Protesi in lace: come ottimizzare la tenuta delle colle

Un requisito fondamentale per ottimizzare la tenuta di qualsiasi colla è un'accurata preparazione dello scalpo prima di procedere al fissaggio.

0
Data di revisione
3980

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 3 Media: 3.3]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

L’importanza della colla

Le principali aziende produttrici di colle per protesi (protesi in lace incluse) raccomandano l’utilizzo di un peeling per pulire in maniera profonda lo scalpo prima di stendere la colla. Tuttavia, indipendentemente da questo, è una buona abitudine massaggiare, rinfrescare e rigenerare la cute dopo averla occlusa con adesivo e protesi per una o più settimane.

Inoltre, è anche indicato l’utilizzo di shampoo senza oli al fine di massimizzare la pulizia da residui di sebo grasso ecc. Un altro suggerimento, soprattutto in caso di utilizzo di colle a base di acqua, è quello di procedere a stendere uno, due o, addirittura, tre strati di colla, attendendo che il primo sia asciugato prima di stendere il successivo (così facendo si creano ulteriori barriere dalle sostanze che disattivano il potere adesivo delle colle).

Nel caso di applicazione della colla su protesi o perimetri in poli, per aumentare ulteriormente la tenuta, si può stendere 1,2, o 3 strati sia sulla cute che sulla base. Invece, in caso di lace è bene stendere gli strati di colla solo sulla pelle.

Protesi in lace: il fissaggio

Non appena l’ultimo strato di colla sarà asciutto, bisogna procedere immediatamente al fissaggio. Infatti, più si attende più diminuirà la tenuta. Riepilogando:

1. Lavare accuratamente la testa con uno shampoo senza oli;
2. Utilizzare un peeling o gel esfoliante (non fare ulteriori shampoo);
3. Sciacquare bene con acqua calda ed asciugare totalmente la testa;
4. Procedere a stendere almeno 2 strati di colla;
5. Evitate di lavare i capelli nelle 12/24 ore successive a seconda del tipo di colla.

 

ARTICOLI CORRELATI

Reinfoltimenti non chirurgici: Ultralace

Protesi Ultralace: presentazione di Stefano Pinna

 

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui