Alopecia androgenetica: la definizione di calvizie comune

Alopecia androgenetica è l'espressione con cui viene indicata la cosiddetta "calvizie comune". Scopriamone le caratteristiche.

1
4759

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 1 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
calvizie androgenetica definizione

Alopecia androgenetica: definizione e significato per capire bene di che cosa si parla.
L’alopecia androgenetica (detta anche “calvizie androgenetica”) è la forma più conosciuta delle alopecie non cicatriziali definita anche, per la sua diffusione, calvizie comune. Viene spesso chiamata anche con termini riduttivi come “seborroica”, “precoce” o “maschile”.

E’ una condizione caratterizzata dalla progressiva perdita dei capelli, principalmente nella zona del cuoio capelluto. È una delle forme più comuni di perdita dei capelli ed è causata da una combinazione di fattori genetici e ormonali.

Alopecia androgenetica definizione ed etimologia dei termini

Per dare uan definizione dela termine ‘alopecia androgenetica’ dobbiamo iniziare dall’etimologia delle parole che la compongono.
‘Alopecia’ si riferisce alla perdita dei capelli o alla calvizie. Esistono diverse forme di alopecia, ma l’alopecia androgenetica è la più comune.
Androgenetica è una parola composta da “Andro”, che deriva dal termine greco ‘andros’ che sta per “uomo”, e “genetica” che si riferisce all’ereditarietà.
Sulla base quindi dell’etimologia la definizione di alopecia androgenetica implica che la condizione di perdita e caduta dei capelli è influenzata da fattori genetici e legata agli ormoni androgeni.

Gli androgeni sono ormoni sessuali, e il principale androgeno coinvolto nell’alopecia androgenetica è il diidrotestosterone (DHT), che è un derivato del testosterone. Nei soggetti geneticamente predisposti, il DHT può legarsi ai follicoli piliferi sensibili ai recettori androgeni nel cuoio capelluto, causando una riduzione del ciclo di crescita dei capelli, una progressiva miniaturizzazione dei follicoli e, di conseguenza, la perdita dei capelli.

L’alopecia androgenetica colpisce sia uomini che donne, ma si manifesta in modo diverso nei due sessi. La calvizie maschile inizia tipicamente con la linea sottile che si ritira gradualmente, spesso formando la caratteristica forma di “M”. Successivamente, la perdita dei capelli progredisce verso la sommità della testa, lasciando una zona calva nota come corona. Nelle fasi avanzate, la zona calva sulla sommità e quella frontale possono fondersi, lasciando solo una striscia di capelli sui lati e nella parte posteriore della testa.
L’alopecia androgenetica nelle donne solitamente non provoca una calvizie completa come negli uomini. Invece, i capelli tendono a diradarsi su tutta la testa, specialmente nella parte superiore, mantenendo comunque la linea frontale intatta.

alopecia androgenetica definizione

Alopecia androgenetica definizione e caratteristiche

Per l’alopecia androgenetica la definizione è dunque chiara. Vediamo ora come si presenta e da che cosa è caratterizzata. Essa si riconosce per un’iniziale perdita dei capelli del vertice e successivo coinvolgimento alopecico di tutta la parte alta del cuoio capelluto. In generale, la nuca e le tempie vengono risparmiate fino ad arrivare alla cosiddetta “calvizie a corona“.

Inoltre, la calvizie androgenetica è accompagnata spesso (ma non costantemente) da seborrea e da desquamazione furfuracea.

Per saperne di più

Per le informazioni dettagliate su questa forma di calvizie, consultare la sezione specifica e dettagliata intitolata “Calvizie comune“.

 

ARTICOLI CORRELATI

I migliori prodotti per la caduta di capelli – Indice di categoria

Kmax Hair Growth Therapy Set

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.