Ferro e caduta capelli nella donna: quando è carenza?

Uno studio clinico pone l'attenzione sulla correlazione tra la carenza di ferro e la caduta dei capelli nella donna. Ecco cosa è emerso.

0
Data di revisione
2548

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 1 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Lo studio

Partendo da uno studio del Dr. Trost e colleghi (JAAD 2006:54;824-44), un altro gruppo di ricercatori (Rushton et) pone la propria attenzione su cosa si intenda effettivamente per carenza di ferro. Rushton, infatti, afferma che l’articolo del Dr. Trost sia informativo e interessante. In particolare, è stata fornita una panoramica logica e sistematica sull’importanza del ferro nella caduta dei capelli. Tuttavia, vi è un punto che è stato sviluppato con troppa superficialità: in che cosa consiste davvero la carenza di ferro?

I parametri

È stato confermato che in persone sane, la maggior parte di coloro che lamentano la caduta dei capelli, la ferritina serica fornisca la stima più affidabile della carenza di ferro in assenza di dati sulla presenza di ferro nel midollo osseo. Quali parametri dovrebbe usare il medico nei pazienti affetti da alopecia? Per sviluppare questo tema dobbiamo interrogarci sul modo in cui i laboratori definiscono i parametri per la ferritina serica e l’emoglobina (Hb).

Carenza di ferro in percentuali

Nel 2001, Rushton et al hanno preso in considerazione l’uso di un limite di riferimento più basso per l’emoglobina, la conta dei globuli rossi e la ferritina serica nelle donne fertili. Da qui, hanno suggerito che queste anomalie fossero il risultato di un campione di popolazione, considerato normale ma che contiene una grande proporzione di pazienti donne affette da carenza di ferro.

ferroFig.1: Un livello basso di emoglobina, la conta dei globuli rossi e la quantità di ferritina serica nelle donne fertili sono i tre parametri impiegati in questo studio. 

Questa ipotesi è stata supportata da uno studio americano su larga scala che ha dimostrato che il 39% delle donne aveva un livello di ferritina serica al di sotto del valore più basso riscontrato in un uomo, mentre il 38% delle donne aveva carenza di ferro utilizzando il livello di saturazione della transferrina al di sotto del 20%, un indicatore riconosciuto di carenza.

Ferro e midollo osseo

La rilevazione della quantità di ferro nel midollo osseo viene messa in correlazione con i livelli di concentrazione di ferritina serica in individui con un tasso di sedimentazione degli eritrociti inferiore a 10mm/h. Questi studi mostrano una vasta scala di valori di ferritina serica corrispondenti ad un’assenza di ferro nel midollo osseo. Guzann et al hanno trovato che una concentrazione di ferritina serica di 50 ng/L 956;g/L era associata ad una possibilitá del 50% di assenza di ferro nel midollo osseo. Secondo i dati di Puolakka, il limite sicuro al 99% per la rilevazione di ferro nel midollo osseo è un livello di ferritina superiore a 70 ng/L 956;g/L.

Ferro e caduta capelli

Chiaramente, usando gli attuali parametri di riferimento raccolti dalla popolazione con una grande proporzione di individui carenti di ferro, lascia ai medici la convinzione che i loro pazienti non abbiano carenza di ferro. Questo dubbio coinvolge il limite di carenza e saturazione di ferro negli esami clinici che verificano la carenza di ferro in relazione alla caduta dai capelli. Per esempio, un gruppo di medici ha utilizzato i propri parametri di laboratorio per la ferritina serica inferiori a 20 ng/L 956;g/L per definire la carenza di ferro in 5 pazienti affette da telogen effluvium cronico non spiegabile con altre cause. Hanno affermato che siccome queste 5 pazienti avevano un livello di ferritina superiore a questo limite (>20 ng/L 956;g/L) non ci fosse connessione tra il ferro e la loro inspiegabile caduta dei capelli. Vorremmo mettere in discussione la loro conclusione.

alopecia femminileFig.2: La carenza di ferro viene annoverata tra le cause nella perdita di capelli femminile. 

Secondo i nostri dati, non ci sono prove pubblicate che avvallino un fabbisogno biologico minore di ferritina serica o emoglobina in donne fertili, se comparate con le loro controparti maschili e non vi è neppure evidenza di minori concentrazioni di emoglobina in nessun altro mammifero, compresi i primati fertili. Nessun altro mammifero mostra un dimorfismo sessuale nell’emoglobina o nei livelli di ferro: perché l’uomo deve esserne un’eccezione’. Di conseguenza, suggeriremmo di considerare un livello serico di ferritina maggiore di 70 ng/L 956;g/L quando si considera se somministrare o meno una terapia a base di ferro nell’effluvio cronico senza altre cause apparenti.

Di più sugli autori

D. Hugh Rushton, BA, PhDaCorresponding Author Informationemail address, Robin Dover, BSc, PhDa, Michael J. Norris, BPharm, MSc, PhDa, Jeremy J.H. Gilkes, MD, FRCPb.

 

APPROFONDIMENTI 

Ferro e capelli: il ruolo in tricologia

Vitamine e capelli

PRODOTTI CORRELATI


1 flacone da 120 capsule cad.

Integratore di vitamine del gruppo B, oligoelementi, biotina. L'utilizzo viene consigliato nel caso di caduta stagionale di capelli, effluvi cronici o in persone che presentano carenza di vitamina B, zinco, mag...

 


1 FLACONE DA 100ML 

Lozione per capelli anti-caduta e fortificante per donna. Trattamento topico a base di sfinganina, luppolo, agnocasto e ribes nigrum. Ideale dopo perdite di capelli abbondanti e in caso ...

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui