MSM e capelli: antiossidante e disintossicante

0
Data di revisione
280

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Il MSM è considerato un potenziatore della maggior parte delle vitamine e di altri nutrienti quali la vitamina C, la A, D, E, tutte le B, il coenzima Q10, gli aminoacidi, il selenio, il calcio, il magnesio e molti altri. Il MSM migliora la capacità di assorbimento di questi nutrienti e ne prolunga la vita. Il corpo può utilizzare meglio i nutrienti e gli integratori alimentari saranno più efficaci e meno necessari.

MSM e azione antiossidante
Il MSM è un potente antiossidante, capace di legare e inattivare i radicali liberi. Questi sono delle molecole instabili, atomi con elettroni in numero dispari che, per la forza della natura, attraggono altri elettroni dall’ambiente circostante. I radicali liberi non sono tutti dannosi. In effetti, la vita senza radicali liberi non sarebbe possibile. Essi sono necessari per la produzione dell’energia cellulare. Il fegato li produce durante la disgregazione delle sostanze dannose. Il sistema immunitario usa i radicali liberi per eliminare virus e batteri. L’organismo utilizza gli antiossidanti che legano e inattivano i radicali liberi. La normale produzione di radicali liberi in un organismo sano è innocua, mentre se è eccessiva può risultare molto dannosa. Essi possono innescare una reazione a catena che alla fine può provocare grave danno alle membrane cellulari e ai cromosomi. L’eccessiva produzione di radicali liberi è causata da stress fisico e mentale, malnutrizione, inquinamento dell’aria, metalli pesanti e contaminanti presenti nell’acqua e negli alimenti, radiazioni e fumo di sigaretta. In questi casi il nostro organismo ha bisogno di una quantità extra di antiossidanti dal cibo. Il MSMS può essere uno di questi.
Come maggior fornitore di zolfo, il MSM è essenziale per l’appropriato funzionamento del sistema antiossidativo dell’organismo. Quando neutralizza i radicali liberi il corpo utilizza una varietà enzimi antiossidanti che contengono aminoacidi sulfurei i quali ricavano la loro struttura e l’attività biologica dai legami di zolfo (S-S). Inoltre, il MSM fornisce zolfo per gli aminoacidi sulfurei metionina, cisteina e taurina che sono considerati potenti antiossidanti. Quando si distaccano, i gruppi tiolo (-SH) di questi aminoacidi riescono a neutralizzare i radicali liberi. Lo zolfo è anche necessario per la formazione di ciò che è considerato il più potente antiossidante nutrizionale, il glutatione. E, come già riportato in precedenza, il MSM potenzia l’effetto di rinomati antiossidanti quali la vitamina C ed E, coenzima Q10, selenio, ecc. Anche il MSM stesso sembra agire come antiossidante. Le mucose contengono un enzima a base carbonio-zolfo chiamato C-S liasi. Alcuni studi hanno indicato che quando si lega alle mucose, la scissione del MSM fornisce un elettrone mancante del gruppo CH3SO2 che può neutralizzare i radicali liberi.

MSM e azione disintossicante
Il MSM è noto per riuscire a dissolvere molti composti organici ed inorganici. Legato alle mucose, il MSM reagisce con le tossine, disattivandole e velocizzandone l’eliminazione. Inoltre il MSM aumenta la permeabilità delle membrane cellulari, facilitando l’assorbimento dei nutrienti da parte delle cellule come pure l’eliminazione delle tossine. Molti operatori sanitari che utilizzano il MSM potranno affermare che esso è il più potente agente disintossicante, sia nutrizionale che farmaceutico, con il quale abbiano mai lavorato.

Un esempio recente ha dimostrato la straordinaria capacità di disintossicazione del MSM. Un giovane artista aveva cercato aiuto in un centro psichiatrico per gravi disturbi mentali. Gli antidepressivi peggiorarono le sue condizioni a tal punto da fargli decidere di cercare un rimedio alternativo. Un esame microscopico del sangue aveva dimostrato che l’uomo soffriva di un avvelenamento causato da diversi metalli pesanti e solventi provocato dalle pitture che egli utilizzava nel suo lavoro artistico. Di conseguenza questa persona aveva cercato l’aiuto della medicina allopatica e di quella alternativa. I medici gli avevano prescritto vari farmaci, disintossicanti omeopatici ed ortomolecolari come pure la terapia di biorisonanza. Dopo un anno e mezzo di disintossicazione la situazione del sangue era in qualche modo migliorata, ma egli accusava ancora gravi sintomi di tossicità.

(source: naturmedica.com)

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui