Alopecia, un aiuto dalla melatonina?

0
Data di revisione
454

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

La melatonina addormenta il corpo ma risveglia i capelli. Ad un congresso di dermatocosmesi, che si è svolto a San Vincent, questa sostanza è stata presentata come possibile rimedio contro la caduta dei capelli.

La melatonina è conosciuta soprattutto come aiuto per ristabilire il corretto ciclo sonno-veglia dopo i viaggi intercontinentali. È una sostanza prodotta dall’organismo umano e svolge appunto la funzione di sincronizzatore dell’orologio biologico, aiutando cioè l’organismo ad adattarsi ai cambiamenti ambientali. Ma adesso sembra poter favorire la ricrescita dei capelli.

La melatonina è stata testata sulla crescita di alcune cellule epiteliali e sull’efficacia nel contrastare le cause che determinano la caduta o la difficile ricrescita dei capelli. In particolare la sua azione è stata verificata attraverso l’applicazione in loco di una nuova formulazione, coperta da brevetto internazionale, nella quale la melatonina esplica un ruolo fondamentale, coadiuvata dal gingko biloba e dalla biotina. Fra i primi a verificare l’efficacia del prodotto ad uso topico sulla secrezione sebacea, spesso concomitante se non addirittura concausa della perdita dei capelli, sono stati i Professori Stefano Gilardi, docente di andrologia presso l’Università di Zurigo, e Walter Pierpaoli, direttore dell’Istituto di Ricerca Biomedica Jean Choay del Canton Ticino, considerato ‘il padre’ della melatonina.

Il nuovo trattamento è stato testato da prestigiosi Istituti internazionali, fra i quali l’Istituto Dermatologico Europeo (IDE), e da numerosi dermatologi che hanno confermato le premesse, cioè quelle di un prodotto capace di stabilizzare il quadro generale, con l’arresto della caduta dei capelli e il ripristino delle condizioni ideali per la loro ricrescita.

(source: Il Pensiero Scientifico Editore)

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui