Beta-sitosterolo, anti-dht naturale

Il beta-sitosterolo è l'oggetto di una recente pubblicazione scientifica che ha riassunto gli studi sui preparati a base di attivi naturali che agiscono contro il cancro alla prostata e l'iperplasia prostatica benigna. Sappiamo che questo tipo di attivi sono efficaci nel contrastare la calvizie comune. Vediamo perché.

0
1693

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 3 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Beta-sitosterolo, anti-dht naturale. I farmaci che contrastano le patologie dipendenti dagli androgeni sono utilizzati con successo anche per bloccare la calvizie comune. Questa è infatti una condizione dipendente dagli androgeni come l’iperplasia prostatica benigna (IPB) e il cancro alla prostata (CP).

Serenoa e beta-sitosterolo

Una recente pubblicazione ha messo in luce le proprietà del beta-sitosterolo analizzando gli studi recenti sui preparati a base di principi naturali contro l’IPB e il CP.

La Serenoa repens, o saw palmetto, è uno dei tanti generi della famiglia delle Arecaceae, comunemente caratterizzate come palme. In particolare, la Serenoa repens è emersa come prodotto naturale per il trattamento dei disturbi prostatici, in particolare il cancro e l’iperplasia.

Gli integratori a base di erbe destinati a migliorare la salute della prostata possono contenere diversi tipi di steroli, vitamine e minerali. In termini di peso gli steroli vegetali costituiscono la componente principale. Nell’estratto di saw palmetto il beta-sitosterolo è considerato il componente più attivo e spesso rappresenta lo sterolo più abbondante.

Le analisi disponibili  dimostrano un’ampia gamma, in termini di peso, per gli steroli vegetali più comuni in questi integratori: campesterolo, stigmasterolo, beta-sitosterolo, brassicasterolo e colesterolo umano. Tra questi, il beta-sitosterolo, è il principale componente degli integratori di steroli vegetali, con una percentuale compresa tra il 42,4% e il 78,0% del contenuto totale di steroli vegetali.

E’ stato dimostrato che il beta-sitosterolo inibisce il legame della forma attiva del testosterone, il diidrotestosterone (DHT), con il recettore degli androgeni. Come recentemente riportato, il DHT è il principale fattore di crescita della prostata e l’inibizione dell’attività del DHT ha dimostrato di rallentare la crescita dei tumori prostatici e dell’ingrossamento prostatico benigno.

ipertrofia prostatica benigna

L’ipertrofia prostatica benigna.

Nel cancro alla prostata

Poiché il cancro alla prostata deriva da una neoplasia epiteliale, gli studi che esaminano gli effetti del beta-sitosterolo su questo cancro si concentrano sulla componente epiteliale ghiandolare della ghiandola prostatica.

I primi studi si sono concentrati sull’effetto del beta-sitosterolo sulle cellule di cancro alla prostata in coltura. In uno studio è stato testato beta-sitosterolo e colesterolo su una linea cellulare di cancro alla prostata indipendente dagli androgeni. Solo il beta-sitosterolo ha dimostrato una riduzione dell’invasività, della motilità delle cellule trattate.

I trapianti di tumori su topi immunocompromessi alimentati con beta-sitosterolo sono cresciuti meno. Inoltre hanno prodotto meno metastasi linfonodali o polmonari rispetto a quelli dei topi alimentati con colesterolo o campesterolo. Altri studi di questi ricercatori hanno dimostrato che il beta-sitosterolo induce l’apoptosi, aumenta i livelli basali di prostaglandine e incrementava la produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS) nelle cellule cancerogene. Il beta-sitosterolo può inibire la crescita tumorale stimolando l’apoptosi e promuovendo l’arresto del ciclo cellulare attraverso meccanismi che coinvolgono alterazioni nella produzione di ROS e prostaglandine.

Un altro studio ha rilevato che il beta-sitosterolo ha indotto l’apoptosi nelle cellule del tumore alla prostata umano sensibile agli androgeni.  Altri studi hanno riportato che il beta-sitosterolo  e citotossico per le cellule cancerose.  Risultati analoghi sono stati ottenuti con un estratto lipidico-sterolico. Si tratta del Permixon, è un integratore da banco commercializzato per il trattamento dell’ipertrofia prostatica con un contenuto di fitosteroli pari al 71,3% di beta-sitosterolo, 21,0% di campesterolo e 8% di stigmasterolo.

Altri studi hanno riportato effetti anticancerogeni utilizzando un composto comprendente isovanillina, acido lineolico e beta-sitosterolo.

Foglie e frutti (da questi ultimi si ricava l’estratto sterolico-lipidico) si Serenoa repens o saw palmetto.

Attività epigenetica

Uno studio ha dimostrato che il beta-sitosterolo promuove la sovraregolazione epigenetica dell’espressione del DNA. Questo studio ha anche associato il beta-sitosterolo a una riduzione dell’espressione delle citochine infiammatorie IL-6, IL1-β, TNF-α e IL-10.

Nell’ipertrofia prostatica benigna

Contro l’IPB si ricorre all’uso di inibitori della 5α-reduttasi (finasteride, dutasteride) per contrastare l‘iperproliferazione epiteliale. Studi recenti hanno dimostrato che nell’IPB si ha l’espansione della componente stromale della prostata in concomitanza con l’aumento del collagene.

La prostata umana necessita di ormoni steroidei androgeni per il corretto sviluppo, l’integrità strutturale e la sua funzione. Il testosterone viene convertito nella sua forma attiva, il diidrotestosterone (DHT), dall’enzima 5α reduttasi. Il DHT si lega al recettore degli androgeni (AR). L’AR si dimerizza nel citoplasma cellulare e viene trasportato nel nucleo, dove agisce come fattore di trascrizione. Si lega quindi agli elementi di risposta agli androgeni nelle regioni promotrici o esaltatrici dei geni per indurre o reprimere l’espressione di una moltitudine di geni. Si tratta dello stesso meccanismo che porta allo sviluppo della calvizie comune.

avodart farmaco

Il farmaco dutasteride ha Avodart come nome commerciale.

Finasteride e dutasteride

La dutasteride è un inibitore dell’enzima 5α-reduttasi di tipo I/II, mentre la finasteride è un inibitore dell’enzima 5α-reduttasi di tipo II. Sono inibitori competitivi della 5α-reduttasi e inibiscono la capacità dell’enzima di convertire il testosterone nella sua forma attiva, il diidrotestosterone (DHT). Dal punto di vista chimico, la finasteride e la dutasteride sono derivati degli steroidi, nello specifico aza-steroidi. Assomigliano strutturalmente al colesterolo e al DHT.

Steroli vegetali

Gli steroli vegetali più comunemente inclusi negli integratori per la salute della prostata – beta-sitosterolo, stigmasterolo, campesterolo e brassicasterolo – assomigliano chimicamente al colesterolo, al DHT, alla finasteride e alla dutasteride.  Condividono alcune attività molecolari e cellulari con questi composti, tra cui il legame con il recettore degli androgeni (AR) nelle cellule epiteliali della prostata.

Saw palmetto (Serenoa repens).

I primi studi hanno identificato la 5α-reduttasi come partner di legame per i componenti del Permixon, un estratto lipidosterolico di saw palmetto. Il primo studio, pubblicato da Sultan et al. nel 1984, riportava che questo estratto era un inibitore competitivo del legame del DHT con il recettore degli androgeni e inibiva la 5α-reduttasi. Nello stesso anno, Carilla et al. (con Sultan come coautore) hanno pubblicato che Permixon inibisce il legame di R-1881, un androgeno sintetico, al recettore androgenico citosolico della prostata ventrale di ratto omogeneizzata.  Delos et al. hanno dimostrato che Permixon agisce come inibitore non competitivo della 5α-reduttasi di tipo I in cellule DU145 in vitro. Mentre Bayne et al. hanno dimostrato che questo stesso composto inibisce entrambe le isoforme di 5α-reduttasi di tipo I e II. Questo in un modello di co-coltura di cellule epiteliali primarie e fibroblasti cresciuti da tessuto di IPB. L’insieme di questi studi ha fornito dati che da allora sono stati applicati per promuovere l’uso dell’estratto di saw palmetto.

permixon serenoa repens prostamol estratto prostata iperplasia

L’integratore farmaceutico Permixon che gode del maggior numero di studi scientifici.

Fitosteroli

Diversi studi hanno poi esaminato se i fitosteroli vegetali potessero inibire l’IPB indotta dal testosterone in modelli di ratto. Jena et al. hanno preparato estratti metanolici di diverse specie di Prunus e hanno identificato il beta-sitosterolo come fitosterolo primario in tutte le specie. I ratti Wistar maschi sono stati alimentati con varie dosi di estratto, veicolo o finasteride. A tutti, tranne il controllo negativo, sono stati somministrati 2 mg/kg di testosterone per via sottocutanea, per 21 giorni.  Al 22° giorno, sono stati determinati i pesi del corpo e della prostata e sono stati condotti studi istopatologici, immunochimici e biochimici. I ratti trattati con gli estratti di Prunus hanno dimostrato una sostanziale riduzione del peso della prostata. Hanno inoltre dimostrato un ripristino dei parametri antiossidanti e una riduzione dell’infiammazione. L’estratto di Prunus domestica, che conteneva il più alto livello di beta-sitosterolo, ha prodotto la riduzione più drastica delle misure di IPB. È importante notare che l’effetto anti-IPB degli estratti contenenti beta-sitosterolo è stato paragonabile a quello della finasteride.

Analoghi studi hanno coinvolto l’estratto di Uvaria rufa di cui il composto attivo è stato identificato come beta-sitosterolo.

Serenoa arricchita con beta-sitosterolo

Uno studio che ha testato gli effetti dell’olio di saw palmetto arricchito con beta-sitosterolo (VISPO) e dell’olio di saw palmetto convenzionale (SPO) sull’IPB indotta dal testosterone in ratti Wistar maschi. L’esame istologico dei campioni di tessuto prostatico ha mostrato che il trattamento con VISPO è stato comparativamente migliore rispetto a SPO nel migliorare i modelli iperplastici ed è stato paragonabile alla finasteride in questo senso. Inoltre, VISPO ha indotto l’apoptosi e ridotto l’espressione dei marcatori infiammatori.

Gli studi su Serenoa

I ricercatori hanno iniziato a valutare l’efficacia degli estratti di saw palmetto per migliorare l’IPB. Il primo studio di grandi dimensioni è stato condotto nel 1993 e pubblicato due anni dopo da Berge et al. su The Lancet.

In altri studi l’estratto di saw palmetto ha mostrato di esercitare effetti simili a finasteride. Vale a dire, riduzione della proliferazione cellulare e aumento dell’apoptosi cellulare in entrambi i comparti epiteliale e stromale della prostata. È interessante notare che l’estratto ha prodotto effetti più pronunciati nel compartimento epiteliale piuttosto che in quello stromale. Mentre finasteride ha mostrato espansione e collagenizzazione del tessuto stromale.

La molecola di beta-sitosterolo è molto simile agli steroidi come il DHT, finasteride e dutasteride.

Conclusioni

Gli studi riguardanti l’azione sul cancro alla prostata dimostrano che il beta-sitosterolo induce attività antitumorali. Tuttavia questo avviene non a un livello tale da competere con gli attuali standard di cura che utilizzano altri approcci terapeutici clinicamente testati. Per questo motivo, gli integratori vegetali derivati dal saw palmetto e contenenti beta-sitosterolo e altri steroli vegetali non sono considerati efficaci per il trattamento del cancro alla prostata.

La maggior parte dell’entusiasmo per il trattamento con beta-sitosterolo per la malattia prostatica si è concentrato sulla sua utilità nel trattamento dell’iperplasia prostatica benigna. Questi studi analizzano le strutture chimiche degli steroli vegetali con quelle degli inibitori della 5α-reduttasi, finasteride e dutasteride. Hanno ampiamente dimostrato che gli steroli vegetali interagiscono con l’enzima 5α-reduttasi e sostanzialmente impedirgli di legarsi al testosterone e convertirlo in DHT.

Inoltre, i fitosteroli, ma non la finasteride, competono con il colesterolo per l’assorbimento intestinale, e quindi riducono sia l’assorbimento del colesterolo da parte dell’intestino che le concentrazioni di colesterolo nel plasma.

Gli steroli vegetali riducono i livelli di DHT, ma mostrano un’efficacia più debole rispetto a finasteride e dutasteride. Pertanto, nello spettro dell’utilità degli aza-steroidi come inibitori della 5α-reduttasi, gli steroli vegetali si collocano al di sotto sia di finasteride che di dutasteride.

Gli steroli vegetali sono notoriamente attivi nella riduzione del colesterolo.

Una limite degli studi esaminati è dovuto ai diversi metodi usati per l’estrazione dei fitosteroli dal saw palmetto. Alcuni studi hanno utilizzato beta-sitosterolo purificato altri l’estratto di saw palmetto. Ciò solleva qualche dubbio sull’accuratezza con cui si possono confrontare gli studi per chiarire fenomeni particolari. Ad esempio gli effetti del beta-sitosterolo sulla proliferazione epiteliale prostatica o sulla morte cellulare programmata.

Gli integratori contenenti beta-sitosterolo per la salute non sono stati associati a tossicità o eventi avversi tra i milioni di uomini che li assumono quotidianamente. Questi studi hanno portato molti ricercatori e medici a concludere che gli integratori contenenti steroli vegetali, tra cui il beta-sitosterolo è il più abbondante, potrebbero essere più appropriati per gli uomini più giovani con sintomi minimi che non desiderano intraprendere una terapia clinica.

Nostra nota

Nella pubblicazione qui illustrata c’è una certa sovrapposizione tra estratto di saw palmetto e beta-sitosterolo. Questo perché uno studio individuava questo sterolo vegetale come il vero attivo della serenoa/saw palmetto. Non son stati presi in considerazione degli studi sul Permixon che avevano individuato negli acidi grassi liberi gli attivi di questo prodotto. Altri studi avevano evidenziato come attivi di serenoa/saw palmetto l’acido laurico, l’acido caprilico e altri simili. Benché il lavoro sia intitolato al beta-sitosterolo riteniamo che sia più opportuno fare riferimento all’efficacia degli estratti sterolico-lipidici di serenoa.

PRODOTTI CORRELATI


1 Flacone da 60 compresse

Integratore alimentare a base di estratto secco di Mela Annurca, Serenoa repens (Saw palmetto), Mela titolata al 4% in procianidina B2, Fillanto, radice di Ortica con Betasitosterolo


1 Flacone da 100ml

Nuova formula 2023

Kmax Hair Growth Therapy Spray è la lozione spray di Kmax per un trattamento topico intensivo volto a stimolare il naturale ciclo di ricrescita dei capelli. Basato su una formula innovativa, oggi ...

APPROFONDIMENTI 

Dettagli sullo studio “Serenoa vs. finasteride”

Serenoa Repens e capelli: intervista alla dott.ssa Giannatiempo

Serenoa funziona contro la calvizie?

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.