I nuovi composti analoghi della curcumina attivi contro il cancro alla prostata, aumentano la degradazione del recettore degli androgeni.

1
Data di revisione
412

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Shi Q, Shih CC, Lee KH.
AndroScience Corporation, San Diego, CA, 91121 USA.

Il recettore degli androgeni (AR) gioca un ruolo cruciale  nelle funzioni fisiologiche e patologiche degli androgeni. Come fattore di trascrizione, l’AR modula l’attività degli androgeni, regolando la trascrizione di geni bersaglio che sono coinvolti in numerose funzioni fisiologiche e disfunzioni patologiche, come l’acne vulgaris, l’alopecia androgenetica, l’iperplasia prostatica benigna (BPH) e i cancri della prostata.

Benché molti analoghi sintetici e naturali della curcumina vengano ritenuti in possesso di attività anticancro tramite una comune attività citotossica contro le cellule in proliferazione dei tumori, nessuno di loro viene ritenuto in grado di inibire la crescita di cellule cancerose tramite un meccanismo o bersaglio più specifico presente nelle cellule cancerose.

Recentenente dei nuovi analoghi della curcumina sono stati studiati a lungo riguardo alla loro sintesi , all’attività strutturale (vale a dire, attività anti-cancro), alle relazioni e ai meccanismi di azione. Questi composti come l’ASC-J9 e i suoi analoghi (3 e 4), hanno mostrato ora di inibire la proliferazione del cancro alla prostata attraverso un nuovo meccanismo consistente nell’aumento della degradazione dell’AR.

Approfondimenti


» Il polimorfismo del gene del recettore dell’androgeno è associato alla calvizie maschile
» Efficacia di finasteride e polimorfismo del recettore AR
» Lo studio iniziale sugli analoghi della curcumina (in inglese)

1 Commento

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui