Finasteride, colesterolo e salute del cuore

0
1416

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 1 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
Finasteride, colesterolo e salute del cuore

Finasteride, colesterolo e salute del cuore. Il farmaco anticalvizie che alcuni temono per gli effetti collaterali indesiderati, ha mostrato di avere anche degli effetti collaterali positivi per la salute cardiovascolare.

Nuovo studio

Il farmaco finasteride, noto anche come Propecia o Proscar, tratta la calvizie maschile e l’ingrossamento della prostata in milioni di uomini in tutto il mondo. Ma un nuovo studio dell‘Università dell’Illinois Urbana-Champaign suggerisce che il farmaco può anche fornire un beneficio sorprendente e salvavita: abbassare il colesterolo e ridurre il rischio complessivo di malattie cardiovascolari.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Lipid Research, ha trovato correlazioni significative tra l’uso di finasteride e la riduzione dei livelli di colesterolo negli uomini che hanno partecipato al National Health and Nutrition Examination Survey tra il 2009 e il 2016. Nei topi sottoposti a dosi elevate di finasteride, i ricercatori hanno riscontrato una riduzione del colesterolo plasmatico totale, un ritardo nella progressione dell’aterosclerosi, una minore infiammazione nel fegato e benefici correlati.

Il contrario di quanto si pensava

“Quando abbiamo esaminato gli uomini che assumevano la finasteride nell’indagine sanitaria, abbiamo visto che i loro livelli di colesterolo erano in media 30 punti più bassi rispetto agli uomini che non assumevano il farmaco. Ci si aspettava il contrario, quindi è stato molto interessante, ha detto l’autore principale dello studio Jaume Amengual, professore assistente presso il Dipartimento di Scienze dell’Alimentazione e Nutrizione Umana e la Divisione di Scienze Nutrizionali, entrambi parte del College of Agricultural, Consumer and Environmental Sciences (ACES) dell’Università dell’Illinois.

Contrariamente a quanto si aspettavano gli specialisti lo steroide finasteride contrasta il colesterolo e l’aterosclerosi.

Limiti dell’indagine

Per quanto entusiasmanti, i risultati dell’indagine hanno i loro limiti. Dei quasi 4.800 intervistati che rispondevano ai criteri generali di salute per essere inclusi nell’analisi, solo 155, tutti uomini di età superiore ai 50 anni, hanno dichiarato di utilizzare la finasteride. Inoltre, i ricercatori non sono stati in grado di stabilire la quantità o la durata dell’assunzione del farmaco da parte degli uomini partecipanti all’indagine.

Dall’uomo al modello animale

“Non si trattava di uno studio clinico in cui si può controllare tutto alla perfezione”, ha detto Amengual. È stata più che altro un’osservazione che ci ha portato a dire: “Ok, abbiamo visto questo nelle persone. Vediamo cosa succede nei topi'”.

Ormoni sotto indagine

Prima di tutto, perché un farmaco per la calvizie e la prostata dovrebbe influire sul colesterolo? Amengual studia l’aterosclerosi, la condizione in cui le placche di colesterolo soffocano le arterie, provocando ictus, infarti e altre forme di malattie cardiovascolari. Poiché la malattia è molto più comune negli uomini che nelle donne in premenopausa, gli scienziati sospettano da tempo che l’ormone sessuale testosterone sia importante nell’aterosclerosi, anche se il suo ruolo non è del tutto chiaro.

La finasteride agisce inibendo un enzima presente nei follicoli piliferi e nella ghiandola prostatica che trasforma il testosterone in DHT. Il filo conduttore, il testosterone, è stato sufficiente a suscitare l’interesse di Amengual.

finasteride

Le due pastiglie di Propecia e di Proscar rispettivamente con 1 mg e 5 mg di finasteride.

Finasteride multitask

“Un giorno stavo leggendo di questo farmaco e ho iniziato a notare che non c’erano molti studi a lungo termine sulle sue implicazioni. Inizialmente era solo una mia curiosità, basata sul fatto che i livelli ormonali sono noti per avere un effetto sull’arteriosclerosi, la calvizie e i problemi alla prostata”, ha detto. “Così abbiamo deciso di approfondire la questione”.

Dopo aver documentato il primo legame, anche se osservazionale, tra la finasteride e la riduzione del colesterolo negli uomini, Amengual ha chiesto al dottorando Donald Molina Chaves di verificare se il modello fosse valido anche nei topi.

La conferma sui topi

Molina Chaves ha testato quattro livelli di finasteride – 0, 10, 100 e 1000 milligrammi per chilogrammo, nel cibo dei topi maschi geneticamente predisposti all’aterosclerosi. I topi hanno assunto il farmaco, insieme a una dieta “occidentale” ad alto contenuto di grassi e colesterolo, per 12 settimane. Dopo l’esperimento, Molina Chaves ha analizzato i livelli di colesterolo e di altri lipidi nei topi, insieme alle tracce di placche aterosclerotiche. Ha inoltre testato l’espressione genica nel fegato, ha esaminato il metabolismo degli acidi biliari e ha analizzato steroidi, trigliceridi, attività immunitaria e altro ancora.

Differenza tra modelli

“I topi a cui è stata somministrata una dose elevata di finasteride hanno mostrato livelli più bassi di colesterolo nel plasma e nelle arterie”, ha detto Molina Chaves. “Si è registrata anche una riduzione dei lipidi e dei marcatori infiammatori nel fegato”.
Sebbene gli effetti siano stati significativi solo alla dose più alta, un livello che Amengual definisce scandaloso per gli esseri umani, spiega che i topi metabolizzano la finasteride in modo diverso dalle persone.

Mouse

In questo studio si è testato sui topi quello che si era visto funzionare sugli uomini, di solito avviene il contrario.

“È un livello incredibilmente alto di farmaco. Ma usiamo i topi come modello, e sono estremamente resistenti a cose che ucciderebbero chiunque di noi”, ha detto. “Quindi non è così assurdo se ci si pensa”.
Gli esseri umani assumono dosi di finasteride da 1 o 5 milligrammi al giorno, rispettivamente per la calvizie e l’ingrossamento della prostata. Il fatto che sia emerso un chiaro schema in un’indagine su uomini che probabilmente assumono una di queste dosi suggerisce che il farmaco potrebbe ridurre il colesterolo senza le megadosi testate nei topi.

Prossimi studi

Il passo successivo è che i medici inizino a monitorare il colesterolo nei pazienti con finasteride o che conducano uno studio clinico per verificare l’effetto. Amengual afferma che potrebbe essere particolarmente importante capire come la finasteride influisca sugli individui transgender.

“Nell’ultimo decennio, i medici hanno iniziato a prescrivere questo farmaco per gli individui in fase di transizione da maschio a femmina o da femmina a maschio. In entrambi i casi, i cambiamenti ormonali possono innescare la calvizie”, ha detto. “La cosa interessante è che le persone transgender sono anche a maggior rischio di malattie cardiovascolari. Quindi questo farmaco potrebbe avere un potenziale effetto benefico per prevenire le malattie cardiovascolari non solo negli uomini cisgender, ma anche negli individui transgender”.

transgender

I transgender sono a maggior rischio di malattie cardiovascolari per la somministrazione di steroidi sessuali per la transizione. Finasteride può ridurre questi rischi.

Infine, Amengual osserva che, come ogni farmaco, la finasteride non è priva di rischi. Le persone dovrebbero consultare il proprio medico per saperne di più.

Lo studio, “La finasteride ritarda la progressione dell’aterosclerosi nei topi ed è associata a una riduzione del colesterolo plasmatico negli uomini“, è pubblicato nel Journal of Lipid Research [DOI: 10.1016/j.jlr.2024.100507]. La ricerca è stata sostenuta in parte dal National Heart, Blood, and Lung Institute, parte del National Institutes of Health , e dall’USDA’s National Institute of Food and Agriculture. Il contenuto è di esclusiva responsabilità degli autori e non rappresenta necessariamente le opinioni ufficiali del National Institutes of Health.

Tratto, tradotto e adattato da NewsWise

PRODOTTI CORRELATI

Vitaminity Serenoa Repens 320 mg


A partire da € 21.90


Integratore alimentare contenente estratto lipofilico standardizzato al 90%-95% di Serenoa Repens (Saw Palmetto) nel dosaggio di 320 mg/softgel


Lozione anti-DHT, anticaduta capelli e trattamento anticalvizie a base di estratti naturali per stimolare la ricrescita dei capelli e bloccare i recettori degli androgeni nei follicoli.

APPROFONDIMENTI

Colesterolo e calvizie

Le cure che abbassano il colesterolo fanno ricrescere i capelli?

Policosanoli della cera contro la calvizie: un nuovo studio

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.