Wnt, recettore della vitamina D e alopecia

0
Data di revisione
126

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Relazione potenziale tra il percorso canonico di segnalazione Wnt e l’espressione del recettore della vitamina D in alopecia.

Lim YY 1 , Kim SY, Kim HM, Li KS, Kim MN, Park KC, Kim BJ.

1 Dipartimento di Dermatologia , Chung- Ang University College of Medicine, Seoul , Korea.

Sintesi

Premessa:
Il recettore della vitmina D (VDR) è espresso nelle cellule della papilla dermica e nell’epidermide del follicolo pilifero. I pazienti con alopecia areata (AA) e alopecia universale ( AU) hanno mutazioni del VDR .

Obiettivi:
Abbiamo studiato l’espressione del VDR nei follicoli piliferi isolati e nei cheratinociti epidermici dei pazienti con AA o AU e abbiamo valutato i cambiamenti nell’espressione dei fattori che regolano la segnalazione Wnt per determinare la relazione tra la presenza di AA o AU e la diminuita espressione di VDR.

Metodi:
L’analisi immunoistochimica è stata effettuata per le molecole canoniche legate alla segnalazione Wnt, per il VDR e per i marcatori di proliferazione e differenziazione del tessuto cutaneo dei pazienti con AA o AU. Dopo il trattamento delle cellule delle papille dermiche dei follicoli (DP) con frammenti di interferenza di RNA del VDR o con Dickkopf-1 (DKK1) è stata determinata l’espressione del VDR e delle molecole del percorso Wnt. Il DKK1 è stato usato per i cheratinociti trattati e le cellule DP in un sistema di co-coltura Transwell. L’ analisi Western blot è stata effettuata per saggiare il VDR e la β-catenina. 

l'alopecia universalis è una forma estrema di alopecia areata La alopecia areata ha cause genetiche Alopecia universale, una forma di alopecia areata che coinvolge tutto il corpo. L’areata secondo gli studi più recenti deriva da una  predisposizione genetica, analogamente alla calvizie comune o androgenetica. In quest’ultima è acclarato il ruolo del gene DKK1 di cui si parla anche in questo studio.

Risultati:
L’espressione di segnalazione Wnt/β-catenina e del VDR è risultata ridotta nella cute con lesioni di AA o AU rispetto alla cute senza lesioni. L’inibizione della segnalazione Wnt/β-catenina e del VDR ha influenzato la differenziazione e la proliferazione dell’epidermide e dei follicoli piliferi. Nel sistema di co-coltura Transwell , il DKK1 ha ridotto l’espressione di VDR e β-catenina nelle cellule in un modo dipendente dalla dose.

Conclusioni:
Questo studio dimostra che la diminuita espressione del VDR nelle lesioni di AA e AU è relativo alla ridotta espressione di segnalazione Wnt/β- catenina , che inibisce la proliferazione e la differenziazione dei follicoli piliferi e delle cellule epidermiche.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui