CBD per capelli: l’intervista

Riportiamo qui l’intervista del sito Hair Authority a uno dei ricercatori che hanno sperimentato e brevettato il cannabinoide CBD in funzione anticalvizie.

0
Data di revisione
527

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 1 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Il dott. Smith

Probabilmente non c’è nessuno sul pianeta che sappia di più sul CBD del Dr. Gregory Smith. Abbiamo incontrato il Dr. Smith per saperne di più sulla ricerca che ha recentemente completato e sulle sue implicazioni per la comunità che combatte la calvizie.

Il dottor Smith si è laureato in medicina alla Rush Medical School di Chicago e ha conseguito un master in salute pubblica alla Harvard University. Ha completato la formazione di specializzazione in medicina preventiva al Walter Reed Army Medical Center. È un ex maggiore dell’esercito americano. Possiede una vasta esperienza e formazione nel campo delle cure con i cannabinoidi.

Fig.1: Il Dr. Gregory Smith (dal sito hairautority.com). 

Il Dr. Smith vanta diverse pubblicazioni di ricerca peer-reviewed. Ha completato una sperimentazione umana sulla biodisponibilità delle nanoparticelle di CBD nel 2019 e sta attualmente conducendo una ricerca sulla biodisponibilità di altre formulazioni di CBD, così come uno studio sull’efficacia del CBD/CBDa (forma acida) topico per la ricrescita dei capelli.

Il nuovo libro di testo medico del Dr. Smith intitolato ‘Cannabidiol (CBD): Basic Science and Clinical Applications’ sarà pubblicato dalla Springer Press il prossimo anno. Il Dr. Smith è consulente scientifico e medico per la cannabis e le terapie a base di cannabinoidi per oltre una dozzina di aziende in quattro paesi.

CBD per capelli: lo studio

Intervistatore: I nostri lettori sono interessati a saperne di più sul CBD – da dove viene, perché è importante e perché tutti ne parlano oggi. Lei ha recentemente completato uno studio che ha esplorato gli effetti del CBD sulla perdita dei capelli.  Cosa avete trovato?

Dr. Smith: Possiamo fare un passo indietro e iniziare con il sistema endocannabinoide (ECS)? Capire come funziona l’ECS nel corpo ci porterà a capire meglio il CBD e mi darà la possibilità di discutere gli altri componenti dell’olio di canapa che sono importanti per i loro effetti sul follicolo pilifero.

Una delle funzioni primarie dell’ECS è il mantenimento dell’omeostasi energetica, quindi partiamo da lì.

Il CBD è solo uno dei tanti cannabinoidi presenti nell’olio di cannabis o di canapa – io preferisco dire “olio di canapa” perché la terminologia è meno legata alla droga. Ci sono 113 diverse sostanze chimiche liposolubili nell’olio di canapa chiamate cannabinoidi.


Fig.2: Il CBD, cannabidiolo, è un composto che si estrae dalla canapa (Cannabis sativa). 

L’attivo cattivo, ovviamente, è il THC (tetraidrocannabinolo) e non ce ne occupiamo. Quello buono è il CBD. Entrambi sono presenti in grandi quantità nell’olio. Gli altri 111 sono in quantità molto piccole, forse il mezzo percento o l’uno percento.

Quando abbiamo iniziato a studiare l’olio di canapa, ci siamo resi conto che ci sono molti effetti dei cannabinoidi sul nostro ECS innato nel corpo, compresi i recettori ECS sulla pelle e nel follicolo pilifero. Quindi, come potete immaginare, molte aziende farmaceutiche iniziarono a studiare gli oli di canapa e, anche se abbiamo documentato una varietà di effetti, abbiamo capito quale sistema queste altre sostanze chimiche stavano attivando solo 20 anni dopo, vale a dire negli anni ’90. Sapevamo che il CBD aveva degli effetti terapeutici molto importanti e che avevano un impatto sia sul cervello che sul corpo, ma è stato solo negli anni ’90 che abbiamo scoperto l’ECS e ci siamo resi conto che aveva più recettori nel cervello di qualsiasi altro sistema di neurotrasmettitori; più della serotonina, della dopamina, dell’acetilcolina, di tutti i comuni neurotrasmettitori più conosciuti.

L’ECS ha il secondo maggior numero di recettori in tutto il corpo, compresa la pelle e il cuoio capelluto. Quindi, è un sistema molto importante.

Perché è importante per la crescita dei capelli? Perché originariamente il corpo produceva i capelli per regolare la perdita di calore o mantenere il calore. Il 25% dell’intera perdita di calore avviene attraverso il cuoio capelluto, quindi i capelli sul cuoio capelluto erano molto importanti per i nostri  antenati durante le passate ere glaciali. Una delle funzioni primarie dell’ECS è l’omeostasi energetica. Cosa ha a che fare questo con il follicolo pilifero? Beh, quando fa freddo e arriva un’era glaciale, aumentiamo la regolazione dei follicoli in modo che diventino più spessi e più lunghi e forniscano un certo mantenimento del calore. Questo era particolarmente vero per i nostri antenati che avevano molti peli su tutto il corpo – i capelli allungati e ispessiti mantenevano il calore. Quasi come avviene in alcune specie che sviluppano il manto invernale.

Oggigiorno, le persone non hanno più tanti peli sul corpo, ma i capelli sulla nostra testa funzionano ancora in un modo molto atavico o antiquato che risponde ai recettori in una maniera molto particolare. Il follicolo pilifero ha un recettore chiamato recettore CB1. Ci sono diversi tipi di recettori ECS, ma il recettore CB1 è come un buco della serratura sulle cellule del follicolo pilifero e hai bisogno di una chiave per sbloccare le sue azioni. Se metti la chiave, in questo caso, una sostanza endocannabinoide che il nostro corpo produce, spegni le cellule dei capelli. In sostanza dice al fusto del pelo di smettere di allungarsi e dice alle cellule della matrice di rendere il pelo più sottile. Quindi, si ottengono capelli più sottili e corti.

Tuttavia, quando usiamo il CBD e cannabinoidi come i varani dell’olio di canapa, impediamo che ciò accada. Blocchiamo la capacità del corpo di spegnere queste cellule e, di conseguenza, blocchiamo la perdita e il diradamento dei capelli, comprese condizioni come l’alopecia androgenetica.

Se somministriamo il CBD e i cannabinoidi varani in una soluzione topica, questa penetra alla base del bulbo pilifero e si innesta su questi recettori e blocca tutto ciò che arriva a loro e che potrebbe dire loro di spegnersi. Gli studi hanno dimostrato che il risultato netto è un aumento dell’allungamento del fusto del capello che si ottiene attraverso i cheratinociti. Stimola anche la produzione del capello attraverso le cellule della matrice, che rendono i capelli più spessi. Può anche stimolare i siti della melanina per il colore dei capelli e aumentare la durata del fusto del capello prima che vada nella fase catagen e muoia.


Fig.3: La menta piperita ha attivi che agiscono sul recettore della capsaicina (TRPV1).

Inoltre, c’è un altro recettore ECS con il nome orribile di recettore TRPV1. Lo chiamiamo comunemente recettore della capsaicina perché ci trasmette attraverso la pelle le sensazione di caldo o di bruciore. La capsaicina è l’ingrediente del peperoncino che provoca la sensazione di bruciore in bocca. Quando sovrastimoliamo il recettore TRPV1 nel follicolo pilifero, lo inganniamo e permettiamo al capello di continuare a crescere. Possiamo ingannare i recettori della capsaicina con un ingrediente che si trova nell’olio di menta piperita.

Quindi, si ottengono moltissimi buoni effetti attraverso l’ECS usando CBD, cannabinoidi di tipo varano e olio di menta piperita.

L’obiettivo dello studio sul CBD e capelli

Intervistatore: È questo che avete cercato di dimostrare nello studio clinico?

Dr. Smith: Esatto. Volevo vedere quanto fossero sostanziali gli effetti del CBD. Per quanto ne sapevamo, gli effetti avrebbero potuto essere piccoli. Non sapevamo davvero molto sull’olio di canapa, dato che l’argomento della canapa e dell’olio di cannabis era precedentemente un argomento non trattato a causa del tabù legato alla droga.

Di conseguenza, era molto difficile ottenere fondi per la ricerca per studiare il CBD o per  pubblicare articoli. Il mio primo libro di testo, che ora è il libro di testo standard usato nei paesi di lingua inglese per formare studenti di medicina e farmacisti sui cannabinoidi, è stato incredibilmente difficile da far pubblicare. Ma abbiamo fatto molta strada da allora. Il mio secondo libro di testo su questo argomento è stato pubblicato dal più grande editore di libri del mondo, che è Springer Press. E ora abbiamo cinque farmaci a base di cannabinoidi approvati dalla FDA che sono disponibili al banco o su prescrizione medica. Le cose stanno evolvendosi molto rapidamente.

I libri

Intervistatore: Come si chiamano questi due libri di testo?

Dr. Smith: Il più recente si chiama “ Cannabis medica, scienza di base e applicazioni cliniche” per studenti di medicina e farmacologia in formazione. L’altro è “Cannabis medica e oppioidi: minimizzare l’uso di oppioidi attraverso la cannabis” e riguarda l’uso della cannabis per smettere con gli oppioidi. Quest’ultimo è quello della Springer Press.

CBD per calvizie: approfondiamo!

Intervistatore: I nostri lettori vorrebbero sapere di più dello studio clinico. 

Dr. Smith: Questo è quello che viene chiamato uno studio di prova di concetto. Abbiamo reclutato 35 pazienti dalla clinica di John Satino, e con il loro consenso informato, abbiamo condotto uno studio di sei mesi usando un siero di nanoparticelle di CBD che abbiamo formulato noi stessi. Per essere prudenti, abbiamo messo solo metà della dose che volevamo, ma nonostante questo, abbiamo avuto risultati sorprendenti.

Verso l’autorizzazione della FDA

Intervistatore: Come procederete? Farete uno studio più sostanzioso per ottenere l’autorizzazione della FDA?

Dr. Smith: La sicurezza dei cannabinoidi applicati topicamente è stata ben documentata negli anni. È incredibilmente sicuro, quindi abbiamo intenzione di andare avanti rapidamente e lavorare per stabilire la dose migliore. Studieremo anche se includere altre cose nella formulazione come l’olio di menta piperita che migliorerà ulteriormente l’effetto a causa della sua azione sui recettori dei cannabinoidi. Perché non combinare il CBD e l’estratto di olio di menta piperita, che stimolano diversi recettori che hanno tutti a che fare con l’allungamento, l’ingrossamento del fusto del pelo e il prolungamento della fase di crescita del capello? Il prossimo passo sarà una sperimentazione FDA di fase II con 60 pazienti: 3 diversi gruppi di 20 pazienti che ricevono ciascuno un diverso livello di dosaggio.

Tempi e fasi di ricerca

Intervistatore: Quanto tempo richiede questo tipo di ricerca?

Dr. Smith: La sicurezza è già stata provata. Abbiamo già fatto la prova di concetto, che è l’equivalente di una sperimentazione di Fase 1.  Quindi, ora stiamo entrando nella Fase II. Se si conferma ciò che abbiamo trovato nella Fase 1, allora cercheremo una grande azienda da coinvolgere per collaborare con noi e andare avanti nella Fase 3.

CBD per caduta capelli: la commercializzazione

Intervistatore: State cercando  una grande azienda come partner o pensate di commercializzarlo da soli?

Dr. Smith: Questo sarà un prodotto da banco, ma noi siamo già partiti con i prodotti topici per i capelli. Stiamo anche producendo un estratto a uso orale giornaliero che funziona in modo sinergico col topico. Non penso che il topico da solo sarà un successo di vendita. Ma potrebbe funzionare sinergicamente completando l’azione di minoxidil topico e finasteride sistemica.

Fig.4: Risultati sulla calvizie maschile dell’utilizzo dei prodotti con Alpha-Varin® (dal sito hairauthority.com).

L’unico posto dove attualmente puoi acquistare ReMane® con Alpha-Varin® (questa è la nostra combinazione brevettata di CBD, due cannabinoidi varani e olio di menta piperita) è www.TreevanaWellness.com. Abbiamo sia la lozione topica sia l’integratore. I cannabinoidi varani sono in realtà molto più potenti per questi effetti sul follicolo pilifero rispetto al solo CBD.

Fig.5: Risultati sulla calvizie femminile dell’utilizzo dei prodotti con Alpha-Varin® (dal sito hairauthority.com).

I competitors

Intervistatore: Ci sono anche altri gruppi che stanno studiando il CBD contro la calvizie, o lei è l’unico ricercatore in questo campo?

Dr. Smith: Ottima domanda e c’è una risposta molto chiara. La maggior parte delle compagnie e dei clinici non sanno cosa fare con i cannabinoidi, quindi se ne stanno alla larga. Penso che le compagnie farmaceutiche si chiedano se saranno in grado di far approvare o di brevettare i loro farmaci.

Ora che ci sono diversi cannabinoidi approvati dalla FDA, probabilmente c’è meno paura, ma ricordate, questi sono estratti vegetali. Non ci sono molti estratti vegetali approvati dalla FDA. Tuttavia, siamo riusciti a far approvare dalla FDA cinque farmaci cannabinoidi e ora che abbiamo superato questa barriera, continueranno ad approvarli. Ma non c’è nessun altro là fuori, che io sappia, che faccia ricerca sui cannabinoidi per la calvizie.

I migliori prodotti per caduta capelli

Intervistatore: Ci sono altri prodotti per stimolare effettivamente i recettori che aumentano la crescita dei capelli?

Dr. Smith: Promuovere la crescita dei capelli è una cosa molto specifica. È un meccanismo “a chiave”. Il corpo utilizza per questo i follicoli piliferi. Tutte le altre terapie per la calvizie attualmente disponibili, tra cui Rogaine®, Propecia®, Nioxin® e la terapia laser hanno una loro efficacia migliorando la salute del follicolo, attraverso vari mezzi, come l’aumento del flusso sanguigno o la diminuzione dell’accumulo di DHT. L’uso dei cannabinoidi è un nuovo approccio che sta effettivamente avvalendosi di un sistema innato mirato proprio a promuovere l’allungamento del fusto del pelo, aumentare il volume del fusto dei capelli e aumentare la vita del follicolo pilifero, mentre tutto il resto ha rilevanza marginale. I cannabinoidi sono qualcosa di più di un’azione di supporto. La terapia con i cannabinoidi è sinergica con gli altri trattamenti attualmente disponibili.

Abbiamo bisogno di più ossigeno per far crescere più velocemente il follicolo pilifero o meno testosterone che circonda i follicoli, in modo che ricevano più sangue? Certo, sono benefici, ma non vanno alla radice del problema. Non sono attivi deputati fisiologicamente a far sì che i capelli si allunghino, si ispessiscano e vivano più a lungo.

Far crescere i capelli lunghi e folti è una funzione specifica che risale geneticamente all’era glaciale e per la quale stiamo trovando la chiave. Siamo molto più vicini a trattare la condizione specifica invece di agire semplicemente a supporto intorno al follicolo pilifero.

Cellule staminali vs CBD per capelli che cadono

Intervistatore: Qual è la differenza nel meccanismo tra la terapia con cellule staminali e l’effetto dei cannabinoidi?

Dr. Smith: Domanda molto interessante. Io stesso faccio molte iniezioni di cellule staminali, in particolare sulle articolazioni e le adoro. Penso che i chirurghi ci odino perché stiamo prevenendo un sacco di interventi ortopedici su ginocchia, anche e spalle. I processi sottostanti che beneficiano maggiormente delle cellule staminali o della chirurgia sono la degenerazione di un’articolazione come il ginocchio o l’anca. Ma anche altri processi degenerativi come la demenza e l’Alzheimer possono essere dei candidati a queste terapie.

Il CBD più di ogni altro cannabinoide ha dimostrato di rallentare e prevenire i processi degenerativi nell’infiammazione cronica. Abbassa letteralmente il termostato sul livello di infiammazione in corso. L’infiammazione cronica acuta nelle articolazioni, nel cervello, forse anche nei vasi sanguigni è la causa della maggior parte delle malattie e dei danni dell’invecchiamento.

Quando si combina la CDB con la terapia con cellule staminali, si riduce l’infiammazione e si rallenta la degenerazione, poi si inseriscono cellule staminali per rigenerare nuove cellule giovani, si avviano due processi separati. Si rigenerano tessuti sani, articolazioni sane e si riesce a mantenere una mente sana. Ecco come funzionano insieme. Si completano a vicenda.

Intervistatore: Congratulazioni per la ricerca sul CBD e per favore ci tenga aggiornati su questo eccitante progetto.

Liberamente tratto e tradotto da “Everything You’ve Always Wanted to Know About CBD”. 

APPROFONDIMENTI

Quale è il significato evolutivo della calvizie comune?

CBD per calvizie: un altro studio

Studio sull’olio essenziale di menta

PRODOTTI CORRELATI

Tricapsures


€ 24,72


1 scatola da 60 compresse

Integratore per il trattamento delle malattie del capello a base di capsaicina, curcumina, resveratrolo e cannella.Interviene direttamente sulle cause di natura infiammatoria ed ormonale che provocano alopec...

 


1 Flacone da 250ml

Detergente prezioso sviluppato appositamente per detergere i capelli e aiutare a rallentare la caduta. La sua formulazione arricchita con i migliori agenti stimolanti e anticaduta, come Triaminodil, acido azelaico, beta sit...

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui