La ricrescita di capelli dopo il trapianto

Esiste la possibilità che i capelli trapiantati non ricrescano? Purtroppo sì, però solo a determinate condizioni. L'insuccesso del trapianto dipende da una serie di fattori. Scopri quali sono

0
Data di revisione
1294

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 2 Media: 4.5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

l’X-factor del trapianto di capelli

Verso il finire degli anni ’80 alcuni specialisti, tra cui O’Tar Norwood, introdussero il termine X-factor per definire quei casi inspiegabili in cui l’intervento di autotrapianto aveva dato risultati scarsi o nulli.

Infatti in circa l’1 % dei trapianti era stata segnalata una minima ricrescita dei grafts (allora di 4 mm di diametro), anche se la tecnica utilizzata era esattamente la stessa e non esistevano condizioni che potessero indurre a sospettare un tale insuccesso.

Al riguardo sono stati fatti vari studi e proposte diverse teorie, tra cui le più consistenti attribuivano la scarsa ricrescita a un danno traumatico dei follicoli al momento della preparazione dei grafts o della loro inserzione, oppure a una carente ossigenazione della zona ricevente.

Più recentemente è stato proposto il termine H-factor per definire in particolare tutti quei fattori connessi alle tecniche dell’intervento e che possono influenzare in modo negativo il risultato:

Il “fattore umano”

Il principale è sicuramente costituito dal fattore umano, che si attua attraverso un danno, spesso involontario e invisibile, alle strutture del follicolo per una esagerata pressione della punta delle micropinze durante la fase di inserzione oppure per una prolungata permanenza delle unità follicolari (FU) fuori dal loro mezzo di conservazione.
Ma anche un eccessivo protrarsi del tempo dell’intervento, con conseguente affaticamento dell’équipe, può portare a una perdita della necessaria concentrazione e della cura nell’inserire le FU.
Un altro fattore è rappresentato da una condizione di ischemia consecutiva al dense packing (una concentrazione esagerata di incisioni per cm/2 ).

Pertanto allo stato attuale si ha la convinzione che, agli effetti di un buon risultato, sia molto più importante come si maneggiano le FU piuttosto di quante se ne impiantano e quindi non conta tanto quanti capelli si possono inserire ma quanti ne ricresceranno!

Dr. Lavezzari
(Source: sanihelp.msn.it)

Nota di redazione: questo interessante articolo mette in evidenza quanto sia importante, al fine del successo dell’intervento, il lavoro di consulenza pre-intervento quanto la manualità dell’intera equipe dirante l’intervento vero e proprio.
Inseguire a tutti i costi il sogno di un intervento ad altissima densità può rivelarsi controproducente perchè se la percentuale di attecchimento dei capelli innestati scende, il risultato è il medesimo di un intervento a densità inferiore, con uno spreco di numerose unità follicolari che non saranno più disponibile nell’area donatrice in futuro.
Anche in questo caso, affidarsi ad un chirurgo esperto e specializzato in trapianto di capelli è il primo vero importante passo per il successo dell’intervento.

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 2 Media: 4.5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
Articolo PrecedenteVitamina E e Vitamina F
Articolo SuccessivoIl catagen ideale del capello
Redazione Calvizie.net
La redazione di Calvizie.net è formata da medici, specialisti e semplici appassionati sul tema della Tricologia che dal 1999 si dedicano a diffondere la cultura della salute dai capelli e della capigliatura e informazione sulla calvizie sempre aggiornata il più obiettiva possibile.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui