Vitamina D e perdita dei capelli

0
Data di revisione
1604

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Una scarsa esposizione alla luce solare sopratutto nei contesti urbani di queste latitudini portava in passato al rachitismo dei bambini e ad altri problemi di tipo osteo-articolare negli adulti, ma anche a sviluppare capelli fragili e tendenti alla caduta e altre problematiche cutanee.

Attualmente la maggior parte delle popolazioni che vivono nell’emisfero Nord sono in varia misura carenti di questa vitamina e possono sviluppare patologie legate a questa carenza. Per questo sarebbe opportuno integrare, dal momento che solo in pochi mesi all’anno si riesce a sintetizzare adeguatamente questa vitamina attraverso un’adeguata esposizione della pelle al sole.

Carenza di vitamina D – i tuoi capelli hanno un brutto aspetto? E’ un segnale di carenza

I sintomi della carenza di vitamina D comprendono dolori muscolari, sudorazione eccessiva e spesso la comparsa del raffreddore. Ma anche quando i capelli hanno un brutto aspetto (deboli, fragili, diradati) si potrebbe essere carenti di questa vitamina e si dovrebbe fare in modo di sintetizzarla o integrarla maggiormente.

La vitamina D è necessaria per mantenere sani i muscoli, le ossa e i denti, secondo il nostro sistema sanitario nazionale. Se si è carenti diventa difficile regolare la quantità di calcio e di fosforo nel corpo. Una grave carenza di può anche portare ad altre complicazioni, come deformità, rachitismo ed osteomalacia.

Secondo il centro anticalvizie Wimpole Clinic, le persone che soffrono di caduta dei capelli hanno maggiori probabilità di essere carenti di vitamina D rispetto a chi non ne soffre. Secondo questa clinica la questa vitamina è importante per alimentare il ciclo di crescita e ricambio dei capelli e può essere la causa della perdita dei capelli, .

La ricerca scientifica deve ancora approfondire l’argomento, ma è comunque meglio assicurarsi di avere livelli sufficienti di vitamina D, ribadisce la clinica.

“Ci sono stati numerosi studi sugli effetti della vitamina D sulla nostra salute generale, in particolare svolge un ruolo vitale nella salute delle ossa e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e del diabete. Tuttavia, studi recenti hanno anche trovato un legame tra la questa vitamina e la caduta dei capelli, rilevando che la carenza di può causare perdita dei capelli.

Lo studio più recente ha esaminato delle donne che perdono i capelli e ha mostrato che queste hanno livelli di vitamina D molto più bassi del normale. Inoltre, l’aumento della perdita di capelli e l’aggravarsi della calvizie si accompagnano a un’ulteriore diminuzione dei livelli di questa vitamina.

La vitamina D lavora insieme ad una serie di diverse vitamine e minerali, tra cui ferro, vitamina C e biotina, che sono tutti vitali nel ciclo di crescita dei capelli, per cui una migliore comprensione di tutti questi elementi getterà più luce sui legami tra queste sostanze”.

Si potrebbe anche essere a rischio di carenza di vitamina D se si ha uno strano dolore alle ossa.Il dolore può sembrare palpitante e, se non trattato, potrebbe trasformarsi in osteoporosi e aumentare il rischio di fratture. Considerate di aumentare il vostro apporto di vitamina D se avete dolori alle ossa che si accompagna a una sensazione generale di debolezza.

(liberamente tratto e tradotto dal Sunday Express 1-1-2019)

 

Approfondimenti


Vitamina D3 Liquida Vitaminity
Wnt, recettore della vitamina D e alopecia
Vitamina D, recettori e staminali

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui