Trapianto di capelli “non chirurgico” DJ Francesco

Chi segue DJ Francesco, ossia Francesco Facchinetti, già cantante e presentatore e da alcuni anni anche imprenditore e manager, ha sicuramente notato i suoi problemi di capelli seguiti dal più recente sfoggio di una chioma leonina. Lui stesso ha voluto chiarire su Twitter dicendo di aver effettuato un "trapianto non chirurgico". Di cosa si tratta ?

0
Data di revisione
5296

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 3 Media: 2.3]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
dj-francesco

Botto di fine anno

Negli  ultimi giorni del 2019 Francesco Facchinetti ha postato un video su Twitter in cui parla della sua nuova e fluente capigliatura: “Tutti mi chiedono perché ho i capelli come il Re Leone, è merito di una ‘patch cutanea’, ovvero un trapianto di capelli non chirurgico.

Prima  due trapianti…

La lotta contro la calvizie di Francesco è iniziata presto: “A vent’anni ho iniziato a perderli, perché ho ereditato gli occhi azzurri di papà, ma non la voce e i capelli. Così sono andato subito in cerca di una soluzione. In primis l’autotrapianto – aggiunge – con cui ho spostato seimila capelli da dietro la nuca al davanti. Ma è un’operazione chirurgica e in fondo si tratta semplicemente di uno spostamento, per cui c’è la zona del prelievo che si svuota. Inizialmente sei felice, ma dopo 4 o 5 anni torni ad un altro trapianto chirurgico. Altro dolore e altri soldi.”

dj francesco
Francesco Facchinetti con e senza “patch cutanea”.

…poi coverage e cure anticalvizie

“Poi, come seconda soluzione, – ha proseguito Facchinetti – ho provato la “polvere”, ma comporta problemi: sporca tutto, dalle lenzuola alle mani delle ragazze che ti accarezzano  be poi devi rimetterla in continuazione. Infine ho provato la strada delle lozioni che favorirebbero la ricrescita dei capelli, ma per me non è mai stato così”.

Dove ha sbagliato ?

Chi  frequenta  Ieson, il forum della Community anti-calvizie, avrà già capito che l’approccio del già DJ Francesco per salvare i propri capelli si è articolato esattamente al contrario di quello che consigliano gli specialisti in tricologia. Il trapianto da giovanissimi con la calvizie ereditaria in corso è infatti sconsigliato, proprio per non doverlo rifare in seguito come è successo Francesco. Prima infatti si deve provare a curarsi, anche perché le terapie anticalvizie sono tanto più efficaci quanto prima le si inizia, ossia quando c’è ancora molto da salvare.

Benedette microfibre

Le “polveri” tanto criticate dal nostro sono invece utilissime per nascondere i diradamenti e potersi continuare a curare, magari proprio in attesa della ripresa della capigliatura con le cure anticalvizie che quando non lo invertono,  bloccano il processo nella maggioranza dei casi (parliamo di più del 70% di chi si cura con costanza).

Le microfibre di cheratina – forse Francesco non lo sapeva –  possono essere fissate con degli appositi spray che ne impediscono il rilascio sui tessuti e sulle mani di chi volesse accarezzare i capelli.

fixing spray
Lo spray fissante per microfibre di cheratina (su hairshpeurope.com)

“Patch cutanea”

Francesco, essendosi curato al contrario, è arrivato così all’ultima soluzione disponibile, ossia quella che nel  suo messaggio sui social chiama “patch cutanea” e “trapianto non chirurgico”. Si tratta in pratica della cosiddetta protesi, che è l’evoluzione del parrucchino o toupé. In pratica il cranio viene rasato del tutto per applicare con speciali colle o adesivi una sottile base traspirante che si confonde con la cute e sulla quale sono inseriti una moltitudine di capelli naturali o sintetici (che ovviamente non cresceranno come avviene invece per quelli trapiantati).

protesi
Il sottilissimo spessore (una pellicola) della base di una moderna protesi (patch cutanea).

Un nuovo metodo ?

La tecnologia ha portato a realizzare delle protesi che sono veramente indistinguibili da uno scalpo con una folta e naturale capigliatura, però Francesco nel suo messaggio dice di essere stato il primo in Italia ad aver usufruito di questa “patch cutanea”. L’ipotesi è che si tratti di un’ulteriore personalizzazione della protesi (oltre al tipo, al colore e alla lunghezza dei capelli), utilizzando appunto protesi parziali, tipo “pezze” (appunto, “patch”) per intervenire solo sulle parti diradate dello scalpo.

Non esattamente una novità

Forse Francesco non sa che simili tecniche sono utilizzate da tempo dai migliori specialisti in protesi che operano in Italia. Più probabile invece che il grosso pubblico non sappia che esiste anche questo tipo di soluzione ultrapersonalizzata e che il messaggio di Francesco, che riporta appunto un numero di telefono e un nome che invita a contattare, avesse appunto lo scopo di far conoscere a molte più persone l’esistenza di queste tecniche.

 

ARTICOLI CORRELATI

Come scegliere una protesi di qualità

Kmax Concealing Styling Gel – Il primo gel per capelli ad effetto infoltente a base di microfibre di cheratina


1 Flacone da 15gr

Kmax Hair Fibers Black edition: il make up istantaneo per capelli per nascondere diradamento e calvizie in pochi secondi.  Fibre micronizzate di cheratina naturale in grado di legarsi elettrostaticamente ai capelli fini e...

 

 

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui