Intervista alla prof. Tosti sulla calvizie femminile

0
Data di revisione
2982

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 1 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Presentiamo qui un’intervista con la dottoressa Antonella Tosti Professore di Dermatologia Clinica presso la Leonard Miller School of Medicine Università di Miami, Florida USA. La prof. Tosti risiede a Miami dove è stata accolta in qualità’ di Cittadino Italiano residente in USA con permesso permanente di soggiorno per meriti straordinari e di recente ha acquisito anche la cittadinanza statunitense. Continua ad esercitare periodicamente attività’ libero professionale in Italia, a Bologna, dove, fino al 2010, ha ricoperto il ruolo di Professore Ordinario presso la Clinica Dermatologica dell’Università’ di Bologna. E’ riconosciuta internazionalmente come uno dei primi dieci esperti al mondo per le malattie dei capelli, delle unghie e per le dermatiti da contatto. In particolare, ha per prima utilizzato la dermatoscopia per la diagnosi ed il follow up delle malattie dei capelli ed è autore del primo testo scientifico di tricoscopia.

Professoressa Tosti, qual’e’ la principale causa della caduta dei capelli nella donna? 
L’alopecia androgenetica è la causa più frequente di caduta dei capelli nelle donne. Il problema è frequente a tutte le età. Uno studio recente 1) dimostra che la malattia insorge dopo i 50 anni nel 42% delle donne e prima dei 30 anni nel 21%. La maggior parte delle pazienti ha una storia familiare positiva e nel 51% dei casi la familiarità è presente solo nei parenti paterni.

Cosa comporta per una donna la caduta dei capelli?
La perdita dei capelli ha grosse ripercussioni psicologiche in molte donne con riduzione dell’autostima e depressione. Spesso le pazienti hanno già provato diversi shampoo, integratori e trattamenti suggeriti dal parrucchiere o dal web prima di rivolgersi a un dermatologo specialista nelle malattie dei capelli. Questo spiega il divario medio di 4,1 anni tra l’inizio della perdita di capelli e la prima visita specialistica per I capelli osservata in questo studio.

Qual’e’la sua esperienza in merito?
Nella mia esperienza il problema è spesso ignorato e sottovalutato all’esordio, poiché molte donne lo negano proprio perché stressante, questo fa sì che la diagnosi sia tardiva. La dermatoscopia del cuoio capelluto, nota anche come tricoscopia, permette una diagnosi certa anche nelle forme iniziali ed è un esame essenziale anche per un corretto follow up.

La prof. Antonella Tosti

Di cosa si lamentano principalmente le sue pazienti?
Spesso le pazienti con alopecia androgenetica femminile lamentano un’aumentata caduta dei capelli dovuta a un associato telogen effluvium (TE). Il 38,6% delle pazienti dello studio aveva una storia di concomitante TE. Nella mia esperienza le diete dimagranti sono la più frequente causa di associato telogen effluvium nelle donne giovani. Altri fattori scatenanti comuni sono i farmaci antidepressivi, la vitamina A, il parto, alcuni contraccettivi, in particolare gli IUD ormonali che contengono levonorgestrel, lo stress, le malattie della tiroide, la mancanza di ferro e di vitamina D e i tanto popolari trattamenti alla cheratina.

In che modo i trattamenti alla cheratina possono essere dannosi per i capelli?
I trattamenti alla cheratina contengono precursori o derivati della formaldeide che possono scatenare una grave dermatite del cuoio capelluto con grave caduta dei capelli. Io personalmente ne ho osservati molti casi e ho segnalato il problema in letteratura insieme ai colleghi brasiliani che ne hanno grande esperienza data la popolarità di questi trattamenti in Brasile 2).

Quanto sono importanti il ferro e la vitamina D nella donna?
Nello studio recente solo il 38% delle pazienti aveva normali livelli di Vitamina D e il 71% aveva valori di ferritina inferiori ai necessari 30 µg/L. Viceversa i livelli di zinco erano normali nella maggior parte dei casi a conferma del fatto che lo zinco non ha un ruolo rilevante in questa patologia.

Quali altre cause possono essere associate alla caduta dei capelli nella donna?
L’associazione con disturbi endocrini è risultata rara mentre l’ipertensione e disturbi depressivi erano presenti in un numero elevato di casi. Un altro dato interessante che emerge dallo studio è che le donne hanno generalmente aspettative esagerate e non realistiche e spesso non ritornano al controllo medico e sono perse al follow up.

1) Siah TW, Muir-Green L, Shapiro J. Female Pattern Hair Loss: A Retrospective Study in a Tertiary Referral Center. Int J Trichology. 2016 Apr-Jun;8(2):57-61.
2) Gavazzoni-Dias MF, Rochael M, Vilar E, Tanus A, Tosti A. Eczema-Like Psoriasiform Skin Reaction due to Brazilian Keratin Treatment. Skin Appendage Disord. 2016 Feb;1(3):156-62.

Approfondimenti


» Intervista alla Prof.ssa Antonella Tosti
» Intervista alla Prof.ssa Tosti (6/2003): Finasteride nella donna e diagnosi precoce
» Alopecia fibrosante frontale

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 1 Media: 5]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"
Articolo PrecedenteWorkshop sulla tricologia a Pescara
Articolo SuccessivoFollicoli in 3D, approfondiamo
La redazione di Calvizie.net è formata da medici, specialisti e appassionati al tema della tricologia. Dal 1999, ci dedichiamo a diffondere informazioni sempre aggiornate sulla cultura della salute dei capelli.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui