Muore dopo trapianto di capelli

Un uomo d'affari indiano di 43 anni di nome Shrawan Kumar Chaudhary è morto dopo essersi sottoposto a un trapianto di capelli eseguito dal dr. Wikas Halwai, presso la clinica Chinchpokli a Mumbai in India.

2
Data di revisione
1879

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 2 Media: 3]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Il Dr. Halwai interrogato dalla polizia, ha fatto sapere che il paziente deceduto ha insistito perché gli venissero praticati 9.250 innesti in una sola seduta e ha avuto complicazioni dopo aver ricevuto 3.700 innesti di capelli.

Gli specialisti sconsigliano sedute che oltrepassino le sei-otto ore di intervento e l’innesto di più di 3.000 capelli a seduta anche perché tempi più lunghi sotto anestesia possono peggiorare eventuali problemi. Un singolo chirurgo può fare 2.000 innesti in una seduta e chi ha più aiutanti può arrivare a 4.000.

Il Dr. Halwai ha dichiarato agli inquirenti che il suo paziente si era sottoposto per quasi l’intera giornata di giovedì 14 Marzo a tutti i controlli previsti per chi deve fare un trapianto di capelli.

Il trapianto

Ha avuto inizio verso sera e alle 2.30 del mattino l’uomo d’affari ha iniziato ad avvertire dolore al collo e gli sono stati somministrati un antidolorifico e degli antibiotici, tuttavia dopo aver avuto problemi respiratori è stato portato prima a un ospedale e poi a un altro dove è deceduto il giorno dopo.

trapianto
Un trapianto di capelli presso una struttura specializzata indiana.

 

Le cause del decesso

Le cause del decesso sono ancora da accertare da parte dei medici forensi, ma le principali ipotesi sul tavolo sono le seguenti:

  • Reazione allergica. Provocata dagli antidolorifici e agli antibiotici assunti per alleviare il dolore al collo, le difficoltà respiratorie insorte poco dopo l’assunzione di questi farmaci sono tra i principali sintomi di questo tipo di reazione.
  • Infezione. Però fanno notare gli esperti che questa avviene in tempi più lunghi
  • Mancata sterilizzazione. Ci si chiede se l’infezione non sia dovuta alle condizioni antigieniche in cui è avvenuto il trapianto

Questo non è il primo caso di morte in seguito a un trapianto di capelli un evento simile si è verificato tre anni fa, sempre in India. I trapianti di capelli sono sempre più numerosi e praticati da diversi specialisti, ma anche da alcuni abusivi.
Eventi gravi come questo servono se non altro a sottolineare l’importanza di affidarsi per i trapianti di capelli a organizzazioni e professionisti di consolidata esperienza e di massima affidabilità.

Liberamente tratto, tradotto e adattato dal The Times of India del 12 Marzo 2019

ARTICOLI CORRELATI

Trapianto di capelli ad altà densità (HD hair transplant)

Trapianto di capelli: le risposte alle domande frequenti

Trapianto di capelli: il post-operatorio

 

14 Gennaio 2019
451
145
265
Letto proprio ieri ,volevo postarlo.. certo che sono casi limite..anche se fanno sempre riflettere quantomeno un minuto
 

proxy

Amministratore
Staff
12 Febbraio 2003
24,888
631
2,015
Più che altro bisogna capire che è sempre un operazione chirurgica, quindi bisogna valutare bene in che mani ci si mette.
 
  • Like
Reazioni: baudaffi pasquale

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
27,781
146
2,015
Milano
Il paziente ci ha messo del suo chiedendo una mega-session a un solo operatore, me il medico doveva dirgli di no. Infatti è indagato.

Ciao
MA - r l i n
 

artiglio5825

Utente
22 Luglio 2010
4,196
68
915
l utente finale può solo beneficiare della concorrenza, ci sono piu cliniche buone rispetto al passato e anche con un budget limitato si puo fare un trapianto, purtroppo la tecnica in se è limitata dal fatto che la donor non è infinita.
 
14 Gennaio 2019
451
145
265
Si certo da quel punto di vista si è un bene,dall'altro se ci si affida a non professionisti o a macellai sono cavoli..e qui in italia se ne sono sentite di cotte e di crude in passato