopecia. Lo stress ossidativo provocato dalle patologie dello scalpo è un fattore che ha un ruolo nella calvizie comune soprattutto con l’avanzare dell’età (infatti assume importanza rilevante nella calvizie senile).

Gli shampoo antifungini, in particolare quelli a base di ketoconazolo, rappresentano una terapia piuttosto consolidata in funzione anticalvizie. Pertanto, questa ultima pubblicazione ne conferma l’utilità se accostati alle altre terapie ufficialmente approvate contro l’alopecia androgenetica, ossia minoxidil e finasteride.

 

APPROFONDIMENTI 

Forfora, dermatite seborroica e capelli grassi

Diagnosi e terapia della dermatite seborroica e della psoriasi

Forfora, dermatite seborroica e rame peptidi

 

PRODOTTI CORRELATI 


1 flacone da 120 capsule

Integratore a base di bardana, thé verde, tarassaco, calendula e fumaria con elementi sinergici per contrastare sebo e acne grazie ad un'azione di drenaggio, di purificazione interna e l...

 


1 flacone da 50 ml con contagocce.

Integratore Alimentare in forma liquida concentrata a base di Biotina (Vitamina H) la cui azione è di fondamentale importanza per mantenere in salute gli annessi cutanei quali pelle e capelli.

...

 


2 flaconi da 100ml / 3.38 fl oz + nozzler

Lozione specifica per capelli sottili e per il cuoio capelluto che presenta irritazioni e prurito. La sua alta concentrazione di rame peptidi lo rende adatto come complemento alle lozioni farmacologiche...

2 Commenti

  1. Nell’articolo deve essere stato omesso il link allo studio, che è questo:

    Da questo link puoi poi scaricare il pdf con la pubblicazione completa.

    Ciao

    MA – r l i n

  2. Dovrebbe essere il Pantene antiforfora, se noti lo studio ha come altri autore anche uno tipo della Procter & Gamble…

    Va detto che lo Zinco Piritione c’è in molti shampoo e nello studio di riferimento non era stato migliore dello shampoo con piroctone olamine e di quello con ketoconazolo:

    Se leggi bene con lo zinco piritione il diametro dei capelli era anche diminuito di un poco…

    Ciao

    MA – r l i n

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui