Dermatite seborroica e calvizie

0
1219

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 1 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
dermatite seborroica e calvizie

Spesso si sente parlare di dermatite seborroica. Molti temono che questa condizione possa portare alla perdita dei capelli. La risposta in sintesi è che, sì, la dermatite seborroica può causare la perdita dei capelli.

Detto questo, molti possono riscontrare questa condizione del cuoio capelluto senza che si verifichi alcuna perdita di capelli. Milioni di persone ogni anno soffrono di dermatite seborroica e molti di loro si accorgono a malapena di averla.

Che cos’è la dermatite seborroica?

La dermatite seborroica ha diversi nomi. Uno è eczema seborroico, in quanto talvolta è considerato un tipo di eczema che colpisce il cuoio capelluto. Viene anche chiamata forfora grassa di solito quando è nella sua forma lieve, e crosta lattea quando la presentano i bambini e i neonati.

La blefarite è un altro tipo di dermatite seborroica che colpisce le palpebre e le ciglia. La blefarite seborroica provoca prurito agli occhi, arrossamento delle palpebre e la formazione di squame simili alla forfora sulle ciglia.

Questo problema del cuoio capelluto è abbastanza comune e si caratterizza per la presenza di aree desquamate sul cuoio capelluto. Nei casi moderati o gravi, queste scaglie coprono un’area circoscritta, sono giallastre, la pelle sottostante è arrossata e irritata e l’area ha spesso un aspetto untuoso.

In alcuni casi, il rossore e le scaglie possono estendersi anche a parte del viso, non solo al cuoio capelluto. In particolare, ciò accade intorno alle orecchie, al naso, alle sopracciglia e alle palpebre. In rari casi, la dermatite seborroica può interessare la parte superiore del torace, la schiena, le ascelle e l’inguine.

Si discute su quali siano le cause della dermatite seborroica, ma secondo la maggior parte dei casi si tratta di un tipo di infezione da lievito della pelle. Chi ha la pelle e il cuoio capelluto grassi ha maggiori probabilità di avere la dermatite seborroica.

Le aree più colpite sono quelle del cuoio capelluto e del viso che producono più oli naturali. In pratica, le aree oleose offrono un luogo di crescita al lievito.

Le due fasce d’età più comuni sono i neonati sotto l’anno di età e gli adulti tra i 30 e i 60 anni. Tuttavia, è possibile contrarre la dermatite seborroica a qualsiasi età. Negli adulti, tende a essere una condizione che si manifesta periodicamente, a volte con un intervallo di anni.

Dermatite seborroica

La crosta lattea dei neonati.

La dermatite seborroica causa la calvizie?

La maggior parte dei casi di dermatite seborroica è piuttosto lieve. Si può notare solo un po’ di forfora. Nei casi più gravi, tuttavia, alcuni dei capelli dell’area interessata possono cadere. Se la dermatite seborroica viene trattata, questi peli di solito ricrescono.

Tuttavia, se si lascia che continui senza essere trattata, può causare la perdita permanente dei capelli. Ciò è dovuto in parte al fatto che, più a lungo si protrae, più è probabile che i follicoli piliferi si infiammino. Se il gonfiore dei follicoli raggiunge un certo punto, la circolazione si riduce.

Il risultato è che i follicoli iniziano ad atrofizzarsi. Questo può far temere che i follicoli siano morti anche quando sono ancora abbastanza vivi da poter ricrescere una volta scomparsa l’infiammazione. Purtroppo, una volta che sono veramente morti, non c’è speranza di far ricrescere un capello.

Inoltre, la dermatite seborroica può bloccare i follicoli alla base, da dove escono i capelli, a causa della forfora che ostruisce l’ostio del follicolo. Con un po’ più di fatica i capelli riescono comunque a fuoriuscire. Ciò può comunque causare peli incarniti e mette i follicoli a dura prova.

Infine, la dermatite seborroica provoca un forte prurito al cuoio capelluto. Se si cede a all’impulso di grattarsi, non si fa altro che aumentare l‘irritazione del cuoio capelluto. Questo peggiora il prurito e spesso porta a grattarsi con forza fino a far sanguinare il cuoio capelluto.

Questo è molto dannoso per i follicoli e quindi per la crescita dei capelli. Inoltre, può permettere che il cuoio capelluto si infetti, il che è ancora più distruttivo e spesso richiede un trattamento supplementare. In realtà, è il prurito il principale responsabile della caduta dei capelli.

Dermatite seborroica e calvizie

Il prurito dovuto all’infiammazione caratterizza spesso la dermatite seborroica.

Come si cura la dermatite seborroica?

Spesso la crosta lattea dei neonati scompare da sola nel giro di pochi mesi. Tuttavia, occasionalmente i bambini possono contrarre la dermatite seborroica nella zona del pannolino. Per quanto riguarda il cuoio capelluto, di solito è sufficiente un lavaggio regolare con un normale shampoo per bambini, unito a una delicata spazzolatura per eliminare le scaglie.

Si consiglia comunque di rivolgersi al medico se il bambino presenta febbre, trasudazioni, gonfiori o dolore evidente nella zona. Lo stesso vale per gli adulti affetti da dermatite seborroica.

Lo shampoo è un’ottima opzione per trattare la dermatite seborroica, ed esistono shampoo specifici per questo problema. La maggior parte degli shampoo antiforfora contengono qualcosa per combattere il lievito che causa la dermatite seborroica.

Esistono anche creme e gel a base di idrocortisone venduti come farmaci da banco per le aree del viso che possono essere interessate. Se i capelli sono abbastanza corti da permetterlo, si possono applicare anche sul cuoio capelluto.

Se lo shampoo o la crema non sono sufficienti per la dermatite seborroica, il medico può prescrivere shampoo o creme con prescrizione medica. Il fluocinolone acetonide è un corticosteroide topico che viene talvolta utilizzato per questo scopo.

Altri farmaci che il medico può prescrivere sono gli antimicotici e gli inibitori della calcineurina, questi ultimi destinati a ridurre l’infiammazione. Questi farmaci devono essere utilizzati solo per un breve periodo di tempo.

Non è stato dimostrato che i trattamenti naturali funzionino per la dermatite seborroica. Tuttavia, alcune persone hanno avuto successo utilizzando l’olio essenziale di tea tree, l’aloe vera e l’aceto di sidro di mele.

La dermatite non è contagiosa, quindi non c’è il timore che si diffonda da una persona all’altra. Tuttavia per motivi igienici, è meglio che la persona colpita utilizzi la propria spazzola o il proprio pettine e che lo lavi regolarmente.

forfora

La dermatite e la forfora non sono contagiose, ma meglio che chi ne soffre utilizzi un proprio pettine da lavare regolarmente.

Come evitare la dermatite seborroica

Purtroppo la dermatite seborroica tende ad essere familiare e non c’è nulla che si possa fare al riguardo. Se si hanno parenti che soffrono di forfora, si deve fare molta attenzione a tenere pulito il cuoio capelluto.

Poiché le zone grasse sono un terreno fertile per i batteri che causano la dermatite seborroica, la prima cosa da fare è assicurarsi che il cuoio capelluto venga pulito spesso. Come già detto, questa patologia del cuoio capelluto può ripresentarsi anni dopo la prima volta.

L’uso costante di uno shampoo per il trattamento della dermatite seborroica, anche quando non si manifestano sintomi, aiuterà a evitare che la dermatite si sviluppi e a moderarla se si dovesse verificarsi. Utilizzate shampoo per la forfora.

Anche lo stress e i cambiamenti ormonali sembrano scatenare una riacutizzazione della dermatite seborroica. Cercate quindi di evitare o almeno di gestire lo stress e di evitare cose che possano alterare gli ormoni. Per le donne occorre cautela con gli anticoncezionali e la gravidanza .

Inoltre, si sospetta che alcuni farmaci causino una maggiore propensione alle riacutizzazioni. Alcuni di questi sono l‘interferone, il litio e lo psoralene.

I cibi grassi, soprattutto quelli elaborati, possono rendere il cuoio capelluto e la pelle più grassi. Questi alimenti dovrebbero essere evitati se si vuole prevenire la dermatite seborroica.

Forfora in evidenza sul tessuto scuro.

Considerazioni finali

Sebbene i casi gravi di dermatite seborroica possano essere dolorosi e spaventosi, è possibile che non ci si accorga di avere un caso lieve fino a quando non si vedono delle piccole scaglie bianche sulle spalle. Tuttavia, è importante evitare di confondere la dermatite seborroica con altre cose.

Più comunemente, la dermatite seborroica viene confusa con psoriasi, rosacea, dermatite allergica da contatto e infezioni fungine da tinea versicolor. Quest’ultima è anche un tipo di infezione da lievito, proprio come la dermatite seborroica.

A volte il dermatologo è in grado di stabilire il tipo di infezione semplicemente osservando il cuoio capelluto. In caso di dubbio sulla patologia, il medico può eseguire un raschiamento della pelle, una piccola biopsia, esami del sangue e/o delle urine.

PRODOTTI CORRELATI


1 flacone da 250ml

 

Shampoo antiforfora specifico a base di aloe vera e ricco di agenti esfolianti. Ideale per trattare i disturbi legati alla forfora, desquamazione, seborrea e dermatite seborroica. Contrasta il prurito e ristabi...


1 flacone da 120 compresse

Integratore alimentare a base di Biotina, L-Cistina e L-Metionina per favorire e accelerare il recupero della capigliatura normale dopo perdita di capelli abbondanti (telogen effluvium, ...

APPROFONDIMENTI 

Diagnosi e terapia della dermatite seborroica e della psoriasi

Capelli grassi rimedi: parla il dott. Fantini

Forfora, dermatite seborroica e rame peptidi

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.