Cetirizina per la calvizie: un nuovo studio

Un recente studio cinese rilancia l'uso della cetirizina per contrastare la calvizie comune.

14
Data di revisione
2284

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 12 Media: 2.4]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
cetirizina calvizie

Lo studio italiano

Nello studio cinese viene citato il test clinico italiano di tre anni fa a cura del prof. Rossi e del dott. Campo, in cui venivano evidenziati dei risultati sull’alopecia androgenetica ottenuti con cetirizina a uso topico all’1%.

Il nuovo studio

Il nuovo studio è stato effettuato in vitro su cellule umane di papilla dermica del follicolo pilifero. Si sono potute testare diverse concentrazioni di levocitirizina dicloridrato da 1 ng/mL a 10mila ng/mL. Rispetto alle cellule trattate col solo veicolo, la proliferazione è stata massima usando la concentrazione di 100 ng/mL.

La dose più efficace

Questo studio, arrivando qualche anno dopo il test clinico italiano effettuato su soggetti con calvizie, potrebbe sembrare inutile. Invece, è importante perché mostra che dosi sia troppo basse che troppo elevate di cetirizina portano a risultati non significativi.

cetirizina calvizieLo studio italiano ha riguardato 85 pazienti sia maschi che femmine tra i 20 e i 65 anni con differenti stadi di alopecia androgenetica. A 67 pazienti è stata applicata (1ml al giorno, per 6 mesi) cetirizina topica 1% (16% ciclo-silicone pentamero, 87% alcol etilico), mentre 18 pazienti hanno ricevuto il placebo (stesso preparato senza cetirizina).

Sentenza da riconsiderare

Proprio lo studio italiano in questi anni aveva portato molti a sperimentare la cetirizina in lozione, in percentuali dello 0,5% o dell’1%. Infatti, molti pazienti che hanno provato la cetirizina in lozione hanno detto di non aver visto miglioramenti con questa sostanza. Tuttavia, alla luce di questo nuovo studio, ci sarebbe da verificare se il dosaggio utilizzato fosse quello più efficace.

Cetirizina e calvizie: sostanza da non scartare

Pertanto, il rischio corso è stato quello di scartare una sostanza utile contro la calvizie, perché in pochi mesi di utilizzo non si sono avute ricrescite miracolose. Proprio di recente, abbiamo fatto il punto sulle cure farmacologiche ufficiali per la calvizie e abbiamo avuto modo di verificare come finasteride sia la cura di base contro la calvizie androgenetica senza mostrare normalmente risultati eclatanti di ricrescita se usata da sola. Lo stesso potrebbe valere per la cetirizina.

La scoperta di questo decennio

La cetirizina è stata presa in considerazione come farmaco anticalvizie quando, all’inizio di quest’ultimo decennio, è stato evidenziato da Garza e Cotsarelis il ruolo della prostaglandina PGD2 nella calvizie comune. Da allora, gli esperti hanno sperimentato farmaci che inibiscono la produzione di questa prostaglandina: la cetirizina è uno questi.

Oltre gli androgeni

La scoperta è importante perché può consentire di non agire sugli ormoni sessuali, gli androgeni, evitando quindi le eventuali problematiche che può dare la loro inibizione. Questo perché le prostaglandine sarebbero collegate con il meccanismo genetico che vede coinvolti gli steroidi sessuali nella calvizie. Nel 2018, i ricercatori hanno evidenziato che la PGD2 attiva il recettore degli androgeni nelle cellule della papilla dermica dei follicoli.

cetirizina calvizie
Proliferazione cellule di papilla dermica: A) Solo veicolo; B) Cetirizina 100 ng/mL; C) Cetirizina 10.000 ng/mL

Come agisce la cetirizina?

Nel test in vitro, la cetirizina ha diminuito l’espressione dell’enzima che porta alla produzione della PGD2, la stessa PGD2 e il suo recettore (DP2), portando all’attivazione di percorsi biochimici che portano alla moltiplicazione delle cellule di papilla dermica. Pertanto, nel dosaggio efficace, la cetirizina agirebbe nel senso auspicato da alcuni specialisti che, per combattere la calvizie, puntano sullo sviluppo della papilla dermica. Quest’ultima, infatti, comporta un susseguente recupero in dimensioni di tutto il follicolo pilifero.

Aumenta la produzione di PGF2α

La cetirizina nel nuovo studio non ha mostrato di poter incrementare la produzione di PGE2, una prostaglandina che, al contrario della PGD2, favorisce la ricrescita dei capelli. Tuttavia, ha mostrato di incrementare la PGF2α, che è un’altra prostaglandina attiva nella crescita di peli, ciglia, sopracciglia e capelli, tanto che i suoi analoghi sono usati anche contro la calvizie. Infatti, uno di essi, Latanoprost, è stato approvato nel 2009 dalla FDA statunitense per l’infoltimento di ciglia e sopracciglia.

Da tenere in considerazione

La cetirizina è un farmaco ampiamente utilizzato come antistaminico e risulta facilmente reperibile ed economico. Per cui, se verranno identificati i dosaggi più efficaci ad uso topico, potrebbe risultare una soluzione interessante e poco problematica per contrastare la calvizie comune correndo minori rischi di effetti collaterali.

 

ARTICOLI CORRELATI

Cetirizina e steroidi contro Lichen plano-pilare e pseudoarea di Brocq


1 Flacone da 100ml

Kmax Hair Growth Therapy Spray. Nuova lozione spray di Kmax per un trattamento topico intensivo volto a stimolare il naturale ciclo di ricrescita dei capelli. Basato su una formula innovativa, combina principi attivi ad alto ...

 


1 Flacone da 60 compresse

Integratore alimentare a base di estratto secco di Mela Annurca campana IGP, Serenoa repens (Saw palmetto), Mela titolata al 4% in procianidina B2, Fillanto, radice di Ortica con Betasitosterolo

 

14 Commenti

  1. io da un paio di settimane l’avevo mollata dopo 5 mesi circa…che si fa, ricomincia? all’1% non credo abbia senso perchè ho provato, ho letto da qualche parte che qualcuno la usa al cinque. lo studio suggerisce una concentrazione ancora più leggera di quella che usavo? boh…
  2. Sì, io ho scritto l’articolo, anche se è il dr. Campo che ci ha segnalato lo studio cinese in cui veniva citato lo studio suo e del prof.Rossi di cui avevamo parlato in un altro articolo 3 anni fa. Al momento pensavo fosse uno studio inutile (e l’ho anche scritto nell’articolo), ma poi ho visto che si parlava di dosaggi efficaci e non efficaci e quindi la cosa mi ha intrigato perché sia i dosaggi troppo bassi che quelli troppo alti risultano poco efficaci, quindi può essere che cetirizina all’1% ricada in questi due segmenti (e magari anche quella al 5).

    Difficile dire quanta cetirizina possa servire per massimizzare l’effetto, se la papilla dermica fosse per assurdo in superficie allora 100 ng/ml sarebbe la dose da usare, ma in realtà proprio nascosta sotto al follicolo e quindi per avere lo stesso effetto dal vivo ci vorrebbero dosi maggiori, ma quanto maggiori. Forse può servire l’indicazione della Sitri che afferma che il minox che arriva all’obiettivo è un bassa percentuale, non ricordo se superiore di poco o addirittura inferiore all1% del minox usato (che non vuol dire che è l’1% in lozione, ma che fatto 100 il minox in lozione del 5% ne arriva un centesimo o meno al follicolo, ma perché arrivi quella quantità serve partire da 100-5%).

    Diciamo che era meglio se l’efficacia della cetirizina fosse dose-dipendente e non con questa curva che si alza per poi discendere. 100 ng/ml, se la papilla fosse esposta all’esterno sarebbero solo 10 micro-grammi (milionesimi di grammo) in una soluzione da 100 ml. In una lozione analoga all’1% ne troviamo un grammo (mezzo g allo 0,5%). Forse con dosi minori si può ottenere di più di quanto si è ottenuto sinora.

    Ciao

    MA – r l i n

  3. Ho provato a girare la domanda al dr. Campo e sono in attesa di risposta. In realtà non è affatto facile capire quale concentrazione mi da l’equivalente della dose efficace a livello di papilla dermica con un topico. Nello studio stesso viene citato uno studio in cui con 5 mg di cetirizina sistemica si arriva a 196 ng/ml nel sangue, ma anche uno studio che con 10 mg e 20 mg di sistemica si riscontrano dosi nell’epidermide di 1,6-2,4 ng/ml (troppo basse).

    Anche in questo caso quindi il sistemico si rivela meno problematico del topico per una somministrazione corretta e continua dell’attivo. La butto là, dopo avere visto i grafici dell’ultimo studio e aver ipotizzato che l’1% di Campo avesse gli effetti di ricrescita visibile, ma non eccezionale che potrebbero essere quelli di 500 e 1000 ng/mL e proverei con uno 0,1% (dieci volte meno) che significa mettere in un preparato da 100 ml, 100 mg di attivo.

    Ciao

    MA – r l i n

  4. Grazie Marlin, ho visto che un tipo di cetirizina generica in gocce ha 10 mg al ml, quindi direi che 10 ml di quella fanno suppergiù al caso. Da mettere magari in una lozione iniziata da poco.
  5. Bisognerebbe anche capire di che soluzione si tratta, ho visto che la base alcolica del preparato di Campo nello test del 2017 era alta, all’87% il resto veicolante, niente acqua (o giusto quanto basta, visto che avranno usato alcool a 96° max). Io preferirei estrarre la cetirizina da delle compresse con l’alcool.

    Comunque la cetirizina che dici tu ha questi eccipienti:

    Glicerolo 85%
    Glicole propilenico
    Saccarina sodica
    Metile paraidrossibenzoato (E 218)
    Propile paraidrossibenzoato (E 216)
    Sodio acetato
    Acido acetico glaciale
    Acqua depurata

    Quindi potrebbe costituire la parte del veicolante avendo glicerina all’85% e glicole, il resto alcool da aggiungere.

    Ah, tieni conto che io ho ipotizzato che l’1% di Campo fosse troppo alto per ottimizzare i risultati, ma la stessa cosa vale per i dosaggi più bassi (in potenza di 10) di 100 ng/ml. Quindi teoricamente c’è anche la possibilità che i dosaggi siano invece da aumentare, tuttavia per precauzione bisognerebbe partire con dosaggi inferiori, sapendo peraltro che i dosaggi minori di 100 ng/mL danno comunque incrementi di proliferazione delle DPC, mentre i dosaggi molto più elevati danno invece un decremento rispetto al solo veicolo, quindi abbassando non si rischia di far danni, mentre aumentando li si potrebbero fare.

    Ciao

    MA – r l i n

  6. @marlin ti disturbo di nuovo per la cetirizina.
    data l’emivita e la difficoltà di penetrazione, che inconvenienti ci vedi in un uso bi giornaliero? (sempre 1ml, sempre soluzione 87% alcol del test)
    ho come "l’impressione" che i capelli se ne giovino, ma sia troppo "debole" nel complesso
    (uso anche minixodil)
  7. Io la sto provando una volta al giorno allo 0,1%, so che Campo va avanti con lo 0,5%. Comunque non è una molecola così problematica per la penetrazione, almeno vedendo il peso molecolare che 389 g/mol, quindi sotto i fatidci 500 g/mol che poi tanto fatidici non sono per la penetrazione.

    Quanto all’emivita è simile a quella di fina (8 ore) anzi un po’ più alta, quindi non farei differenze con la fina topica che si usa anche e sopratutto una volta al giorno. Se la usi due volte però non credo ci possano essere problemi. Ad ogni modo anche per la cetirizina non si attendono miracoli nel breve periodo, ma qualche effetto tangibile nel lungo.

    Ciao

    MA – r l i n

  8. Io la sto provando una volta al giorno allo 0,1%, so che Campo va avanti con lo 0,5%. Comunque non è una molecola così problematica per la penetrazione, almeno vedendo il peso molecolare che 389 g/mol, quindi sotto i fatidci 500 g/mol che poi tanto fatidici non sono per la penetrazione.

    Quanto all’emivita è simile a quella di fina (8 ore) anzi un po’ più alta, quindi non farei differenze con la fina topica che si usa anche e sopratutto una volta al giorno. Se la usi due volte però non credo ci possano essere problemi. Ad ogni modo anche per la cetirizina non si attendono miracoli nel breve periodo, ma qualche effetto tangibile nel lungo.

    Ciao

    MA – r l i n

    Grazie!

  9. L’induzione del sonno è un effetto collaterale degli antistaminici e della cetirizina, di solito sono temuti per questo perché possono causare sonnolenza e se uno si mette per strada con un veicolo possono essere guai. L’effetto probabilmente può durare qualche ora quindi nel corso della notte finisce e tu continui a riposare. Non è una cattiva idea, per i capelli non può fare male, può appunto fare solo bene, ma come dice questo articolo bisogna stare attenti ai dosaggi, perché se in eccesso l’effett sui capelli torna a essere negativo, mentre se è troppo poca non è molto efficace.

    Ciao

    MA – r l i n

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui