Il cloruro ferroso ferrico stimola le funzioni cutanee e la crescita dei peli nei topi.

0
Data di revisione
551

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Hirobe T.

Gruppo di Ricerca sul Meccanismo degli Effetti delle Radiazioni. Istituto Nazionale di Scienze Radiologiche, Giappone.

Il cloruro ferroso ferrico (FFC(R))) è una forma distinta di ferro acquoso composto di un complesso di cloruro ferroso e cloruro ferrico che partecipa a reazioni sia di ossidazione che di riduzione.

Gli studi precedenti dell’autore (si vedano approfondimenti) avevano mostrato che l’aggiunta  al terreno di coltura di FFC stimolava la proliferazione e la differenziazione di cheratinociti e melanociti nei topi appena nati. L’FFC stimolava anche la proliferazione di cheratinociti, fibroblasti e melanociti umani ?in vitro?.

Comunque non si sapeva se l’FFC stimolasse ?in vivo? la proliferazione e la differenziazione di cellule delle pelle e la crescita dei peli dei mammiferi.  Per rispondere a questa domanda si sono spalmate lozioni cutanee (FFC Super Essence Plain((R)) and Moisture((R)) Type, Akatsuka Co.)  sulla pelle dorsale di topi  neonati del tipo C57BL/10JHir (B10) e si è verificato il loro effetto stimolante  sulla proliferazione e differenziazione di cheratinociti, fibroblasti dermici e melanociti epidermici e dermici nella pelle, così come la crescita dei peli.

I topi del tipo B10 abitualmente perdono i loro peli dalla seconda alla terza settimana dopo la nascita, tranne quelli presenti sulla testa in fase telogen del ciclo di crescita, a causa dell’espressione genetica dell’alopecia. Il trattamento con le lozioni FFC ha inibito in modo rilevante la perdita di pelo dovuta all’alopecia. Questi risultati suggeriscono che FFC può stimolare la proliferazione e differenziazione di cheratinociti, fibroblasti e melanociti nella pelle così come la crescita di peli e, in aggiunta, possono inibire la perdita di capelli dovuta all’alopecia.

Approfondimenti


» Lo studio precedente completo del 2006-2007 (in inglese)
» Lo studio completo 2009 su cellule umane “in vitro” (in inglese)

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui