Differenza tra Irsutismo e Ipertricosi

0
Data di revisione
1097

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

Definizione di Irsutismo
L’irsutismo è la condizione del sesso femminile, caratterizzata dalla eccessiva crescita di peli terminali in zone ove normalmente lo sviluppo è minimo o assente. Sebbene raramente sia espressione di malattie gravi, è vissuto come invalidante dalle pazienti. Può essere dovuto ad aumentata produzione di androgeni e ad aumentata sensibilità cutanea agli androgeni.
Un’accurata raccolta delle notizie anamnestiche, l’esame obiettivo e gli esami di laboratorio permettono la diagnosi differenziale fra le forme benigne quelle a prognosi sfavorevole. L’accurata definizione diagnostica, indirizza alla scelta corretta del farmaco con aumento dell’efficacia terapeutica.

Definizione di Ipertricosi
Parliamo comunemente di ipertricosi per indicare qualsiasi situazione in cui esista un oggettivo, o anche solo soggettivo, eccesso di peli.
Poiché la crescita dei peli “testoidi” è abbonante e tipica nel sesso maschile, l’ipertricosi, per definizione, riguarda esclusivamente il sesso femminile.
In senso stretto si definisce ipertricosi l’eccesso di sviluppo dei peli nelle regioni in cui questi sono normalmente presenti nella donna. Il termine irsutismo indica la comparsa di pelosità nelle zone normalmente glabre nella donna, quando poi questa pelosità è notevole, al punto da ricordare quella maschile, si parla di virilismo pilifero.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui