Veleno d’api

0
Data di revisione
251

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Biol Pharm Bull. 2 Aprile 2016

Veleno d’ape favorisce la crescita dei capelli in associazione con inibizione 5α-reduttasi di espressione.

ParK S 1, Erdogan S, D Hwang, Hwang S, Han EH, Lim YH.


1 Dipartimento di Biomedica e Scienze della Vita Integrate, Graduate School, Università della Corea.

Sintesi

L’alopecia è una problema importante che può verificarsi in persone di ogni età. Recenti studi dimostrano che il veleno d’api può essere utilizzato per il trattamento di alcune malattie tra cui l’artrite reumatoide, le nevralgie e la sclerosi multipla. In questo studio, abbiamo studiato l’effetto preventivo del veleno d’api sull’alopecia misurandolo con l’applicazione di veleno d’api (0,001, 0,005 e 0,01%) o minoxidil (2%) come controllo positivo per la pelle dorsale di topi C57BL/6 femmine per 19 giorni.

 Vip che usano cosmetici al veleno d'api.

Il veleno d’api sarebbe il segreto della bellezza di numerose VIP come Kate Middelton, Victoria Beckham e Gwyneth Paltrow.

I

 

 

 

I fattori di crescita responsabili della crescita del pelo sono stati analizzati mediante analisi PRC quantitativa in tempo reale e Western Blot usando cute di topi e cellule della papilla dermica umana (hDPCs). Il veleno d’api ha promosso la crescita del fusto e ha inibito il passaggio dalla fase anagen alla fase catagen sia sui i topi in fase anagen che sui topi in fase catagen indotta con desametasone, la crescita del pelo è risultata aumentata in modo dose-dipendente rispetto ai controlli.

Il veleno d’api ha inibito l’espressione di SRD5A2, che codifica il tipo II della 5α-reduttasi che svolge un ruolo importante nella conversione del testosterone in diidrotestosterone. Inoltre, il veleno d’api ha stimolato la proliferazione di hDPCs e diversi fattori di crescita (IGF-1R, VEGF, FGF2 e FGF7) nelle papille dermiche umane trattate col veleno d’api in modo dose-dipendente rispetto al gruppo di controllo. In conclusione, il veleno d’api è potenzialmente sia un forte inibitore della 5α-reduttasi che un forte promotore della crescita dei capelli.

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
Articolo PrecedenteCaduta intensa di capelli in primavera: niente panico!
Articolo Successivo20° Anniversario della S.I.Tri
Redazione Calvizie.net
La redazione di Calvizie.net è formata da medici, specialisti e semplici appassionati sul tema della Tricologia che dal 1999 si dedicano a diffondere la cultura della salute dai capelli e della capigliatura e informazione sulla calvizie sempre aggiornata il più obiettiva possibile.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui