Melanina del nero di seppia anti-canizie ?

0
Data di revisione
417

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

J Drugs Dermatol. Maggio 2016

La melanina dell’inchiostro di seppia incapsulata in bolle di nanolipidi e applicata attraverso una procedura di micro-needling pigmenta facilmente i capelli bianchi facilitandone la fotoepilazione.

Mario A. Trelles MD PhD,a,* Patricia Almudever PhD,b,* Justo M. Alcolea MD,a
Julio Cortijo PhD,b Gabriel Serrano MD,c Inmaculada Expósito MD,c Josefina Royo MD,d
and Franck Marie Leclère MD PhDe

a Instituto Médico Vilafortuny, Cambrils, Tarragona, Spain
b Dept. Farmacología, Universidad de Valencia, Spain
c Sesderma S.L., Valencia, Spain
d Instituto Médico Láser, Madrid, Spain
e INSERM U1189, Lille University, Lille Cedex, France; Department of Plastic Surgery, Hand Surgery, Burn Surgery, and Sex Reassignment Surgery, Bordeaux University Hospital and Bordeaux University, Bordeaux, France

* Mario A. Trelles e Patricia Almudever hanno contribuito in maniera uguale alla stesura di questo studio
.

Premessa
La fotoepilazione dei peli superflui dipende dalla presenza di melanina nel follicolo pilifero come cromoforo, ma non è efficace in pazienti con fusti e follicoli non pigmentati o con poca melanina. Lo scopo di questo studio in doppio cieco su due parti separate dello scalpo è stato quello di monitorare l’efficacia della melanina racchiusa in nanosomi nell’infondere melanina esogena nei follicoli dei capelli per potenziare con successo la fotoepliazione.

Materiali e metodi
Dodici pazienti di fototipo II-III, con i capelli bianchi o molto chiari, sono stati trattati con un composto contenente melanina incapsulata in nanosomi (Melaser ® ) insieme ad un marcatore fluorescente. Sono state delimitate due aree uguali di 6 cm² sui lati opposti dell’occipite (nuca) dei soggetti. Il composto è stato applicato a un lato sperimentale selezionato casualmente su ciascun paziente (area A), ed è stata applicata una soluzione salina allo stesso modo sul lato opposto di controllo (zona B). La penetrazione della melanina nel follicolo pilifero è stata valutata utilizzando la microscopia ottica e a fluorescenza. Inoltre, la condizione della struttura dei capelli è stata controllata in vivo dopo le impostazioni laser standard utilizzate per l’epilazione.

K-Max Skin Roller System

Il preparato a base di melanina del nero di seppia è stato applicato con un procedura di micro-needling, quindi con uno strumento analogo al K-Max Skin Roller System. Il test riguarda la fotoepilazione di peli bianchi o chiari senza eumelanina (melanina scura), ma l’intero studio porta a chiedersi se questa tecnica non possa essere utilizzata per ripristinare il colore dei capelli bianchi, ossia per contrastare la canizie. L’apporto di melanina esogena che penetra nel follicolo è ovviamente meno superficiale della colorazione apportata dalle tinte per capelli e più vicina al processo di pigmentazione naturale del capello che avviene all’interno del follicolo pilifero.

Risultati
Un leggero eritema transitorio è stato osservato in quelle aree in cui è stato applicato il composto con un po’ di edema perifollicolare. Nessun effetto del genere è stato invece riscontrato in quelle aree in cui è stata applicata la soluzione salina. Non sono state osservate complicazioni persistenti come cicatrici, ipo- o iperpigmentazione sia nelle aree sperimentali che di controllo. Sotto la microscopia a fluorescenza, le strutture dei capelli nelle aree a cui era stato applicato il composto hanno mostrato chiramente un deposito di melanina, confermato dall’intensità dell’immunofluorescenza, che è risultata più alta 2 ore dopo l’applicazione. La microscopia ottica ha mostrato la melanina esogena depositata nei follicoli piliferi. Le prove con impostazioni standard per l’epilazione sono risultate efficaci nel danneggiare i capelli bianchi marcati con melanina.

Conclusione
Questo studio suggerisce fortemente la sicurezza e l’efficacia dell’applicazione di nanosomi che incapsulano melanina per l’introduzione della melanina nei follicoli piliferi. L’applicazione di melanina esterna ha un uso potenziale per la fotoepilazione di peli bianchi avendo rilevato alterazioni della struttura del capello che ne compromettono la vitalità (dopo l’applicazione del laser da epilazione).

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
Articolo PrecedenteTrigan
Articolo SuccessivoRapporto indice/anulare e calvizie
Redazione Calvizie.net
La redazione di Calvizie.net è formata da medici, specialisti e semplici appassionati sul tema della Tricologia che dal 1999 si dedicano a diffondere la cultura della salute dai capelli e della capigliatura e informazione sulla calvizie sempre aggiornata il più obiettiva possibile.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui