Trapianto di capelli usando i peli della barba e del corpo

In alcuni casi di trapianto di capelli si possono prelevare i peli della barba e di altre parti del corpo per impiantarli sullo scalpo al posto dei capelli. Vediamo in quali casi e le procedure corrette per il prelievo e l’impianto.

0
Data di revisione
353

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 1 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
trapianto di capelli

Trapianto di capelli: i casi principali

Trapiantare sul cuoio capelluto i peli di altre parti del corpo diventa una necessità quando la zona donatrice nella parte occipitale (la nuca) non si può più utilizzare. Pertanto, diventa spesso indispensabile per riparare interventi precedenti. Allo stesso modo, è necessario ricorrere a questo apporto di unità follicolari (FU) da trapiantare quando occorre incrementare la densità. Questo può avvenire quando si interviene su calvizie piuttosto avanzate nel grado e nel diradamento. In alcuni casi si utilizzano questi peli in pazienti giovani per preservare maggiormente la classica area donatrice per trapianti successivi.

Non tutti i peli vanno bene

Peraltro, altre parti diverse dal cuoio capelluto vanno prelevate FU così da avere peli il più possibile simili ai capelli sia per spessore sia per possibilità di allungamento. Le zone di prelievo più adatte per trovare peli simili ai capelli sono la barba e il torso, inteso come la zona anteriore del corpo costituita da torace, addome e bacino.

Trapianto di capelli: la tecnica FUE

L’introduzione della tecnica FUE e l’estrazione di singole unità follicolari da trapiantare hanno diffuso l’utilizzo del prelievo di FU di altri peli del corpo. In precedenza, infatti, questo tipo di prelievo era del tutto raro ed eccezionale. I progressi fatti negli ultimi decenni con questa tecnica hanno reso più frequente il ricorso al prelievo di FU non dello scalpo per i trapianti di capelli.

Area del corpo % anagen %  telogen Durata anagen Durata telogen Densità

(capelli)

Profondità
Scalpo 85 15 2-6 anni 3-4 mesi 350/cm2 5-7 mm
Barba 70 30 1 anno 10 settimane 500/cm2 2-4 mm
Labbro sup. 65 35 16 settimane 6 settimane 500/cm2 1-2,5 mm
Ascelle 30 70 4 mesi 3 mesi 65/cm2 4-5 mm
Torace/Schiena 30 70 1-2 anni 3-6 mesi 70/cm2 2-5 mm
Braccia 20 80 13 settimane 5 mesi 80/cm2 2-4 mm
Gambe 20 80 16 settimane 6 mesi 60/cm2 2-4,5 mm
Area pubica 30 70 4 mesi 3 mesi 70/cm2 4-5 mm
Sopracciglia 10 90 4-8 settimane 3 mesi 40/cm2 2-2,5 mm

Fig.1: Le variazioni dei follicoli piliferi nelle diverse aree del corpo umano.

Le zone di prelievo

Le zone di prelievo più adatte per il trapianto dei peli sullo scalpo sono quelle che hanno peli più simili ai capelli per quanto riguarda la lunghezza, la struttura e il ciclo. Pertanto, il prelievo di FU dalla barba e dal torace è quello più frequente, mentre è piuttosto raro quello da braccia e gambe e altre parti del corpo. Secondo le statistiche ISHRS, i capelli dell’area donatrice vengono prelevati per i trapianti di capelli nel 92,5% dei casi, seguiti dal 7,5% dei peli della barba e dal 2,4% di quelli del torace.

Il prelievo dalla barba

I follicoli della barba sono i più simili ai capelli per quanto riguarda la fase anagen, quella di crescita del pelo, e telogen, quella di stasi prima della fuoriuscita del pelo. I follicoli più corti sono quelli dei baffi, ossia del labbro superiore, e quelli delle sopracciglia; mentre quelli più lunghi sono quelli dello scalpo, della zona pubica e della barba. La densità della barba e dei baffi è superiore anche a quella dei capelli. Tuttavia, le FU della barba hanno un solo follicolo e solo occasionalmente 2 o 3. I peli della barba sono i più rapidi nella crescita e i più spessi di tutti i peli del corpo. Rispetto ai capelli sono molto più spessi avendo il doppio degli strati di cuticola. Queste ultime caratteristiche rendono i peli di barba poco adatti al trapianto in zona frontale o sulle stempiature.

L’utilizzo ottimale delle FU della barba è quello in combinazione con le FU dei capelli da trapiantare nella parte posteriore del frontale, nello scalpo centrale e sul vertex. Solo quando i peli della barba sono molto simili ai capelli vengono trapiantati da soli nelle aree riceventi. Il problema dei follicoli prelevati dalla barba è spesso legato ai vari angoli di inserimento.

Fig.2: Un trapianto sul vertex misto tra capelli dell’area occipitale e peli della barba.

Fig.3: Trapianto del basso vertex con soli peli di barba simili ai capelli.

Prelievo problematico

Il prelievo delle FU della barba è problematico perché i follicoli hanno angoli diversi a seconda della zona. Inoltre, sulla barba sono frequenti dei vortici in cui in poco spazio cambia la direzione dei follicoli. Questo comporta dei continui cambiamenti di posizione, di mano da parte del chirurgo e del paziente per evitare un allineamento scorretto e di troncare i follicoli.

Il prelievo dal torso

Non in tutte le etnie sono sviluppati i follicoli piliferi del torso, che peraltro sono scarsi nelle donne. Inoltre, negli uomini tendono a incrementarsi tra i 50 e i 60 anni. Le caratteristiche del ciclo sono simili a quelle dei follicoli della barba con una durata dell’anagen che può essere anche doppia, ossia di due anni. Non hanno, tuttavia, che una ridotta densità che in media è di 40 FU al cm2. Vengono prelevate solo le FU che hanno 2 o 3 follicoli che assomigliano a quelle dei capelli e che sono circa il 30%. È stato ideato un apposito indice per stabilire se un soggetto ha una situazione del torso ideale per il prelievo e il trapianto.

I follicoli del torso si prestano più di quelli della barba per l’impianto sul frontale e nelle stempiature. Anche nel torso i follicoli assumono diverse direzioni e diversi angoli di inclinazione che possono rendere problematico il prelievo.

La preparazione

Per un prelievo di follicoli ottimale, la barba va rasata quattro giorni prima e i peli del torso cinque giorni prima. Prima dell’operazione vengono anestetizzate le parti del prelievo per renderlo meno doloroso. A inizio operazione viene usato blu di metilene sulle zone del prelievo che permette di individuare i peli bianchi ed evitare di prelevarli.

Fig.4: Prima sessione di trapianto con soli follicoli prelevati dal torso.

Prelievo degli anagen

Come per i capelli, vengono prelevati i follicoli in fase anagen grazie a una lente di ingrandimento che  mette in evidenza la porzione di fusto translucida sotto l’epidermide. A questo scopo molti chirurghi consigliano ai pazienti di applicare minoxidil sulle zone dei prelievi  quattro o sei settimane prima dell’intervento per massimizzare il numero di  follicoli in anagen da prelevare per il trapianto.


Fig.5: Follicoli del torso in fase anagen.

Tecnica di estrazione

I punzoni usati per il prelievo dei follicoli di barba e torso sono di solito di diametro 0,8-0,9 mm. Vengono utilizzati fino alla profondità di 2-2,5 mm. L’ancoraggio dei peli della barba e del torso è molto meno resistente di quello dei capelli, pertanto l’incisione non deve essere molto profonda per liberare il follicolo ed estrarlo. I follicoli dei peli della barba e del torso hanno poco grasso e tessuto connettivo di supporto. Sono delicati e richiedono continua idratazione per cui l’estrazione e l’innesto nell’area ricevente avvengono per lotti di 300-500 FU per farle stare il meno tempo possibile fuori dal corpo. Gli innesti sono presi con il forcipe posizionato lontano dal bulbo per evitare di spiaccicarlo.

La prima sessione

Per questo motivo, la prima sessione viene considerata di prova e, di solito, posiziona sullo scalpo non più di 1000 innesti. Con il prelievo dei follicoli della barba, la prima sessione riguarda esclusivamente i peli sotto il mento perché, nel caso restassero visibili i segni dei prelievi, l’impatto estetico resterebbe poco visibile. La cute dello scalpo che riceve gli innesti è differente da quella del resto del corpo e ci potrebbe essere una scarsa sopravvivenza dei follicoli trapiantati da altre parti del corpo. Per questo la prima sessione deve mirare a interventi di carattere conservativo ed essere presentata al paziente come una prova.

Le sessioni successive

Se la prima sessione porta a una scarsa sopravvivenza dei follicoli innestati, allora non si deve proseguire con altre sessioni. Invece, se la sopravvivenza è alta si può procedere con altre sessioni di trapianto di follicoli di peli del corpo. Per questo tipo di trapianti, è stata individuata una certa influenza dell’area ricevente. In pratica, i peli del torso diventano più lunghi e meno ondulati. I peli della barba, invece, mantengono in gran parte le loro caratteristiche. Il ciclo di vita dei follicoli tende a essere quello originario, pertanto si possono avere maggiori variazioni nella densità che con il trapianti di capelli.

Fig. 6: Capelli dell’area donatrice (in alto)  e peli del torso (in basso) prima e dopo il trapianto.

Favoriti dagli androgeni

I follicoli di barba e torso sono dipendenti dagli androgeni, quindi sono a prova di calvizie. Tuttavia, nel tempo con l’invecchiamento si verifica proprio un calo degli androgeni che potrebbe portare a un diradamento di questi peli trapiantati. I pazienti devono essere avvertiti del fatto che non si conoscono ancora la durata nel lungo periodo di questo tipo di follicoli trapiantati così come il comportamento del loro ciclo di vita a lungo andare.

Medicazioni post-intervento

Dopo l’intervento, le aree di prelievo vengono trattate con vaselina per 2 o 3 volte al giorno per 4 giorni. La  vaselina serve per ridurre le croste e velocizzare la guarigione delle escissioni. In seguito l’idratazione giornaliera della zona di prelievo serve a ridurre il prurito e la secchezza, mentre la cute continua a rigenerarsi. Il dolore nell’area ricevente è raro e si cura tipicamente con degli antinfiammatori non steroidei.

Complicazioni del trapianto di capelli

Le complicazioni post-intervento sono analoghe a quelle del normale trapianto di capelli: perdita da shock, scomparsa degli innesti, crescita sottopelle, cisti, ipo e iperpigmentazione, cicatrici ipertrofiche e paresi facciale temporanea. Sulla barba, l’ipopigmentazione può riscontrarsi solo su pazienti dalla pelle molto scura. Sul torso, è più facile avere ipopigmentazione, ma questa viene coperta dai peli rimanenti.
Infatti, molti follicoli del torso sono in telogen e anche quando se ne sono prelevati tanti in anagen, ne ricrescono molti che erano in precedenza fase telogen. I pazienti vanno avvisati che con l’abbronzatura la pelle nelle zone di prelievo può diventare leggermente screziata.

Immagini e testo e liberamente tratti, tradotti e adattati  da Using Nonscalp Hair in Scalp Hair Restoration—Theory and Execution di Robert H.True. 

 

APPROFONDIMENTI 

Trapianti barba: chiariamoci le idee

Trapianto sopracciglia: quando e perché eseguirlo

Unità follicolari e microinnesti a confronto

PRODOTTI CORRELATI 


1 barattolo da 120 compresse

Kmax Healing Hair Transplant Post Surgery Follicle Activator Supplement è un integratore alimentare specifico per il post-trapianto a base di principi utili per incrementare e velocizzare la ricrescita dei capelli ...

 


1 pochette da viaggio include: 1 olio lenitivo, 1 foamer shampoo, 1 detergente ultra-delicato, 1 integratore specifico post-trapianto, 1 libretto informativo

Kmax Healing Hair Transplant Post Surgery Kit è il primo set di prodotti specificamen...

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui