Il capello

0
Data di revisione
2015

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Nel capello normalmente sviluppato si distinguono tre parti:

1) una esterna al follicolo, visibile, detta STELO o FUSTO (spessore medio nell’adulto 65-78 micron);
2) una interna al follicolo stesso, tra l’ostio del follicolo e l’attacco inferiore del muscolo erettore del pelo, detta RADICE, “immersa” pertanto nella cute e quindi normalmente non visibile;
3) una ancora più profonda, alloggiata nella porzione inferiore della parte profonda del follicolo, detta BULBO, che contiene, nella parte inferiore (in pratica il “pavimento”) due-tre file di cellule sovrapposte a rapida riproduzione che costituiscono la MATRICE (originate, come abbiamo visto poco sopra, dalla guaina epiteliale esterna del follicolo).

Il capello è composto dal fusto, espressione esterna, e dalla radice (posta internamente, nella cute) oltre che dalla matrice, posta ancor più in profondità, costituita dalle cellule germinative del capello.

 


La matrice del capello:
Le cellule della matrice sono le uniche cellule germinative e, pertanto, tagliare corti i capelli non può “rinforzarli” in quanto quella che si taglia è una parte di fusto, formata cioè da cellule ormai prive di qualsiasi attività vitale (il vantaggio che si può ottenere tagliando corti i capelli è di altro tipo e dovuto alla minore traumatizzazione con lavaggi, spazzolature, ecc.); il capello non deve quindi essere assimilato ad una pianta che necessita o può comunque trarre beneficio da “potature” periodiche.

Le cellule della matrice, via via che si riproducono, spingono verso l’alto quelle nate in precedenza; durante la risalita le cellule, in modo analogo a quelle dell’epidermide, elaborano nel loro interno una proteina, la cheratina, vanno cioè incontro al cosiddetto “processo di cheratinizzazione” diventando progressivamente sempre più rigide.
Di queste cellule, all’inizio tutte uguali, alcune vanno a costituire la guaina epiteliale interna (che tende a cheratinizzarsi e quindi ad indurirsi in anticipo rispetto al pelo in modo da “modellarlo”), altre le tre parti strutturali del capello vero e proprio (cuticola, corteccia e midollo). Subito al di sopra delle cellule delle matrice sono presenti alcuni melanociti che hanno il compito di “colorare”, immettendovi la melanina, quelle cellule che diventeranno la “corteccia” del capello.

Secondo G. Cotsarelis e collaboratori (University of Pennsylvania e New York University School of Medicine) le cellule germinative risiederebbero non nella matrice ma nella già precedentemente ricordata “zona protuberante”; l’Autore riferisce che quando si arriva alla fase catagen la matrice vera e propria degenera e la papilla rimane connessa al bulbo solo una lunga colonna di cellule epiteliali; in seguito la papilla risale attivando le cellule germinative della zona protuberante che migrano verso il basso colonizzando nuovamente la matrice e dando inizio al nuovo ciclo del capello; questa presunta “nuova sede” delle cellule germinative potrebbe spiegare i parziali insuccessi finora ottenuti relativamente alla possibilità di ottenere, in laboratorio, delle colture cellulari capaci di dare origine al pelo: sarebbero state infatti utilizzate le cellule sbagliate!

Secondo Rook capelli e peli ricci avrebbero origine da follicoli pilosebacei curvi con asincronia fra tasso di crescita e di cheratinizzazione delle due pareti opposte della guaina epiteliale interna.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui