Ginnastica facciale: avvertenze, consigli utili, requisiti

0
Data di revisione
112

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Avvertenze
alcune avvertenze importanti prima di praticare la ginnastica facciale:

AVVERTENZA N.1:
la pratica di questi esercizi non è una panacea per tutti i mali; essi purtroppo non risolvono miracolosamente tutti i problemi esistenti
al mondo: ci sono problemi, disturbi, malattie gravi che sono incurabili in questo modo (in alcuni casi addirittura sono incurabili del tutto, non essendo nota per ora una soluzione di alcun tipo). Tutte le malattie si possono ricondurre ad una carenza o squilibrio di energia vitale: il punto è che le trasformazioni negative causate da alcune malattie sono così forti (a causa di fattori genetici, a causa di fattori esterni che incidono molto, o altro) che a volte purtroppo diventa diffcile curarle, proprio per l’irreversibilità dei danni causati da esse.
E’ necessario e consigliato consultare uno specialista (anzi, più specialisti) se si hanno problemi diffcili che mettono a repentaglio la salute, sforzandosi di essere positivi, ricordando che la scienza molti passi positivi li ha fatti, quindi diamole la giusta fiducia.
La comune calvizie genetica non rientra nella classe di disturbi ‘seri’, nel senso che essa non provoca danni alla salute. E’ vero che essa puo’ provocare problemi di natura psichica o relativi (in questo caso bisogna rivolgersi ad uno specialista nel campo). Per contrastare la comune calvizie genetica, il fatto di utilizzare queste tecniche di autoguarigione è ragionevole, perche’ esse sono sicure (e anche GRATUITE n.d.r.), esenti da effetti collaterali.
Se non si hanno risultati notevoli in termini di crescita di capelli, con la costanza e l’impegno si avranno comunque risultati evidenti sulla robustezza del fisico, sulla qualita’ della pelle, sul sistema immunitario. Questo pero’ non vuol dire che si diventa dei superuomini.
Purtroppo oggi tante cose negative (come l’inquinamento, la scarsa qualita’ del cibo in generale, il clima instabile, ecc.) complicano la situazione.

AVVERTENZA N.2:
se non ci si trova in uno stato di salute buono e ragionevole, prima di intraprendere il percorso di allenamento è meglio consultare il medico.

AVVERTENZA N.3:
non bisogna esagerare con gli esercizi. Non dovete obbligatoriamente farli tutti se non ve la sentite.
Se si avverte dolore, se ci si sente molto stanchi, conviene smettere e riposarsi prima di riprovare.
Il consiglio è di procedere gradualmente incrementando pian piano la quantità di allenamento giornaliero.
Non bisogna procedere con cicli intensi, ‘stile body building’; lo scopo è migliorare l’organismo pian piano e serenamente.
Non inserisco quindi nessun programma di allenamento a livello quantitativo, perchè la quantità di allenamento è soggettiva e dipende dallo
stato psicofisico della persona.

AVVERTENZA N.4:
gli esercizi vanno fatti correttamente, usando ragionevolezza: fare male gli esercizi, esagerare con la quantità, o con l’intensità, può comportare effetti contrari a quelli sperati.

AVVERTENZA N.5:
più avanti, per completezza, considereremo fattori di carattere psico-somatico, e di fattori relativi al subconscio, come possibili (potenziali) cause di calvizie. Ci tengo veramente a dire una cosa: le nozioni presentate tra poco non devono essere ‘di inciampo’, cioè non devono innescare dei meccanismi di ‘autocolpa’ per i quali un soggetto calvo pensa ‘se sono calvo è perchè non sono rilassato’, oppure ‘se sono calvo è perchè sono infelice’ o ragionamenti del genere.
Vale anche il viceversa, e cioè: non bisogna sentirsi superiori agli altri se si ottengono ottimi risultati con le tecniche presentate. Ricordiamo sempre che alcuni fattori (solo alcuni fattori) che determinano la calvizie sono di ‘predisposizione genetica’, e poi come detto prima le possibili cause che vi stanno dietro sono tante, quindi i risultati delle cure presentate sono sempre soggettivi.
Tuttavia c’è da dire una cosa incoraggiante: le tecniche di cui parleremo stimolano la ricrescita naturale dei capelli, stimolano il processo di rinnovamento cellulare, e migliorano il flusso di energia vitale dell’organismo, quindi io personalmente le applicherei ad ogni caso di calvizie, convinto di ottenere comunque dei risultati positivi.

AVVERTENZA N.6:
i risultati potrebbero essere lenti e non costanti (magari in un certo periodo si vede molta ricrescita, mentre in un altro periodo la situazione sembra in stallo). Comunque, non scoraggiatevi, sforzatevi di curare la calvizie serenamente. Pian piano i capelli ricresceranno.

AVVERTENZA N.7: non me ne intendo di biochimica, non sono un dottore, quindi puo? capitare di trovare termini formalmente non corretti in questa trattazione. Non prendete per ‘assolute verità? le seguenti informazioni: esse sono il frutto di idee mie (soprattutto per la parte che riguarda il sistema nervoso) e di altri (ma in mezzo a questi altri ci sono alcuni che di queste cose se ne intendono. Uno di loro è citato nella bibliografia)

Consigli utili

– Pettinare spesso i capelli, senza paura, senza strapparli però; il pettine
deve essere sempre ben pulito
– Non toccare i capelli con le mani sporche
– Evitare il troppo freddo o il troppo calore in testa
– Dopo il lavaggio, asciugare abbastanza bene i capelli e pettinarli delicatamente.
– Non massaggiare il cuoio capelluto subito dopo il lavaggio

Requisiti
– Alimentazione equilibrata e sana nei limiti del possibile
– Abbandonare le cattive abitudini (come troppo alcol, fumo, poco riposo,
ecc.)
– Evitare l’uso di farmaci (ovviamente evitarli solo se si può fare a meno
di essi, cioè se la loro cessazione non compromette lo stato di salute)

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui