Ginsenoside F2 e DHT

0
Data di revisione
83

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Il ginsenoside F2 riduce la perdita di capelli controllando l’apoptosi attraverso i percorsi SREBP-SCAP e TGF-beta in un modello murino indotto dal diidrotestosterone (DHT).

Shin HS1 , Parco SY , Hwang ES , DG Lee , Mavlonov GT , Yi TH.
1Department of Oriental Medicinal Materials & Processing, College of Life Science, Kyung Hee University.

Sintesi

Questo studio è stato condotto per verificare se il ginsenoside F2 sia in grado di ridurre la perdita dei capelli influenzando percorsi della proteina che lega l’elemento regolatore dello sterolo (SREBP) e ne attiva la scissione (SCAP) e del fattore di crescita trasformante beta (TGF-β) sull’apoptosi in cellule di capelli trattate con con diidrotestosterone (DHT) e in un modello murino di perdita di pelo indotta dal DHT.

I risultati del ginsenoside F2 sono stati confrontati con la finasteride. Il DHT inibisce la proliferazione delle cellule dei capelli e induce alopecia androgenetica e attiva un percorso di segnalazione di apoptosi sia in vitro che in vivo. Il saggio sulle celle a base di 3-(4,5- dimetiltiazolo-2-yl)-2,5 -bromuro difeniltetrazolio (MTT) ha mostrato che i tassi di proliferazione di cellule di papilla dermica di capelli umani (HHDPCs) e di HaCaTs (cheratinociti umani) sono aumentati del 48% nel gruppo trattato con F2 ginsenoside e del 12% nel gruppo trattato con finasteride.

L’analisi Western blot ha mostrato che il ginsenoside F2 diminuisce l’espressione dei fattori collegati al TGF-β2 coinvolti nella perdita dei capelli. Il presente studio suggerisce un percorso relativo alla perdita di capelli cambiando i percorsi di apoptosi collegati alla SCAP che notoriamente regola il metabolismo del colesterolo.

La radice del ginseng che ricorda la figura umana femminile

Il Ginseng rosso coreano (Panx ginseng) è considerato la varietà di Ginseng più ricca di attivi.

Il ginsenoside F1 è una saponina che deriva dalla principale saponina del Ginseng, il ginsenoside Rb1. Oltre che nel Ginseng asiatico (o coreano) queste saponine abbondano nel Ginseng americano (Panax quinquefolium).

Le espressioni della SCAP, della proteina che lega l’elemento regolatore dello sterolo (SREBP) e della caspasi-12 sono diminuite nel gruppo trattato con ginsenoside F2 rispetto ai gruppi trattati con il solo DHT e con finasteride.

Anche i topi C57BL/6 sono stati trattati con iniezioni di DHT e poi con ginsenoside F2 o finasteride. Le misurazioni sul tasso di crescita, sulla densità, sullo spessore del pelo e le analisi istologiche effettuate su questi gruppi indicano che il ginsenoside F2 ha soppresso l’apoptosi delle cellule del pelo e l’entrata prematura nel catagen in modo più efficace di finasteride.

I nostri risultati indicano che il ginsenoside F2 diminuisce l’espressione delle proteine TGF-β2 e SCAP che si ritiene siano coinvolte nell’apoptosi e nell’induzione del catagen. Questo studio fornisce prove che questi fattori del percorso SCAP potrebbero essere dei bersagli per dei farmaci mirati alla prevenzione della perdita dei capelli.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui