Ortica (Urtica dioica): La sua utilità in tricologia

L'Ortica è un'erba particolarmente ricca di minerali, tra i quali il silice utile contro le affezioni articolari dolorose. Va considerata un'eccellente integratore minerale e vitaminico in grado di aumentare la robustezza e incentivare la crescita di capelli ed unghie.

0
Data di revisione
642

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 4 Media: 4.3]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Quali sono le proprietà dell’Ortica?

L’ortica è un antico rimedio per la cura dei capelli. Conosciuta da sempre per le sue proprietà depurative e antinfiammatorie, ha dimostrato di contenere principi tricologici attivi. La pianta è alta circa un metro ed è caratterizzata dalla disposizione opposta delle foglie dotate di peli urticanti nella parte inferiore.

Vive ai margini di sentieri e pietraie ed è presente in tutta la macchia mediterranea. Le parti utilizzate sono le radici e le foglie. Le radici contengono fitosteroli quali la betasitosterolo, in grado di inibire la formazione di diidrotestosterone. Studi scientifici hanno confermato l’efficacia dell’ortica nell’ipertrofia prostatica in associazione con pygeum africanum e/o serenoa repens.

Le radici hanno proprietà antiforfora e antiseborrea

La pianta è ricca di clorofilla, acido gallico, istamina, acetilcolina, carotene, vitamina C ed oligoelementi (silicio, ferro, potassio, calcio, manganese ecc.).

L’istamina è probabilmente in grado di attivare l’adenilciclasi di membrana e quindi l’AMP ciclico, promuovendo la sintesi di energia.
Le radici contengono anche polifenoli, lignani e lectani, sostanze ad azione antiossidante.

Meccanismi d’azione dell’ortica:

  • Inibizione della 5-alfa-reduttasi
  • Azione antinfiammatoria e rimineralizzante
  • Azione antiossidante

L’ortica svolge un’azione rivitalizzante sul cuoio capelluto ed è impiegata spesso negli shampoo e nelle lozioni tonificanti per capelli.

Le radici hanno proprietà antiforfora e antiseborrea. Si utilizza anche in capsule o compresse con dosaggi da 50 a 100 mg, di solito in associazione con pygeum africanum e/o serenoa repens. Non esistono studi specifici sull’efficacia dell’ortica nelle patologie del capello, tuttavia la betasitosterolo ha dimostrato di ridurre la formazione di DHT.
L’ortica, fin dai tempi antichi, è stata la pianta più usata per preparare decotti, infusi e impacchi per la cura dei capelli.

Ha azione antiandrogena almeno tanto quanto l’estratto di serenoa repens, oltre ad evere azione antiseborroica e antiforfora.

La radice contiene scopetolo, alcol omovanillico, lignani, derivati del sitosterolo e viene utilizzata nella patologia dell’ ipertrofia prostatica, limitando le dimensioni della prostata, forse per una interazione tra sostanze presenti nell’ ortica e le proteine sieriche che legano normalmente gli androgeni.


Approfondimenti

Studio su Ortica e Serenoa (in inglese)

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui