Aree donatrici calvizie femminile: lo studio

0
1779

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
aree donatrici calvizie femminile

Aree donatrici calvizie femminile: un nuovo studio affronta un problema aggiuntivo della calvizie femminile che è quello di non presentare una folta e inequivocabile area donatrice a cui attingere per i trapianti di capelli come è l’area posteriore dello scalpo lasciata più o meno integra dalla calvizie maschile.
In genere si è sempre detto che la calvizie femminile colpisce quasi uniformemente la capigliatura (pur mantenendo spesso la linea frontale anche diradata). Con questo studio su un campione molto significativo si è invece voluto mettere in evidenza che le varie zone dello scalpo affette dalla calvizie femminile presentano situazioni non omogenee che possono permettere di attingere ad alcune aree donatrici per infoltire le aree mediamente più diradate e ottenere migliori risultati estetici.
Clin Cosmet Investig Dermatol.  29 dicembre 2017

Il cuoio capelluto parietale è un’altra area colpita nella calvizie femminile.

Rojhirunsakool S 1, Suchonwanit P 1.

1 Dipartimento di Medicina, Divisione di Dermatologia, Facoltà di Medicina, Ospedale Ramathibodi, Università di Mahidol, Bangkok, Tailandia.

Aree donatrici calvizie femminile: sintesi dello studio

Aree donatrici calvizie femminile: obiettivo

La calvizie femminile (FPHL) è una comune malattia dei capelli. Tuttavia, gli studi sulla misurazione quantitativa di FPHL sono ancora limitati. Lo scopo di questo studio è di indagare le caratteristiche dei pazienti con FPHL e di correlare ulteriormente la misurazione quantitativa con la presentazione clinica di FPHL.

Pazienti e metodi

Una valutazione di 471 pazienti con FPHL e 236 donne normali è stata condotta secondo la classificazione di Ludwig ed è stata effettuata un’analisi con apposito software collegato a un microscopio elettronico USB. Varie zone del cuoio capelluto, incluse quella frontale, parietale,  centrale (mid) e occipitale sono state analizzate per  la densità dei capelli, il diametro dei capelli non-vellus  e la percentuale di capelli miniaturizzati.

I punti di misurazione A) centrale, B) frontale, C) occipitale, D) parietale

Risultati

La densità dei capelli nelle donne normali era rispettivamente la più alta e la più bassa nell’area centrale e in quelle parietali. Il gruppo FPHL ha fatto registrare la più bassa densità dei capelli proprio nell’area parietale. Sono state osservate differenze significative nella densità dei capelli, nel diametro dei capelli non-vellus  e nella percentuale di capelli miniaturizzati tra il gruppo di controllo e il gruppo con FPHL, specialmente per quanto riguarda la zona centrale e quella parietale.

Conclusione

L’area parietale è un’altra importante area interessata dalla FPHL, oltre all’area centrale. Questa ricerca fornisce un’importante fonte di informazioni per la scelta delle aree donatrici da parte dei chirurghi specializzati nell’effettuare trapianti di capelli sulle donne.

Approfondimenti


Lo studio completo (in inglese)

Intervista alla prof. Tosti sulla calvizie femminile

Esiste davvero l’alopecia androgenetica femminile’

K-max sul diradamento femminile: le fotografie comparative “prima e dopo”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.