Prolattina e il suo ruolo nella calvizie androgenetica

Il ruolo della prolattina nella calvizie comune è stato di recente evidenziato dalla sperimentazione di anticorpi monoclonali sui macachi che sviluppano calvizie. Vediamo il nesso tra questo ormone e i problemi di capelli.

68
Data di revisione
2398

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 3 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
prolattina

Prolattina e prostata

La prolattina è un ormone prodotto dall’ipofisi e deputato prevalentemente all’allattamento materno. Viene però prodotto anche nei maschi e ha un effetto indipendente dagli androgeni sull’ipertrofia prostatica benigna. Questa è l’affezione che presenta i più forti paralleli con la calvizie o alopecia androgenetica. Infatti, i rimedi utilizzati per curarla, come finasteride e serenoa, sono utilizzati anche per contrastare la calvizie maschile.

Relazione con gli enzimi

Nella moderna tricologia, si è ipotizzato che la prolattina porti ad un aumento dell’espressione e dell’attività degli enzimi 5 alfa reduttasi e 17 beta- idrossisteroide deidrogenasi. Il primo è l’enzima che converte il testosterone in DHT (diidrotestosterone), mentre il secondo trasforma l’androstenedione nel più potente testosterone. La prolattina aumenterebbe, quindi, l’azione degli androgeni a livello locale, accentuando la spinta a sviluppare calvizie nei soggetti geneticamente predisposti.

Si giustificherebbe così la seborrea e la perdita dei capelli nelle donne con amenorrea e con iperprolattinemia, così come nelle balie.

prolattinaFig.2: La prolattina promuove la lattazione e la suzione del latte da parte del neonato aumenta la secrezione di prolattina e stimola la produzione del latte materno.

Sintesi locale

Alcuni studi scientifici sulla cute dei topi e su quella umana hanno riscontrato la sintesi a livello locale di questo ormone che agisce parimenti sui recettori della prolattina (PRLR). Si è potuto constatare che questa sintesi locale di prolattina ha effetti sulla crescita del pelo e dei capelli e sulla proliferazione dei cheratinociti.

Peraltro, queste scoperte hanno confermato quanto era già stato trovato in precedenza su altri modelli animali nei decenni precedenti. Nell’uomo, è stato riscontrato che la prolattina e il suo recettore sono espressi a livello genico e proteico nel cuoio capelluto, mentre il gene della prolattina non è stato rilevato nella cute del resto del corpo.

Senza il recettore

Non in tutti gli animali la prolattina agisce come inibitrice della crescita del pelo, in molte specie ha anzi azione opposta. Tuttavia, sui topi di laboratorio risulta un potente inibitore della crescita pilifera portando alla morte (apoptosi) dei cheratinociti della matrice dei follicoli piliferi. Si è però riscontrato che i topi geneticamente modificati in modo di non avere il recettore della prolattina hanno una pelliccia più lunga e più folta rispetto ai topi normali.

Diversità di genere?

L’ormone che contrasta la prolattina è la dopamina la cui sintesi viene incentivata con i cosiddetti farmaci dopaminergici. In uno studio del 1993, le donne trattate con uno di questi dopaminergici, la bromocriptina, sviluppavano effluvio, mentre gli uomini no. Di conseguenza, si è ipotizzato che nelle donne la prolattina abbia un ruolo di mantenimento della fase di crescita dei capelli e, quindi, ne incentivi lo sviluppo.

Prolattina e trapianti

Lo studio della Foitzik del 2006 sui capelli maschili presi dalla zona occipitale (la “donor area” dei trapianti di capelli) e sottoposti ad alti livelli di prolattina evidenziava l’inibizione sia della produzione del fusto sia della proliferazione dei cheratinociti della matrice. Su queste pagine abbiamo peraltro già documentato di casi di trapianti di capelli non andati a buon fine per l’eccesso di prolattina.

Esperimento su capelli femminili

Per confermare queste differenze di genere nell’azione della prolattina sui capelli, Foitzik e Paus nel 2009 presero dei follicoli dei capelli dalla zona frontoparietale (frontale e tempie) femminili e li sottoposero allo stesso dosaggio di prolattina. I capelli femminili ebbero una crescita: questa poteva essere inibita da un antagonista del recettore della prolattina. Gli stessi ricercatori accertarono poi che l’antagonista del PRLR induceva la fase di arresto della crescita, ossia il catagen, con i relativi geni coinvolti in questa fase.

Inoltre, accertarono la proliferazione dei cheratinociti della matrice dei follicoli dei capelli frontoparietali femminili con la somministrazione di prolattina.

prolattinaFig.3: Nell’ipofisi, o ghiandola pituitaria, viene sintetizzata la prolattina.

Prolattina: le ipotesi dei ricercatori

Vengono, quindi, ipotizzati degli effetti differenti della prolattina legati al sesso e alle diverse aree dello scalpo. In particolare, si ipotizza che gli effetti siano diversi tra i due sessi e le varie aree per la differente distribuzione del recettore PRLR. I percorsi biochimici attivati dal legame della prolattina con il suo recettore varierebbero, appunto, in base al genere e alla posizione dei cheratinociti nelle aree del cuoio capelluto.

Variazioni giornaliere

I ricercatori ipotizzano anche che i differenti livelli serici di prolattina durante la giornata tra maschi e femmine inneschino le differenze di genere nell’espressione del recettore PRLR e la sensibilità alla stimolazione della prolattina. Il dosaggio della prolattina nel sangue, insieme a quello di altri ormoni, può servire sia per diagnosticare la calvizie maschile che quella femminile. Per quest’ultima viene chiesta la rilevazione di base e a riposo, infatti la sintesi di prolattina è influenzata sia degli stress fisici che da quelli emotivi.

Parallelo con l’estradiolo

Anche l’estrogeno più potente, il 17 beta estradiolo, ha dimostrato in analoghe sperimentazioni di agire in modo differente sui follicoli dei capelli dell’area frontoparietale femminile e su quelli della stessa area maschile. Quindi, una diversa risposta di quest’area alla prolattina non rappresenterebbe un’eccezione.

Gli anticorpi del PRLR

La prolattina sta suscitando un vivo interesse presso chi si occupa di trattamenti contro la calvizie da quando è stato sperimentato sui macachi dalla coda mozza un preparato a base di anticorpi monoclonali del recettore PRL. Questa specie di macachi è la stessa da cui sono passate tutte le principali sperimentazioni dei farmaci contro la calvizie poi approvati per uso umano come minoxidil e finasteride.

Infatti, questi macachi sviluppano una calvizie analoga a quella umana e con la somministrazione degli anticorpi monoclonali hanno riportato una ricrescita significativa nella zone diradate.

Bayer e Hope Medicine

Il preparato a base di anticorpi è un brevetto della nota multinazionale farmaceutica tedesca Bayer. Tuttavia, lo sviluppo di questo brevetto come cura per la calvizie viene condotto sotto licenza dall’azienda biotech cinese Hope Medicine. Il brevetto di questi anticorpi denominato BAY 1158061, diventa cosi HMI-115 di Hope Medicine.

Al momento, il farmaco di Hope Medicine ha completato gli studi preclinici sui macachi dalla coda mozza e uno studio di fase 1 sull’uomo in Europa che lo ha confermato come sicuro. Hope Medicine prevede di avviare studi clinici multicentrici di fase 2 per HMI-115 nel 2022.

prolattinaFig.4: Una famiglia di macachi dalla coda mozza, gli esemplari adulti soffrono di una calvizie analoga alla calvizie comune dell’uomo.

Finalmente una cura?

La peculiarità di HMI-115 è dovuta al fatto che potrebbe rappresentare una cura e non solo un trattamento contro la calvizie. Questo perché i macachi trattati per sei mesi più di quattro anni fa hanno continuato a mantenere i risultati raggiunti una volta cessata la somministrazione degli anticorpi contro il PRLR. Finora per la calvizie, si sono trovati solo dei trattamenti, ossia applicazioni di farmaci che vanno mantenute per un tempo indefinito se si vogliono mantenere i risultati raggiunti.

Cosa fare nel frattempo?

Anche se Hope Medicine pare voler bruciare le tappe per l’approvazione di HMI-115, si pensa che questo potrà essere commercializzato in Occidente non prima della fine di questo decennio. Trattandosi di un specie di vaccino da iniettare sotto la cute non sarà prevista la possibilità di un uso domestico dello stesso, ma saranno possibili solo applicazioni presso studi con personale medico o specializzato. Sorge, quindi, spontanea la domanda di come fare per emulare, almeno parzialmente, l’azione di HMI-115 prima che questo diventi disponibile per tutti tra alcuni anni.

Antiprolattinico naturale

Il principale preparato non farmacologico dopaminergico che contrasta la prolattina è l’estratto di Agnocasto (Vitex agnus castus). Questo ha un effetto paradosso, perché preso sistemicamente a dosi basse (200 mg) alza la prolattina, mentre con dosi di 400 mg o superiori abbassa la prolattina ematica. Indipendentemente da questo effetto sulla prolattina l’estratto di Agnocasto contiene principi attivi come la vitexina che hanno dimostrato di favorire la crescita dei capelli.

Il recettore della prolattina

Il recettore PRLR dei follicoli dei capelli è il bersaglio sia della prolattina sistemica che di quella sintetizzata localmente. Ovviamente inattivando il recettore come avviene con gli anticorpi monoclonali si risolve il problema alla base. Un risultato simile lo si può ottenere forse con i gli antagonisti del recettore PRLR. Al momento non si conoscono sostanze naturali e di pronto uso che agiscano in questo modo. Si dovrebbero comunque ottenere degli effetti analoghi, benché meno significativi, agendo sia sistemicamente che localmente con preparati a base di estratti di Agnocasto.

Quale sintesi locale?

La principale obiezione ad un’azione di questo genere è che la sintesi locale di prolattina non dipenderebbe dalla dopamina come la sintesi che avviene nell’ipofisi. Tuttavia, almeno nelle cellule adipose, si è riscontrato un meccanismo analogo a quello ipofisario in cui i recettori della dopamina, se stimolati, inibiscono l’espressione genica e il rilascio della prolattina a livello locale.

Segnalazione post-recettore

Se non è possibile agire sul recettore PRLR è, invece, ancora possibile agire sulle segnalazioni biochimiche che avvengono dopo il legame della prolattina con il suo recettore. In questa fase, rivestono un ruolo primario le Janus chinasi (JAK). Si tratta di enzimi già molto noti in tricologia perché la loro inibizione da parte di alcuni farmaci specifici ha portato a grandi risultati nell’alopecia areata. Un’azione simile è stata presa in considerazione anche per l’alopecia androgenetica. Nel caso della prolattina è coinvolta la JAK2.

prolattina capelliFig.5: Oltre a bloccare il recettore della prolattina si può agire sulla segnalazione che avviene dopo il legame tra l’ormone e il suo recettore. Ad esempio su JAK2 (dallo studio).

Inibire JAK2?

Alcuno pazienti con alopecia areata su tutto lo scalpo trattati con un inibitore della JAK3 hanno recuperato i capelli mostrando però i diradamenti tipici della calvizie comune alla quale si era sovrapposta l’alopecia areata. Resta il dubbio se con un inibitore della JAK2 avrebbero potuto avere un recupero esteso anche alle zone colpite da calvizie comune. Due sostanze naturali che inibiscono la JAK2 sono l’acacetina e la pinostrobina.

damiana Fig. 6: I fiori della Damiana, il piccolo arbusto appartenente alla famiglia delle Turneracee dalle proprietà afrodisiache e stimolanti. 

L’acacetina si trova nella Damiana (Turnera diffusa), una pianta afrodisiaca probabilmente perché dopaminergica. Gli estratti di questa pianta usati sistemicamente e topicamente, affiancati a quelli dell’Agnocasto potrebbero costituire un mix antiprolattinico di tutto rilievo che potrebbe dare risultati anche a livello locale, ossia sul cuoio capelluto e sui follicoli dei capelli.

Possibile compensazione

Le sostanze dopaminergiche che contrastano la prolattina hanno effetti stimolanti sulla sessualità e potrebbero affiancare gli anti-DHT come finasteride utilizzati contro la calvizie, di cui molti temono l’azione opposta, per compensarne e invertire gli effetti indesiderati. Tutto questo senza inficiarne l’azione contro la calvizie, ma anzi rafforzandola. Se tutto funzionasse, si tratterebbe di un’ottima quadratura del cerchio nella lotta alla calvizie ereditaria.

 

APPROFONDIMENTI 

Prolattina: le ultime rivelazioni nella lotta contro la calvizie

Inibizione della prolattina: approfondimenti sull’azione anti-calvizie

Gli inibitori JAK cureranno anche l’AGA ?

PRODOTTI CORRELATI 


1 Flacone da 60 Capsule

Integratore alimentare a base di Ajuga reptans 500mg estratto secco 10:1 con forte azione antiossidante, antinfiammatoria e inibente l’enzima 5 alfa reduttasi che, trasformando il te...

 


1 FLACONE DA 100ML 

Lozione per capelli anti-caduta e fortificante per uomo. Trattamento topico a base di serenoa repens, sfinganina, luppolo, agnocasto e ribes nigrum. Ideale dopo perdite di capelli abbondan...

68 Commenti

  1. Bellissimo articolo! Io sono totalmente convinto che questa strada sia da perseguire e che darà risultati..
    Io nel frattempo sto facendo applicazioni tipiche di estratto di agnocasto; converrebbe prenderlo anche sistemico?
  2. Molto interessante, anche io sono fiducioso su questa strada.
    A quando nello shop un topico con le due sostanze descritte verso la fine dell’articolo? (acacetina e pilostrobina)
  3. Son contento che vi sia piaciuto, mi è stato richiesto un articolo su questo argomento da Ieson stesso e ho cercato di ampliare un po’ quanto detto nei due articoli precedenti su questo argomento.

    Quando mando le bozze alla redazione invio sempre una copia al ns. Dep, in modo che possa prendere spunto per nuovi prodotti. Speriamo si inventi qualcosa, io sto procedendo con tintura di agnocasto e di damiana, ma tra poco mi dovrebbe arrivare anche quella di peonia (vedi articolo di due settimane fa). L’acacetina ha anche azione antiaromatasi, questa è contrastata da sostanze estrogeniche contenute nella stessa damiana, ma con la peonia si dovrebbe ribaltare questa cosa a favore dell’aromatasi locale che è forse l’enzima che serve di più per tentare una ricrescita.

    Ciao

    MA – r l i n

  4. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Son contento che vi sia piaciuto, mi è stato richiesto un articolo su questo argomento da Ieson stesso e ho cercato di ampliare un po’ quanto detto nei due articoli precedenti su questo argomento.

    Quando mando le bozze alla redazione invio sempre una copia al ns. Dep, in modo che possa prendere spunto per nuovi prodotti. Speriamo si inventi qualcosa, io sto procedendo con tintura di agnocasto e di damiana, ma tra poco mi dovrebbe arrivare anche quella di peonia (vedi articolo di due settimane fa). L’acacetina ha anche azione antiaromatasi, questa è contrastata da sostanze estrogeniche contenute nella stessa damiana, ma con la peonia si dovrebbe ribaltare questa cosa a favore dell’aromatasi locale che è forse l’enzima che serve di più per tentare una ricrescita.

    Ciao

    MA – r l i n

    Riguardo all’agnocasto sistemico cosa ne pensi?

  5. Sì, potrebbe fare meglio di quello topico, ma usarli assieme sarebbe la cosa giusta. Io ho provato a usare la tintura anche sistemica, ma l’aumento della dopamina non è il massimo per chi come me può avere tachicardia.

    Ciao

    MA – r l I n

  6. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Sì, potrebbe fare meglio di quello topico, ma usarli assieme sarebbe la cosa giusta. Io ho provato a usare la tintura anche sistemica, ma l’aumento della dopamina non è il massimo per chi come me può avere tachicardia.

    Ciao

    MA – r l I n

    Nel caso, quale sarebbe la posologia corretta?
    P.S. a te sta facendo qualcosa l’agnocasto topico?

  7. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Nel caso, quale sarebbe la posologia corretta?
    P.S. a te sta facendo qualcosa l’agnocasto topico?

    Se prendi l’estratto di agnocasto l’effetto antiprolattina è con 400 mg.

    Il solo agnocasto non posso dire che abbia fatto qualcosa, ma nel contesto di microneedling e tutto il resto la situazione è migliorata.

    Ciao

    MA – r l i n

  8. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    La lozione restax, che contiene agnocasto, può essere utile in questo contesto?

    Sì certamente.

    Sì la mucuna potrebbe pure servire, ma meglio non aggiungere troppi dopaminrgici perché pura la dopamina non è il massimo per i capelli.

    Ciao

    MA – r l I n

  9. No con i topici si va con molto attivo sull’obiettivo direttamente, quindi non si rischia di portare a produrre più prolattina, del resto non risulta che chi ha utilizzato agnocasto topico abbia avuto peggioramenti, al massimo non ha avuto miglioramenti. Comunque nell’agnocasto c’è la vitexina che è attiva sulla crescita dei capelli e non è l’attivo che agisce sulla prolattina.

    Ciao

    MA – r l i n

  10. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    L’agnocasto sistemico non fa male agli uomini?

    No, se non si esgera col dosaggio, se si esagera si ha troppa dopamina, che aumenta la libido, ma può portare all’eiacilazione precoce. Dosaggi bassi sui 200 mg invece aumentano la prolattina e abbassano la libido.

    Ciao

    MA – r l I n

  11. Purtroppo le tempistiche di questo filone (anticorpi prolattina) sembrano un pò lunghette, mi auguro qualcosa di "meno efficace", ma che esca più velocemente, sulla via dell’ipossia per esempio
  12. E’ possibile, anche se nell’uomo il proge è minimo, comunque si può sempre misurare meglio se con un "prima" e un "dopo" l’assunzione o l’applicazione di qualcosa che comporta cambiamenti ormonali.

    Ciao

    MA – r l i n

  13. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    E’ possibile, anche se nell’uomo il proge è minimo, comunque si può sempre misurare meglio se con un "prima" e un "dopo" l’assunzione o l’applicazione di qualcosa che comporta cambiamenti ormonali.

    Ciao

    MA – r l i n

    Ma come potrebbe aumentare la libido allora?

  14. Sì ma ci sono dei precedenti di successo con l’uso dell’Agnocasto (che non è una novità) sia nelle donne (dove è di uso più comune) che negli uomini (quei pochi che lo hanno usato). Poi va detto che l’Agnocasto non possiede solo gli attivi dopaminergici in favore dei capelli, per esempio è appunto ricco di vitexina (da Vitex agnus castus) che anche da studi recenti si è mostrata attiva nella crescita dei capelli. Quindi è invece facile che in un modo o nell’altro, o anche in più modi, possa portare benefici ai capelli.

    Ciao

    MA – r l i n

  15. Non esagerate con le dosi, non è sempre vero che di più è anche meglio. Specialmike per esempio ha già qualche problema a livello di seno e sospetta che sia l’ultimo arrivato a provocarlo, ossia l’agnocasto. Questo perché comunque favorisce il progesterone endogeno abbassando la prolattina.

    Ciao

    MA – r l i n

  16. E’ possibile, anche se non si sa se è l’agnocasto a dare questo side o molte delle altre cose che usa Spcialmike, tra cui estrogeni topici a percentuale non bassa e fina sistemica. Va però detto che non è un gonfiore, ma la sensazione di punture di spilli, che potrebbe anche essere dovuta allo sgonfiamento, ossia all’effetto contrario.

    Ciao

    MA – r l i n

  17. Sulla qualità non posso dire nulla, a me è capitato di prendere almeno un integratore in bulk molto conveniente che però non mi pareva molto efficace.

    Abitualmente si parla di polvere per 400 mg.

    Ciao

    MA – r l i n

  18. L’acacetina ha anche attività antiaromatasi (infatti la prendono i body builders), ma la damiana contiene anche sostanze che contrastano questa attività. Io la uso topica da diversi mesi, anche se non tutti i giorni e non posso dire di avere avuto problemi. Del resto la uso per un altro tipo di attività ossia per l’inibizione di Jak 2 nel percorso attivato dal recettore delle prolattina.

    Ad ogni buon conto e non solo a causa dell’acacetina, di recente ho aggiunto la peonia (due prodotti), sempre topica, che aumenta l’aromatasi.

    Ciao

    MA – r l i n

  19. No, la fa l’acacetina e quindi la damiana.

    Sicuramente la 17 alfa è più potente, ma vuoi mettere emularla con la peonia che costa anche molto meno;)

    Ciao

    MA – r l i n

  20. A chi dici? Io l’equiseto l’ho utilizzato una quindicina di anni fa più o meno e non mi aveva dato alcun risultato.

    Ciao

    MA – r l i n

  21. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Marlin ma usare 2 antiprolattinici nn sn troppi??

    No , perché la Damiana agisce dopo il legame con il recettore, è un’azione a tenaglia per emulare il più possibile gli anticorpi monoclonali.

    Ciao

    MA – r l I n

  22. Io prendevo direttamente la tintura che uso topica, poi esiste pure l’olio essenziale da assumere sistemico in gocce.

    Ciao

    MA – r l I n

  23. Ragazzi ho un paio di domande da farvi riguardo l’agnocasto:
    Ho preso l’integratore della solgar, la cui dose giornaliera consigliata è di 3 cp\die per un totale di 1200 mg di frutto secco in polvere. Per ciò che serve a noi, ne basta una al giorno quindi? Anche perché in teoria è venduto come aiuto per il ciclo mestruale.
    Altra domanda, può avere interferenza con paroxetina?
    infine, è indifferente l’orario di assunzione?
    Grazie a tutti!
  24. Nella sindrome premestruale l’agnocasto è un’alternativa alla paroxetina, quindi potrebbe rafforzarne l’azione, anche se non ho trovato consigli di usarli assieme a questo scopo.

    Ciao

    MA – r l i n

  25. O

    class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Nella sindrome premestruale l’agnocasto è un’alternativa alla paroxetina, quindi potrebbe rafforzarne l’azione, anche se non ho trovato consigli di usarli assieme a questo scopo.

    Ciao

    MA – r l i n

    Ottimo, per quanto riguarda la libido, ha effetti collaterali? La.paroxetina li ha ed in effetti anche il nome, Agno casto, sembrerebbe suggerire questo

  26. Può andare bene anche questo della Solgar?
    Non sono pratico di titolazioni, ma da 1 a 3 al giorno sono da prendere, magari ne basta una.

  27. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Può andare bene anche questo della Solgar?
    Non sono pratico di titolazioni, ma da 1 a 3 al giorno sono da prendere, magari ne basta una.

    Quello è perfetto. Una al giorno

  28. Ravanando nei cassetti ho ritrovato un mezzo flacone di fillanto, già che sono in vena magari lo finisco (quando lo usavo facevo mooolta più plin plin, per quello ho smesso..).
    Ci sono controindicazioni ad usarlo insieme all’agnocasto?
  29. In quello studio aumentava l’estradiolo perché nelle donne si regolarizza il ciclo che è l’effetto che si voleva ottenere , l’agnocasto non c’entra con gli estrogeni,

    Ciao

    MA – r l i n

  30. In commercio ci sono solo prodotti per abbassare la prolattina che è il motivo per cui si usano i preparati con Agnocasto.

    Ciao

    MA – r l I n

  31. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Ragazzi dell’Agnocasto orale, cm procede?Risultati sui capelli?Libido e umore?

    class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Ragazzi dell’Agnocasto orale, cm procede?Risultati sui capelli?Libido e umore?

    Io purtroppo devo dire che al momento non ho risultati in nessuno dei campi da te citati.
    Volevo quasi pensare di aumentare il dosaggio

  32. Confermo pure io gli effetti "afrodisiaci".
    Da subito dopo che ho iniziato a prenderla ho notato che l’attrezzo non si rintanava più nei sui alloggi, ma rimane barzullo per una buona mezza giornata|😅
    Per comodità lo prendo la sera (e mi pare anche di dormire meglio).

    Per i capelli rimango in attesa.

  33. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Ma ragazzi, siete sicuri che non ci sia il rischio di "addormentare" l’attrezzo, nonostante si dica che a dosi elevate si ottenga l’effetto opposto? A me sembra così strano. Felice che vi stiate trovando bene :D

    L’effetto paradosso è piuttosto comune in farmacologia:

    Anche se si dovrebbe più correttamente parlare di ormesi:

    Ciao

    MA – r l i n

  34. Mi sembra pure di avere un ulteriore effetto, quando faccio plin plin…
    Noto che ne faccio molta di più del solito, la vescica si riempie, ma non ho lo stimolo finché proprio non é super piena.
    Tutto il contrario di mio padre che, sarà per l’età e la prostata, va spessissimo e ne fa poca… 😅

    É un effetto riconosciuto? Potrebbe essere utile x mio padre? A me sembra che dia l’effetto di farne fare tanta tutta insieme, ma raramente.

  35. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Dopo quanto tempo hai riscontrato questo..?

    Meno di una settimana, che è più meno da quando ho aggiunto l’agnocasto.
    Ma l’effetto non è di farne di più in senso assoluto, ma di farne sempre la stessa quantità "giornaliera", ma più raramente (quindi ogni volta un volume più alto del solito).

  36. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Scusa Marlin cerca di tranquillizzarmi su questo passaggio. L’aumento di progesterone nell’uomo se non erro può denotare Seri problemi in zona gioielli di famiglia dunque sicuro che con fratello agnocasto non risolviamo il problema prolattina, ma ne andiamo a creare uno con gli zebedei ?? Oltretutto non capisco la correlazione con il side al capezzolo di Special M. Con l’aumento del progesterone… Per quanto concerne la zona capezzolo e relativi sides non è proprio l’ormone prolattina coinvolto?

    E’ una zona su cui, come dovrebbe essere noto, influiscono vari ormoni: gli estrogeni, il progesterone e la prolattina.

    Non è che nell’uomo possa aumentare più di tanto il progesterone, nella donna avviene con la regolarizzazione del ciclo che è poi lo scopo per cui si prende l’agnocasto, ma gli uomini il ciclo non ce l’hanno.

    Ciao

    MA – r l i n

  37. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Si ma denota una situazione abbastanza allarmante,sembra più una ricerca al benessere psicologico e sessuale

    Vero. Ma mi sembra evidente (e pensavo che fosse scontato) che qui il problema generale sia di natura psicologica: la calvizie, o perlomeno l’epoca di insorgenza, è determinata da frustrazione, ansia, infelicità, stress. C’è la predisposizione genetica, certo, ma da sola questa fa poco, a parte forse i casi di norwood elevati in poco tempo e giovanissima età.
    Tutto il resto è solo segno di sofferenza.
    Trovatemi una persona, una sola, che cominci a sviluppare calvizie in una situazione di assoluta felicita, soddisfazione e serenità.

  38. La tipica controprova: gente non predisposta alla calvizie, come gli internati nei lager, che se scampavano a queste prove uscivano ridotti a scheletri, ma con tutti i capelli con cui erano entrati. Idem per tanti finiti in prigione travolti da vicende veramente pesanti e infamanti, ne dico solo due dei miei tempi Walter Chiari ed Enzo Tortora, non erano calvi e non lo diventarono dopo prove così dure a livello psico-fisico, ma gli esempi si sprecano…

    Ciao

    MA – r l i n

  39. Ma difatti ho detto che la predisposizione genetica è fondamentale, ma non nel determinarne l’insorgenza o perlomeno l’età.
    Il gene della calvizie, così come tanti altri, può rimanere inespresso per moltissimi anni oppure innescarsi in giovane età; questo viene determinato da fattori esterni come quelli che ho elencato prima
  40. Domanda, ma i classici shedding primaverili o autunnali, hanno una qualche correlazione con le oscillazioni della prolattina?
    Nel senso che tenendola bassa si possono prevenire oppure hanno un’altra causa e la prolattina non c’entra nulla?
  41. Può essere un’ipotesi su cui lavorare, anche se le variazioni della prolattina di cui si parla sono prevalentemente quelle circadiane, ossia nell’arco della giornate.
    Di sicuro c’è solo che insieme al DHT è l’unico ormone che va crescendo con l’invecchiamento (la prolattina molto di più del DHT).

    Ciao

    MA – r l i n

  42. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    ciao a tutti, ci sono aggiornamenti da chi sta utilizzando l’agnocasto? ho acquistato su amazon quello della Biotiva e lo sto prendendo da 8 giorni… per il momento nulla da segnalare sia in positivo che negativo

    Ma tu lo prendi per cosa?

  43. Ma hai avuto fin da subito questo effetto, oppure è iniziato dopo 3 settimane?

    Io non sono ancora a 3 settimane, ma ha solo ed esclusivamente un "boost" in quel senso.

  44. Io uso quella della Solgar, 1 al di, da 400 mg. A me fa pure troppo…
    Avevo sospeso per un paio di gg, insieme alla RU, per una sensazione di pesantezza al petto, poi rientrata.
    Quando ho ricominciato (con 1 sola pastiglia) l’effetto afrodisiaco é stato ancora più forte di prima.
  45. Qui non siamo "ovunque", qui siamo da vent’anni sull’argomento e già ai tempi era noto che basse dossi alzano la prolattina, mentre dosi più elevate la abbassano. Già allora il limite era stato individuato empiricamente a 400 mg/die per i maschi che comunque hanno fatto poco uso di questo rimedio (proprio per paura di avere più prolattina), quindi non è che ci sia un’esperienza molto ampia di utilizzo a lungo termine.

    Altra questione sono gli attivi e quindi la forma migliore per assumere agnocasto. L’agnocasto è ricchissimo di attivi diversi, solo qualche anno fa sono stati individuati quelli che agiscono sulla prolattina, quindi un estratto non vale l’altro anche se dosaggi più alti dovrebbero assicurare che questi attivi siano abbondanti e creino l’effetto desiderato. Non esiste una titolazione per questi attivi quindi si deve trovare l’estratto giusto che funzioni sulla persona che vuole abbassare la prolattina.

    Ciao

    MA – r l i n

  46. Marlin ci può essere un collegamendo di questo tipo: se ha effetti afrodisiaci allora probabilmente sta abbassando anche la prolattina?

    Oppure non sono direttamente correlate le due cose?

  47. class="bbCodeBlock bbCodeBlock--expandable bbCodeBlock--quote js-expandWatch">

    Marlin ci può essere un collegamendo di questo tipo: se ha effetti afrodisiaci allora probabilmente sta abbassando anche la prolattina?

    Oppure non sono direttamente correlate le due cose?

    Sì ovviamente, ne abbiamo parlato molte volte, cresce la dopamina che è l’antagonista diretta della prolattina e che porta a una libido più elevata.

    Abbiamo anche avvertito che come sempre "troppo" non sempre è ance "meglio". La prolattina è l’ormone che dopo l’eiaculazione da il periodo refrattario in cui non si possono avere altri rapporti e che da giovani può essere anche inesistente, ma di solito è comunque breve e si va allungano invecchiando. Però la prolattina è anche l’ormone che contrasta l’eiaculazione precoce nella quale sembra proprio avere un ruolo la dopamina. Insomma serve, come sempre, il giusto equilibrio tra gli ormoni, tenendo conto che per i capelli entrambi questi ormoni non sono un toccasana, ma probabilmente la prolattina è peggio.

    Ciao

    MA – r l i n

  48. Si in effetti ci sono i farmaci che abbassano la prolattina, ma finora non sembrano emersi effetti collaterali come ricrescita di capelli.
    L’agnocasto magari non funziona esattamente come i farmaci, forse potrebbe essere d’aiuto, certamente non sarà una svolta epocale delle cure dell’aga.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui