Finasteride e minoxidil: potenza e limiti

Vediamo i contenuti principali dell'ultimo studio di Van Neste, il ricercatore tricologo belga che ha evidenziato come le cure farmacologiche approvate contro la calvizie non portino i capelli già miniaturizzati a tornare capelli sani.

0
Data di revisione
10998

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 1 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
finasteride

Tecniche innovative per valutare la crescita

In questo studio, i ricercatori si sono impegnati a verificare gli effetti delle cure farmacologiche approvate contro la calvizie, ossia finasteride e minoxidil. Per farlo, è stato eseguito un monitoraggio preciso del ciclo dei capelli grazie all’utilizzo del fototricogramma potenziato nel contrasto. In particolare, si tratta di una tecnica non invasiva avente lo stesso potenziale delle biopsie inclusa l’individuazione di capelli in fase anagen non ancora spuntati.

Il controllo della normale crescita

Come termine di paragone dell’efficacia delle cure con finasteride e minoxidil, è stata monitorata la crescita anche dei capelli di 33 uomini senza problemi di calvizie ereditaria. Parallelamente, per effettuare questo test dalla durata di 18 mesi sono stati selezionati 22 volontari affetti da calvizie.

Finasteride e minoxidil: le due fasi del test

Nella prima fase del test, i 22 volontari hanno preso finasteride 1 mg al giorno e usato il topico con minoxidil 5%  o il semplice veicolo (a doppio cieco) per 3 mesi a 1 ml al giorno. Successivamente, hanno smesso per 3 mesi il topico (minoxidil o il veicolo) e sono stati sottoposti alla prima visita di controllo. Per i successivi 6 mesi, i volontari hanno proseguito solamente con finasteride in modo di arrivare a 9 mesi senza lozioni e a un anno intero di finasteride a 1 mg al giorno.

La seconda fase ha visto il proseguimento del test con 14 volontari continuando finasteride 1 mg al giorno e utilizzando di nuovo minoxidil alcuni al 2%, gli altri al 5% (sempre a doppio cieco) per 3 mesi. Poi, hanno sospeso nuovamente il topico per 3 mesi e hanno terminato il test con la valutazione finale dopo 18 mesi di cure.

finasteride
Buono (1), medio (2) e cattivo (3) risponditore. All’inizio (m0), dopo 1, 2, 3 mesi di cure (m1, m2, m3) e dopo 3 mesi di sospensione del topico (m6).

Misure di precisione con finasteride e minoxidil

In questo test, gli studiosi hanno preso numerose misure di precisione relative ai capelli dei partecipanti e alla loro crescita. Quest’ultima, infatti, è stata calcolata in micron (millesimi di millimetro) al giorno per ciascuno dei soggetti del test. In particolare, hanno preso in considerazione la situazione dei nano-capelli, ossia di capelli con diametro inferiore ai 20 micron, dei vellus (sino a 30 micron), dei capelli intermedi (sino a 60 micron) e dei terminali (dai 60 micron sino a 100 micron).

Moltiplicando i diametri delle varie categorie di capelli per la crescita lineare dei capelli in fase anagen si è ottenuto poi un indicatore della crescita globale dell’area tenuta sotto osservazione per il gruppo sottoposto al test e per il gruppo di controllo non affetto da calvizie.

Finasteride e minoxidil: risultati dettagliati

La studio mostra molti dati dettagliati sulle dinamiche dei vari gruppi di capelli durante la cura. Da tutti questi dati si possono trarre delle utili conclusioni: alcune che confermano quanto si sa sugli effetti di finasteride e minoxidil; altre che mettono in dubbio delle asserzioni già date per acquisite.

Per esempio, viene ridotta a ben poco l’ipotesi del ritorno dei vellus a capelli non miniaturizzati perché è stata riscontrata solo nel 4-5% dei casi con l’utilizzo in contemporanea di finasteride che di minoxidil. La maggiore copertura della capigliatura con le cure pare dovuta all’attivazione di follicoli con capelli di vario spessore dormienti (in cosiddetta fase di pausa, il kenogen). In pratica, c’è un grande aumento dei capelli in fase di crescita, ma i capelli miniaturizzati presentano comunque una crescita lineare esigua e di breve durata.

crescita
I capelli non miniaturizzati in crescita (anagen) e non in crescita (catagen, telogen) nei primi tre mesi di utilizzo dei farmaci e dopo tre mesi (m6) senza topico. Barre blu = uso finasteride e minox 5%; barre bianche = uso di sola finasteride e veicolo topico (le parti rigate indicano le deviazioni standard).

Per mantenere finasteride non basta

Per mantenere i risultati raggiunti con l’abbinamento di finasteride e minoxidil, il proseguimento solamente con finasteride non basta. Nello specifico, i risultati vengono persi con un effetto iniziale di peggioramento rispetto all’inizio delle cure. Questo aggravamento è individuabile con gli strumenti già dal terzo mese (capelli che non crescono più, in fase catagen o telogen), ma si rende visibile solo nei mesi successivi  (con l’effluvio dato dalla fase exogen di uscita dei fusti dallo scalpo).

Caduta indotta confermata

La caduta indotta dovuta al minoxidil è confermata al secondo mese di utilizzo, ma la caduta del fusto del capello è proprio il segnale della ripresa dell’anagen, ossia della fase di crescita del capello. La velocità di crescita dei capelli resta invariata con finasteride e minoxidil, ma molti più capelli riprendono a crescere uscendo dalle fasi non produttive (catagen, telogen, exogen e kenogen) per entrare in angen e crescere.

Produzione della cheratina ancora ridotta

L’efficacia delle cure standard con finasteride e minoxidil è confermata anche dall’indicatore della crescita globale (fissato al 100%). Facendo una media tra il gruppo affetto e non da calvizie, questo valore è pari al 30%. Invece, in seguito alle cure, l’indicatore della crescita globale arriva in media al 60%. Tuttavia, usando questi due farmaci, si può dire che in generale manca ancora un po’ di produzione di cheratina per arrivare all’agognata normalità.

Finasteride e minoxidil: i limiti di questo studio

Va però detto che i limiti di questo studio sono di due tipi. Da un lato, il minoxidil è stato usato a due riprese per soli tre mesi e servirebbe accertare se non possa far meglio su periodi di utilizzo più lunghi. Dall’altro, lo stesso si potrebbe dire di finasteride e del mantenimento dei risultati ottenuti con minoxidil. Forse, però, chi soffre di calvizie è più interessato a conoscere il contrario, ovvero se si possono mantenere i risultati ottenuti con entrambi i farmaci continuando a usare solo il topico.

 

APPROFONDIMENTI 

Quali capelli ricrescono con le migliori terapie?

Minoxidil orale: efficacia ed effetti collaterali

PRODOTTI CORRELATI 


1 flacone da 120 compresse

Integratore alimentare multicomponente contro la caduta dei capelli di tipo androgenetico e contro l’ingrossamento della prostata a base dei migliori estratti vegetali e componenti anti-DHT: Serenoa Repens, Pygeum Afr...

 


1 Flacone da 15gr

Kmax Hair Fibers Black edition: il make up istantaneo per capelli per nascondere diradamento e calvizie in pochi secondi.  Fibre micronizzate di cheratina naturale in grado di legarsi elettrostaticamente ai capelli fini e...

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui