Che cosa è l’Alopecia?

0
1117

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
alopecia

L’alopecia è un termine medico generale che indica la perdita progressiva dei capelli o la calvizie.
Il termine, che contiene la radice della parola ‘volpe’, fa riferimento alla caratteristica di questo animale di cambiare annualmente il pelo a chiazze.
Esistono diverse forme di alopecia, ciascuna caratterizzata da cause, sintomi e trattamenti specifici.

Alopecia: le forme più comuni

Alopecia androgenetica: è la forma più comune di perdita dei capelli, nota come calvizie maschile o femminile. È causata da una combinazione di fattori genetici e ormonali, in particolare l’azione di un ormone chiamato diidrotestosterone (DHT) sui follicoli piliferi sensibili nei pazienti geneticamente predisposti.

Alopecia areata: è  una condizione autoimmune in cui il sistema immunitario attacca erroneamente i follicoli piliferi, causando la perdita dei capelli in chiazze tondeggianti o irregolari sul cuoio capelluto o su altre parti del corpo.

Alopecia totale/universale: si verifica quando tutti i capelli del cuoio capelluto o del corpo vengono persi completamente.

Alopecia cicatriziale: è una forma di alopecia in cui i follicoli piliferi vengono distrutti e sostituiti da tessuto cicatriziale, impedendo la ricrescita dei capelli.

Alopecia da trazione: è causata dalla trazione costante e ripetitiva sui capelli, spesso a causa di acconciature strette o l’uso frequente di trecce, code di cavallo o extension.

Alopecia telogen effluvium: si verifica quando un’eccessiva quantità di capelli entra nella fase telogen (fase di riposo) e viene poi eliminata, spesso a causa di eventi stressanti, malattie o cambiamenti ormonali.

Alopecia Senile: è una forma di perdita dei capelli legata all’invecchiamento e alla diminuzione della crescita dei capelli con l’età.

Alopecia da Chemioterapia: la perdita di capelli può verificarsi a causa di trattamenti chemioterapici che colpiscono le cellule a rapida divisione, inclusi i follicoli piliferi.

Alopecia da farmaci: alcuni farmaci possono causare la perdita temporanea o permanente dei capelli come effetto collaterale.

alopecia che cosa èLe cause

Alopecia è in sè un termine molto generico e le forme che abbiamo appena visto sono correlate a cause molto diverse tra loro, più o meno reversibili.
La genetica gioca un ruolo determinante. Ma ci sono anche altre cause che vanno tenute in considerazione e che possono aiutare a identificare gli interventi di cura più efficaci:

  • Stress psico-fisico;
  • Diete e abuso di alcool;
  • Squilibri ormonali;
  • Farmaci o interventi chirurgici;
  • Patologie

Alopecia: alcuni sintomi associati

Oltre alla perdita di capelli abbondante e prolungata si possono presentare altri sintomi quali:

  • Sensazione di prurito e bruciore del cuoio capelluto;
  • Dolore all’attaccatura dei capelli (tricodinia);
  • Infiammazione perifollicolare;
  • Aumento della produzione di sebo.

Altre caratteristiche

Si parla di alopecie circoscritte o diffuse in base alla distribuzione del diradamento e di alopecie temporanee e definitive (cicatriziali) a seconda della reversibilità o meno della perdita.

Quando iniziare a preoccuparsi?

Perdere tra i 50-60 capelli al giorno è un naturale processo di ricambio della capigliatura.
Può accadere che, in presenza di alcune condizioni, la caduta dei capelli aumenti e si presenti un diradamento più o meno importante della chioma.
Quando alcune aree del cuoio capelluto iniziano ad essere più evidenti o quando la media quotidiana supera i 100 capelli e prosegue per oltre 4 settimane è opportuno iniziare a prevedere una visita per una diagnosi e interventi conseguenti.

La diagnosi

In caso di perdita abbondante e prolungata nel tempo dei capelli è opportuno rivolgersi ad un dermatologo. Il benessere dei nostri capelli riflette lo stato generale fisico e psicologico del nostro corpo ed è quindi opportuno fare prima di tutto un’anamnesi accurata che tiene conto di quanto accaduto recentemente e un check-up generale dello stato di salute.
Seguiranno poi gli esami specifici del cuoio capelluto e dei capelli per valutarne lo stato e la causa specifica.

La cura o le cure

Curare l’alopecia vuole dire in primo luogo e soprattutto intervenire sulla causa scatenante.
Sembra banale dirlo, ma è la cosa più importante. Per questo la diagnosi di uno specialista consentirà di individuare le cause e di definire il trattamento più adeguato che va dalle terapie farmacologiche (es. minoxidil, finasteride) che contrastano gli effetti dell’alopecia, rallentano la malattia e stimolano la normale ricrescita dei capelli, ai trattamenti cosmetici e terapie locali, agli integratori alimentari e ad eventuali cambiamenti degli stili di vita e di alimentazione.
Vale sempre poi l’attenzione di avere cura dei capelli con prodotti poco aggressivi e che non stressino ulteriormente la chioma.

APPROFONDIMENTI

Alopecia androgenetica: la definizione di calvizie comune

Cosa è l’alopecia areata?

Come curarsi in caso di alopecia areata?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.