Trapianti: Usa, Messo a Punto Robot Impianta-Capelli

0
Data di revisione
281

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Houston, 15 settembre. – Un robot ‘impianta capelli’ promette di sostituire il chirurgo negli interventi di auto-trapianto di capelli. La novita’, spiega Philip Gildenberg, il neurochirurgo texano di Houston, ora in pensione, che l’ha messa a punto, sarebbe capace di tagliare i tempi operatori e offrirebbe un risultato piu’ preciso di quello realizzato dalla mano dell’uomo. Il trapianto di capelli e’ un intervento lungo e laborioso. Prevede l’asportazione di sottili strisce di cuoio capelluto dalla parte posteriore della testa che vengono affidate a un team di sei tecnici che, con l’aiuto del miscroscopio, le dividono ogni campione in 1000-2000 ‘unita’ follicolari’, ognuna delle quali contiene da uno a quattro capelli, che vengono impiantate una ad una nelle zone della testa da rinfoltire.

”Un lavoro stressante, noioso e ripetitivo – spiega Gildenberg al New York Times – perfetto per un robot”. Il neurologo prima di ritirarsi era uno specialista di neurochirurgia stereotassica, tecnica che utilizza una mappa tridimensionale del cervello del paziente per guidare la mano del chirurgo. Lo specialista ha pensato di utilizzare la stessa tecnica adattandola a questo tipo di intervento estetico. Due telecamere digitali montate sul braccio meccanico del ‘chirurgo-robot’ fotografano in 3d la testa del paziente, individuando le zone dalle quali espiantare e impiantare i follicoli. Durante l’intervento, la ‘mano’ del robot, sulla quale e’ montata una piastra con degli aghi, ne preleva 50 alla volta e li impianta nelle zone da infoltire, velocemente e con gran precisione. Secondo lo specialista, che ha gia’ ottenuto un brevetto per la sua invenzione, con il nuovo robot-chirurgo, oltre a un migliore risultato estetico, si ridurranno di circa la meta’ i tempi di intervento.

(Pin/Adnkronos Salute)

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui