Biotina per capelli: l’intervista alla dott.ssa Giannatiempo

Biotina: qual è il ruolo di questa vitamina nella salute dei capelli e quando la sua integrazione è consigliata? Lo abbiamo chiesto alla dott.ssa Giannatiempo, medico tricologo specializzato in alopecia androgenetica maschile e femminile.

0
Data di revisione
3025

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 4 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Visto l’interessamento della nostra community Calvizie.net per questa tematica, oggi parleremo con la dott.ssa Giannatiempo della biotina (vitamina H) e del ruolo che questa vitamina ricopre nella salute dei capelli.

1. Biotina: cosa è e dove si trova

Redazione: Iniziamo subito con la prima domanda. Che cosa è la biotina e dove si trova?

Dott.ssa Giannatiempo: La biotina è la vitamina della bellezza dei capelli. Appartiene alle vitamine del gruppo B e, non venendo sintetizzata dal nostro organismo, deve essere introdotta con l’alimentazione.

Gli alimenti ricchi di biotina sono diversi, ma c’è ne è uno che potrebbe risultare per molti una novità: la pappa reale. Quest’ultima è il principale nutrimento dell’ape regina e contiene un’elevata quantità di biotina. Allo stesso modo, anche il lievito di birra, i cereali, la frutta (banana, lamponi e avocado), la frutta secca (noci e arachidi), il pesce (sardine e salmone) e la carne (come quella di maiale) rappresentano una buona fonte di questa vitamina.

biotina per capelliFig.1: Ricca di vitamine del gruppo B, la pappa reale è la sostanza gelatinosa prodotta dalle api per nutrire l’ape regina. 

La dose di biotina di cui abbiamo bisogno non è una grande quantità, ma una sua carenza può determinare delle alterazioni dal punto di vista neurologico e dermatologico. Fra le manifestazioni dermatologiche provocate da questa mancanza, vi sono l’insorgenza di alopecia androgenetica, la dermatite e la dermatite seborroica.

2. Biotina per capelli

Redazione: Entriamo più nel vivo della questione. Quale ruolo riveste la biotina nella salute del capello e, più nel dettaglio, in tricologia?

Dott.ssa Giannatiempo: Dato il suo ruolo rilevante, la vitamina H è presente in tanti integratori per capelli. Viene utilizzata tricologicamente soprattutto quando compare una perdita di densità e una caduta di capelli (sia stagionale sia telogen).

Oltre che sul cuoio capelluto, la vitamina H agisce anche in altre parti del nostro organismo come per la gluconeogenesi, per il catabolismo degli amminoacidi e per la regolazione dei lipidi.

Nel capello, la biotina agisce sia sul fusto che sulla cute. Nel primo caso, rende la cheratina più dura; mentre, a livello della papilla dermica, è in grado di determinare un allungamento del capello con un conseguente aumento del turnover.

cheratina
Fig. 2: La cheratina è una proteina costituita da amminoacidi ed è la sostanza che compone principalmente i peli e i capelli. 

Inoltre, gioca un ruolo chiave nella sebo-regolazione: la biotina viene usata in caso di dermatite seborroica. Agisce nel meccanismo delle interleuchine: inibisce la produzione locale a livello del cuoio capelluto di alcune interleuchine, le quali sono importanti perché inibiscono l’arrivo di quelli che sono gli elementi infiammatori.

3. Carenza di biotina

Redazione: Quanto è comune la carenza di biotina? Quali sono le principali cause?

Dott.ssa Giannatiempo: La carenza di biotina è frequentissima, ma raramente viene diagnosticata con un esame di laboratorio. Tra gli esami richiesti dal tricologo, la ricerca della carenza di vitamina H non è comune. Solitamente, si decide di utilizzare la biotina nel momento in cui c’è la manifestazione di un disturbo, come la dermatite o la caduta dei capelli.

dermatiteFig.3: La dermatite seborroica è data sia da fattori genetici sia esterni, come i disordini alimentare, lo stress, l’alcolismo e il freddo eccessivo. 

Molte volte la carenza di questa vitamina è da ricondurre a uno squilibrio alimentare, ma esistono anche altre condizioni, come l’utilizzo di determinati farmaci (ad esempio, gli anticonvulsivanti). Anche l’uso di isotretinoina, una sostanza impiegata nel trattamento dell’acne, può influenzare in maniera negativa l’assorbimento di biotina. Allo stesso modo, l’abuso di alcol può determinare una carenza vitaminica e peggiorare la sintomatologia della dermatite seborroica.

4. I preziosi benefici

Redazione: Oltre che ai capelli, la biotina apporta dei benefici anche ad altre parti del nostro organismo?

Dott.ssa Giannatiempo: Questa vitamina ha un ruolo importante anche a livello del sistema nervoso centrale. A tal proposito, infatti, esistono delle vere e proprie patologiche neurologiche che possono manifestarsi in caso di carenze di biotina acquisite. Esistono, poi, delle patologie di tipo congenito causate da un deficit enzimatico che non consente alla biotina di essere assorbita o attivato (è il caso dei neonati).

Inoltre, essa può essere coinvolta nelle patologie del fegato, come le steatosi epatiche e nelle cirrosi epatiche. È molto utile anche quando si assumono in caso di attività sportiva, in quanto attiva gli amminoacidi ramificati impiegati durante lo sport.

biotina_per_capelliFig.4: La carenza di vitamina H è coinvolta anche nei disturbi epatici. 

Come già anticipato, la biotina svolge un’importante azione sebo-regolatrice, in quanto agisce sull’equilibrio tra gli acidi grassi saturi e insaturi.

5. Biotina integratori e dosi giornaliere

Redazione: Qual è la dose di biotina consigliata, soprattutto quando non vi sono degli esami di laboratori che possono confermare la presenza o meno di una carenza vitaminica effettiva?

Dott.ssa Giannatiempo: La vitamina H deve essere assunta nelle condizioni patologiche partendo da una quantità di 5 milligrammi al giorno sia per gli uomini che per le donne.

Redazione: In linea generale, quindi lei consiglia l’integrazione di biotina per migliorare la salute del capello?

Dott.ssa Giannatiempo: Io la utilizzo sempre, perché già durante la visita tricologica ci si rende conto che il paziente manifesta o descrive delle caratteristiche della sua condizione che necessitano proprio l’integrazione di biotina. Essa, infatti, dà un grande supporto alla terapia tricologica, ovviamente quando ci sono delle indicazioni come l’iper-seborrea, la dermatite piuttosto che un fusto sottile.

Fig.5: Vitaminity Liquid Biotin è l’integratore di biotina liquida utile per velocizzare la ricrescita dei capelli e migliorare la loro struttura. 

Alla base di una prescrizione, c’è sempre una valutazione e una corretta anamnesi che consente di trattare con efficacia i sintomi che il paziente stesso descrive durante la visita.

6. Consigli extra

Redazione: Per concludere, ha qualche ultimo consiglio da dare ai nostri utenti?

Dott.ssa Giannatiempo: Il mio consiglio è che alla base di una buona terapia devono essere indicate tutte le manifestazioni tipo del paziente. La visita tricologica deve essere effettuata da esperti con il supporto di esami di laboratorio. L’integrazione di biotina, in sinergia con altri principi attivi, può aiutare molto il paziente a risolvere un problema che ha sia una natura estetica che emotiva.

 

APPROFONDIMENTI 

Biotina capelli: i benefici della vitamina H

Biotina e capelli: 10 cose che (forse) ancora non sai

PRODOTTI CORRELATI 


1 flacone da 50 ml con contagocce.

Integratore Alimentare in forma liquida concentrata a base di Biotina (Vitamina H) la cui azione è di fondamentale importanza per mantenere in salute gli annessi cutanei quali pelle e capelli.

...

 


1 flacone da 120 compresse

Integratore alimentare a base di Biotina, L-Cistina e L-Metionina per favorire e accelerare il recupero della capigliatura normale dopo perdita di capelli abbondanti (telogen effluvium, ...

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui