Follistatina e calvizie senile

Un gruppo di studiosi di Baltimora (Stati Uniti) indaga il diradamento al vertice del capo e, in particolare, il motivo per cui gli anziani hanno meno capelli. Vediamo nel dettaglio cosa è emerso. 

0
Data di revisione
2649

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 1 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
follistatina-capelli-calvizie

Perché gli anziani hanno meno capelli

I cambiamenti nel ciclo del capello stanno alla base dell’alopecia legata all’età, ma i meccanismi causali sono rimasti poco chiari. In questo studio statunitense, Chen et al. puntano a uno squilibrio tra i segnali di attivazione e di inibizione delle cellule staminali come fattore determinante del declino della rigenerazione legato all’invecchiamento.

Il ruolo della follistatina

Gli stessi studiosi identificano una proteina secreta, la follistatina, che può essere in grado di spostare l’equilibrio verso il rinnovamento cellulare. Sembrerebbe, infatti, che questa proteina partecipi al ciclo follicolare garantendo la corretta rigenerazione tra la fase anagen e telogen del capello. In particolare, la follistatina ritarderebbe la fase Catagen (riposo momentaneo) rallentando così inevitabilmente anche il momento della caduta.

follistatina-capelli

Fig.1: A sinistra: Clint Eastwood in un’immagine giovanile: ha stempiature, ma capelli folti che ha mantenuto sino alla mezza età. A destra: un’immagine più recente di Clint Eastwood (nato nel 1930), si nota il diradamento di tipo senile sulla sommità del capo. Questo sarebbe causato dalla riduzione con l’invecchiamento della proteina follistatina.

La proteina dei muscoli

In realtà, la follistatina è una proteina nota per la sua capacità di stimolare le cellule muscolari permettendo al muscolo di aumentare le proprie dimensioni. La sua antagonista è la miostanina: la proteina che, invece, blocca la crescita muscolare.

Follistatina: negli alimenti e non solo

Per il suo ruolo nell’inibizione della miostatina e nella crescita di massa muscolare, la follistatina viene ricercata spesso sia in alimenti (come latticini, uova, petto di pollo e salmone) sia in integratori specifici.

follistatinaFig.2: Le proteine animali, oltre al cioccolato fondente e alla frutta secca, sono le più note per la loro azione inibitrice di follistatina. 

Autori

Sashank K Reddy 1 e Luis Garza A 2
1 Dipartimento di Dermatologia, Johns Hopkins University School of Medicine, Baltimore, Maryland, USA

2 Dipartimento di Chirurgia Plastica, Johns Hopkins University School of Medicine, Baltimore, Maryland, USA.

 

APPROFONDIMENTI 

La calvizie e il destino delle cellule staminali

Le cellule staminali del follicolo in alopecia

PRODOTTI CORRELATI 


1 flacone da 120 capsule cad.

Integratore antiossidante dalla forte azione anti radicali liberi a base di the verde, cardo mariano, curcuma, uva e bioperine, per contrastare il processo di invecchiamento cellulare.

 


2 flaconi da 100ml / 3.38 fl oz + nozzler

Lozione specifica per capelli sottili e per il cuoio capelluto che presenta irritazioni e prurito. La sua alta concentrazione di rame peptidi lo rende adatto come complemento alle lozioni farmacologiche...

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui