Minoxidil e 5 alfa-riduttasi

0
Data di revisione
1029

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Minoxidil incrementa l’attività della 17 beta-idrossisteroide deidrogenasi e della 5 alfa-riduttasi nelle cellule umane in coltivazione della papilla dermica prelevate da scalpo in stato di calvizie.

Sato T, Tadokoro T, Sonoda T, Asada Y, Itami S, Takayasu S.
Dipartimento di Dermatologia, Oita Medical University, Giappone.

Minoxidil è noto per la sua capacità di indurre la crescita dei capelli caduti per alopecia androgenetica, sviluppo nel quale gli androgeni giocano un ruolo centrale. Abbiamo studiato gli effetti del minoxidil sul metabolismo del testosterone tramite l’uso di cellule in coltivazione della papilla dermica prelevate da scalpo in stato di calvizie, oppure da scalpo sano, e di fibroblasti dermici. In tutti e tre i gruppi, l’attività della 17 beta-idrossisteroide deidrogenasi si è rivelata molto maggiore dell’attività della 5 alfa-riduttasi. Minoxidil incrementava l’attività della 17 beta-idrossisteroide deidrogenasi di circa il 40% (P < 0.001) nelle cellule della papilla dermica dello scalpo in stato di calvizie, mentre l’effetto era meno marcato nelle cellule della papilla dermica prelevate da scalpo non calvo e nei fibroplasti dermici. L’attività della 5 alfa-riduttasi si è rivelata anch’essa leggermente incrementata per effetto del minoxidil nelle cellule della papilla dermica prelevate da scalpo in stato di calvizie. Ancora, l’effetto sull’attività della 5 alfa-riduttasi è stato non significativo negli altri due gruppi di cellule. Se simili modificazioni del metabolismo del testosterone nelle cellule della papilla dermica dello scalpo in stato di calvizie dovute a minoxidil siano da ricollegarsi ai suoi effetti terapeutici, ciò resta ancora ignoto.
PMID: 10098703

Nota di redazione:
Come facilmente immaginabile, questa notizia ha suscitato molto clamore e numerosi interrogativi tra i membri della nostra Community ed i nostri lettori.
Abbiamo chiesto alla Prof.ssa Tosti di esprimere un suo commento al riguardo:

“Ho gia ricevuto molte e-mail al riguardo; penso che prima di tutto bisogna sempre fare molta attenzione a non confondere i risultati in vitro con quelli in vivo; comunque si parla comunque di lievisssimo aumento dell’attività 5 alfa reduttasica;
tenete presente che in vitro, per esempio, basta variare un pò la concentrazione di calcio per cambiare il metabolismo delle cellule in coltura.
Penso comunque che qualsiasi allarmismo sia smentito dai fatti: il minoxidil indubbiamente funziona, pur con tutti i suo limiti.”

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
Articolo PrecedenteStudio della dott.ssa Lindenbaum, ideatrice di Piliel
Articolo SuccessivoSulfasalazina per l’alopecia areata
La redazione di Calvizie.net è formata da medici, specialisti e appassionati al tema della tricologia. Dal 1999, ci dedichiamo a diffondere informazioni sempre aggiornate sulla cultura della salute dei capelli.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui