L’intrigante caso dei capelli di Antonio Conte

I capelli dell’allenatore leccese sono stati al centro del gossip calcistico nel corso degli anni. Da quando ha iniziato come giocatore al Lecce con un mucchio di capelli, al riporto quando giocava nella Juventus, sino alla zazzera esibita da allenatore. Abbiamo esaminato le acconciature in continua evoluzione di Conte nel corso degli anni.

8
Data di revisione
15753

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 6 Media: 4]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
antonio conte capelli

1988. Capelli da urlo

Alla tenera età di soli 20 anni, Conte ha iniziato la sua carriera calcistica con il Lecce, il club della sua città natale. In vista della stagione 1988-89, ha posato per una foto del club mostrando una testa con una capigliatura incredibilmente folta da fare invidia alle star di Hollywood. A quel tempo c’erano ben pochi indizi che Conte avesse problemi di capelli.

antonio conte capelliFig.1: A 20 anni, Conte sfoggia capelli da star del cinema. Credit: Getty

1993. Taglio tattico

Nel giro di cinque anni, un’area calva sembra formarsi sulla sommità della testa di Conte. Decide che la cosa migliore è radersi i capelli, forse per mascherare la calvizie.
Eppure, è competitivo come sempre: vola in un tackle contro i rivali dell’Inter.

antonio conteFig.2: Con la testa rasata, Conte sembra essersi diradato al centro della testa nel 1993. Credit: Getty. 

1994. In ordine per i Mondiali

Quando rappresenti il tuo paese è d’obbligo che tu appaia in ordine. Soprattutto se si tratta della Coppa del Mondo, come in questo scatto del 1994. Conte schierato contro il Messico, mostra alcuni riccioli qua e là e anche se ha capelli folti sui lati questo non evita che si veda il diradamento centrale.

antonio conteFig.3: Alla Coppa del Mondo del 1994, i riccioli di Conte apparivano assottigliati.
Credit: Getty. 

1996. Capelli lunghi per dissimulare

Conte ha preso la decisione di farsi crescere i capelli e di mostrare delle ciocche chiare per dissimulare la calvizie. Anche l’attaccatura frontale si mostra ora come piuttosto diradata, forse per lo stress di giocare sempre ad altissimi livelli nella Juventus. Questo scatto fotografico della metà degli anni ’90 mostra un deciso diradamento. Ma lui ha continuato a farseli crescere.

antonio conte

Fig.4: Uno scatto del 1996 mostra un Conte deciso a farsi crescere i capelli.
Credit: Getty Images – Getty. 

1999. Primo trapianto?

Un gol contro il Manchester United in Champions League è celebrato selvaggiamente da Conte i cui capelli si agitano mentre corre a perdifiato. È interessante notare che, anche se non ci sono molti capelli in alto, ce ne sono molti dietro e sui lati. Si potrebbe dire che se la sta cavando bene. Forse a quel tempo aveva già avuto un fatto un primo trapianto di capelli in Italia.

Fig.5: Conte festeggia un gol all’Old Trafford con i suoi capelli che si agitano al vento. Credit: News Group Newspapers Ltd. 

2003. Altro trapianto?

Quattro anni dopo, Conte ha escogitato un piano intelligente (che ha funzionato bene per Bobby Charlton molti anni fa). Facendo crescere ciocche di capelli più lunghe e dividendole in una riga laterale che esce dai lati, sembra che abbia più capelli di prima. Certamente meno cuoio capelluto in mostra, questo è sicuro. In realtà, dicono i più informati, all’inizio degli anni 2000 Conte pare avesse effettuato un secondo trapianto in Italia.


Fig. 6: Per mascherare la calvizie, Conte ha separato delle ciocche di capelli più lunghe. Credit: Foto Alive. 

2007. Rasatura e cicatrici

Conte è all’Arezzo per il suo primo incarico da allenatore. Molti perdono i capelli dopo anni ad allenare squadre, ma Conte ha anticipato tutti. Sfoggiava una testa rasata, con indizi che potrebbero far pensare a un trapianto di unità follicolari (FUT) strip. Più nel dettaglio, si tratta di un trapianto in cui strisce di cuoio capelluto vengono rimosse dalla parte posteriore della testa e da cui vengono separate le unità follicolari. Quest’ultime vengono, poi, impiantate nelle incisioni della zona del cuoio capelluto colpita dalla calvizie.

antonio conte
Fig.7: Un’indicazione che Conte ha effettuato dei trapianti di capelli è arrivata quando ha mostrato un look completamente rasato come allenatore dell’Arezzo.
Credit: Getty – Contributor. 

2012. Il miracolo è servito

Cinque anni dopo ed è un miracolo. Conte appare come un elegante banchiere italiano e allena la Juventus con una pettinatura piuttosto folta. Si nota una leggera scriminatura laterale che suggerisce che il recupero non è finito qui.

antonio conteFig.8: Nel 2012 i capelli di Conte tornano alla grande.

2016. Risultati stabili

Alcuni anni dopo, Conte mostra fiero una folta frangia nelle conferenze stampa da allenatore del Chelsea. Non ci sono riccioli come aveva in gioventù, è una pettinatura del tutto liscia, ma il coach sembra felice dei risultati.

antonio conteFig.9: La frangetta mostrata come allenatore del Chelsea. Credit:Matthew Childs

2018. Sempre sulla cresta dell’onda

Il fiducioso Conte si mostra felice di sollevare la sua frangia e piegarla indietro tipo uomo d’azione. Mentre bacia la FA Cup, non c’è assolutamente alcun segno di diradamento e appare un po’ come il retrostante Dimitar Berbatov. Tutto questo non è servito ad evitare che venisse licenziato pochi mesi dopo.

antonio conte

Fig.10: Conte solleva la FA Cup con la frangia lisciata indietro come un uomo d’azione.
Credit: Alamy Live News

2021. Sempre meglio

Il Conte di oggi ha i capelli più folti. La chioma a caschetto è lontana mille miglia dal suo look vaporoso di 25 anni prima. Alla conquista dello scudetto con l’Inter, Conte ha mostrato con orgoglio la sua criniera, che non ha nemmeno un po’ di capelli grigi. Forse il lavoro attuale al Tottenham potrebbe portargliene qualcuno.

Fig.11: Il Conte di oggi con la sua folta capigliatura.

Il dibattito continua

I soliti bene informati dicono che Antonio Conte, dopo due trapianti FUT/ strip fatti in Italia all’inizio del nuovo millennio, si sia definitivamente sistemato con un trapianto FUE ad alta densità eseguito dal grande specialista canadese Hasson nel 2007. Altri ancora sostengono che anche il terzo trapianto non sia durato per molti anni e la capigliatura attuale mostrata da Conte sia in realtà una moderna protesi.

Familiarità

Il più stretto collaboratore di Antonio Conte è suo fratello Gianluca, il quale riveste il ruolo del tattico nel suo staff. Anche il fratello maggiore di Antonio Conte non mostra segni di calvizie, ma per lui scarseggiano le immagini di prima che affiancasse il fratello professionalmente. Quindi, non si può sapere se anche lui ha seguito il fratello nelle sue peripezie tricologiche. Il fratello Gianluca Conte mostra una capigliatura intatta e senza capelli bianchi a 56 anni, avrà seguito i percorsi tricologici di Antonio?

Antonio Conte capelli: talis pater…

In compenso, è reperibile una vecchia foto che mostra la famiglia Conte riunita, i tre fratelli con papà e mamma:

Fig. 12: In questa immagine di quando Antonio Conte iniziava ad avere problemi di capelli si può vedere che il fratello Gianluca (a destra) pur essendo più anziano di 4 anni mostra una chioma folta e non è messo male nemmeno l’altro fratello.

Antonio potrebbe aver preso dal padre che da giovane gli assomigliava tantissimo.

antonio conteFig.13: Antonio Conte da bambino con il padre Cosimo.

Conclusioni: le ipotesi più accreditate

In conclusione,  sebbene in assenza di fonti certe sia impossibile affermare quale sia la soluzione (o le soluzioni) adottate da Antonio Conte per rimediare all sua calvizie (e, anche qualora ne fossimo in possesso, sarebbe poco elegante e corretto svelarle), a nostro avviso queste sono le ipotesi più accreditate:

  1. Protesi
    la stabilità dei risultati nel tempo, la repentinità dei miglioramenti mostrati fra il 2012 e il 2016, fanno propendere per una soluzione protesica di ultima generazione.
    E’ plausibile che Conte faccia eseguire il taglio dei suoi capelli (che pur sempre ricrescono nelle zone diradate e sui lati e sul retro della nuca) da un parrucchiere specializzato in manutenzione e cura delle protesi e clienti/pazienti portatori di protesi.
    La protesi potrebbe essersi rivelata la soluzione definitiva in seguito a svariati tentativi, fra cui appunto come ipotizzato nel nostro articolo vari trapianti eseguiti nel corso del tempo e/o una terapia complementare (farmaci, cosmeceutici, ecc.) che potrebbero non aver dato quell’effetto di foltezza sperato e richiesto dallo stesso Conte.
  2. Trapianti + terapia + camouflage
    L’attuale chioma di Conte potrebbe essere il risultato combinato di vari trapianti eseguiti nel tempo in affiancamento ad un regime terapeutico misto farmacologico/cosmeceutico,nutraceutico (farmaci orali e topici anticalvizie, prodotti topici cosmetici e integratori specifici).
    Non ultimo, Conte potrebbe affidarsi a prodotti per il camouflage della calvizie per il “tocco finale”.
  3. Trapianto di capelli
    una o più sessioni di autotrapianto di capelli, risultate particolarmente efficaci in virtù di una zona donatrice di tutto rispetto, potrebbero aver permesso ad Antonio Conte di ottenere gli ottimi risultati oggi visibili affidandosi esclusivamente a questa soluzione.


Parzialmente tratto, tradotto e adattato dal Sun.

 

APPROFONDIMENTI 

Trapianto di capelli sbagliato: il caso del medico condannato

Il Mondiale di calcio… alla calvizie

La calvizie dei potenti: i capelli di Elon Musk

PRODOTTI CORRELATI


1 barattolo da 120 compresse

Kmax Healing Hair Transplant Post Surgery Follicle Activator Supplement è un integratore alimentare specifico per il post-trapianto a base di principi utili per incrementare e velocizzare la ricrescita dei capelli ...


1 pochette da viaggio include: 1 olio lenitivo, 1 foamer shampoo, 1 detergente ultra-delicato, 1 integratore specifico post-trapianto, 1 libretto informativo

Kmax Healing Hair Transplant Post Surgery Kit è il primo set di prodotti specificamen...


1 Flacone da 32gr

Kmax Hair Fibers Black edition: il make up istantaneo per capelli per nascondere diradamento e calvizie in pochi secondi.  Fibre micronizzate di cheratina naturale in grado di legarsi elettrostaticamente ai capelli fini e...

8 Commenti

  1. Alla solita maniera con anti-dht e sostanze tipo minox, ma usate per tempo. Tieni conto che per molti anni sino al 2009, ossia quando Conte aveva già smesso di giocare, chi praticava sport a certi livelli non poteva usare finasteride per questioni di doping (ossia poteva servire per mascherare il doping).

    Ciao

    MA – r l i n

  2. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Alla solita maniera con anti-dht e sostanze tipo minox, ma usate per tempo. Tieni conto che per molti anni sino al 2009, ossia quando Conte aveva già smesso di giocare, chi praticava sport a certi livelli non poteva usare finasteride per questioni di doping (ossia poteva servire per mascherare il doping).

    Ciao

    MA – r l i n

    Spesso dicono che il diradamento diffuso da Aga psicogena sia la condizione peggiore per il trapianto.. non sembra il suo caso però!
    Tu pensi sia una protesi?

  3. Leggendo in giro mi ero convinto fosse solo un trapianto durevole, ma ci sono altri specialisti che parlano apertamente di protesi. Come scoprirlo? Col taglio di capelli, mi pare che Conti non cambi il taglio di capelli, non credo si possa trovare un solo parrucchiere che possa vantarsi di aver acconciato Conte negli ultimi anni.

    Ciao

    MA – r l i n

  4. Oppure, come esistono casi di malattie incurabili che inspiegabilmente guariscono, può essere un caso di guarigione da AGA… miracolo o autoguarigione…
  5. No, questo è escluso, ha fatto sicuramente almeno tre trapianti. Secondo alcuni esperti con l’ultimo ad alta densità da Hasson nel lontano 2007 si sarebbe sistemato, ma alcuni lo mettono in dubbio. Di certo dopo che ha smesso di giocare ha potuto usare fina e questo può anche far pensare che con questa abbia potuto mantenere.

    Ciao

    MA – r l i n

  6. Era vietata perché poteva mascherare il doping, questo sino al 2009 e Conte ha fatto il secondo trapianto nel 2004 quando ancora giocava.

    Ciao

    MA – r l i n

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui