FAQ Tricopigmentazione: le domande più frequenti

0
Data di revisione
2291

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Domande’ dubbi o perplessità sulla tecnica di tricopigmentazione’
Qui di seguito abbiamo raccolto le domande più frequenti (FAQ –> Frequently Asked Questions) sulla tecnica di tatuaggio semipermanente del cuoio capelluto.

Non trovi la risposta che stai cercando?
scrivici a: tricopigmentazione@calvizie.net e risponderemo il prima possibile.


FAQ – domande frequenti sulla tricopigmentazione

Perchè si chiama tricopigmentazione’
Perché si utilizza la tecnica di micropigmentazione sul cuoio capelluto, ricostruendo otticamente i peli in aree colpite da alopecia e calvizie, oppure come completamento all’autotrapianto.

Quali tipo di pigmenti vengono utilizzati?
I pigmenti che vengono utilizzati, sono monodose in varie nuance, testati, certificati e totalmente riassorbibili dal sistema immunitario.

Quali differenze ci sono fra le tecnica descritta e le altre tecniche di tatuaggio del cuoio capelluto?
La differenza tra tattoo e trico sta anche nella composizione fisico/chimica dei pigmenti. Le polveri da micro-tricopigmentazione subiscono in fase di sintetizzazione in laboratorio processi “fiscali”, ovviamente tutti certificati, tanto da risultare anallergici. Le polveri metalliche dopo essere state pesate, micronizzate ecc. vengono incapsulate ossia ricoperte da una sorta di guaina similsiliconica che scherma il contatto dei metalli stessi con la cute.

Con quali strumenti viene applicato il pigmento?
La strumentazione consiste in un’unità centrale munita di dermografo. Il dermografo è un manipolo che ” scrive nel derma”; su di esso si innestano gli applicatori sottili ( gli aghi) che veicolano i pigmenti nel derma.

Questi strumenti e questi pigmenti sono molto costosi?
Sì, abbastanza, per questo motivo il costo di un intervento di tricopigmentazione non deve tenere conto esclusivamente del tempo impiegato dallo specialista e dei costi di struttura, ma anche dei costi dei pigmenti utilizzati e soprattutto del costo di ammortamento dei macchinari utilizzati.

Quanto dura un intervento di tricopigmentazione’
La durata di un intervento varia dalle due alle tre ore, dipende dall’ estensione dell’area da operare.

Quanto costa un intervento di tricopigmentazione’
Da un minimo di 600 eu. ad un massimo di 1.500 eu. in funzione della complessità e dela vastità di area da trattare.

Da cosa dipende la variazione di costo di un intervento di tricopimentazione’
Ciò che incide sulla determinazione e l’oscillazione del costo è la vastità e la complessità dell’area da trattare, che incide conseguentemente sulla quantità di pigmento utilizzato e sul tempo di utilizzo dei macchinari e il tempo dell’operatore.

L’intervento è doloroso?
L’intervento in sé non è doloroso, si può in alcune aree particolarmente sensibili avvertire un leggero fastidio.

In cosa consiste la degenza post-intervento?
La degenza post-intervento consiste nell’applicare una crema specifica per una settimana, evitare l’esposizione solare, lampade solari, piscina, sauna per circa una settimana.

Posso utilizzare il minoxidil o altri prodotti topici subito dopo l’intervento?
Prima di sottoporsi ad una seduta di tricopigmentazione bisogna sospendere qualsiasi terapia farmacologica con farmaci topici o sistemici a base alcolica (minoxidil – propecia).

E’ consigliabile integrare l’intervento con una terapia farmacologica o con trattamento cosmetico o cosmeceutico?
Dopo l’intervento è consigliabile una cura da fare a casa con un siero specifico.

Quanto dura l’effetto della tricopigmentazione e dopo quanto è consigliabile fare una “ripresa”?
La durata varia da 6 a 12 mesi, questo dipende dal  tipo di pelle, dal sistema immunitario, dal tipo di pigmento utilizzato. Si consigliano un paio di riprese l’anno.

Come faccio a distinguere un bravo operatore da un operatore poco affidabile e/o improvvisato?
Un operatore affidabile si riconosce innanzitutto dal tipo di formazione che ha avuto: ci sono dei corsi specifici per questo tipo di tecnica tenuti da aziende specializzate nel settore della micropigmentazione. La tecnica Beauty Medical  (http://www.beautymedical.it/) è quella che ha ottenuto maggior consensi a livello internazionale, ma non è la sola presente nel settore. Poi è importante il tipo di strumentazione che viene utilizzata nei trattamenti, dalla macchina ai pigmenti: tutto deve essere certificato.

E’ possibile adottare questa tecnica anche se si tengono i capelli non rasati a zero?
Si, è possibile l’esecuzione della tecnica “punto pelo” che ha lo scopo di togliere le trasparenze e otticamente si ha un risultato di una chioma più folta.

Quando questa tecnica è preferibile all’autotrapianto di capelli o ai reinfoltimenti non chirurgici?
Questa tecnica può essere una valida alternativa quando il paziente, per svariate ragioni, non può sottoporsi ad un autotrapianto di capelli. Il risultato che si ottiene è molto più naturale rispetto ai reinfoltimenti non chirurgici.

Posso correggere o nascondere una cicatrice di autotrapianto di capelli non eseguita perfettamente con la tricopigmentazione’
Questo dipende da come si presenta la cicatrice. Nei casi di cicatrici troppo spesse o eccessivamente larghe è sconsigliato utilizzare questa metodica; nel caso invece si presenti piatta e di colore bianca si può trattare ottenendo un effetto camouflage.

Che medicinali non posso assumere prima delle sedute di tricopigmentazione ?
Almeno 7 giorni prima della seduta di tricopigmentazione si consiglia caldamente di sospendere qualsiasi farmaco topico (Minoxidil, Locoidon, Scalpicin, Antiandrogeni ecc.) e qualsiasi farmaco sistemico che possa fluidificare il sangue.

Come mi devo comportare dopo la tricopigmentazione ? Posso lavare i capelli ?
Durante tutti i giorni di trattamento di tricopigmentazione è molto consigliata l’astensione a qualsiasi tipo di lavaggio che sia con o senza shampoo.

Il giorno successivo all’ultimo trattamento si potrà detergere la zona trattata con uno shampoo specifico e si potrà applicare un siero due volte al giorno per favorire la cicatrizzazione.

Posso bere alcolici prima del trattamento di tricopigmentazione ?
Nell’immediato pre-trattamento di tricopigmentazione si consiglia di non assumere alcolici, neanche in minima quantità.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui