Efficacia di Ciclosporina nel trattamento della calvizie

0
Data di revisione
433

tutti i diritti riservati riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

[Numero Voti: 0 Media: 0]

tutti i diritti riservati
riproduzione consentita purchè sia citata la fonte "www.calvizie.net"

L’applicazione topica di ciclosporina A induce un rapido rimodellamento dei follicoli in fase anagen danneggiati; risposta dei follicoli alla somministrazione di ciclofosfamide.

Shirai A, Tsunoda H, Tamaoki T, Kamiya T.
Kyowa Hakko Kogyo Co., Ltd., Tokyo Research Laboratories, 194-8533,
Tokyo, Giappone.

A topi C3H adulti con follicoli o in fase anagen IV o anagen VI sono stati somministrati il farmaco anti-tumorale ciclofosfamide, e ciclosporina A o minoxidil in applicazione topica, quotidianamente dal quarto giorno dopo la somministrazione di ciclofosfamide.

Nei topi con follicoli in fase anagen IV, ciclosporina A 0.5% ha prodotto pelame molto spesso e lungo, dopo 21 giorni di somministrazione di ciclofosfamide, mentre minoxidil 1% ha prodotto peli scarsamente visibili e corti.
Nei topi che hanno ricevuto ciclosporina A, i follicoli danneggiati sembravano rimodellarsi verso follicoli anagen intatti e riprendere la produzione di capelli, invece che declinare verso la fase telogen.
Nei topi che presentavano follicoli anagen VI al momento della somministrazione di ciclofosfamide, si è verificata un’alopecia totale nell’arco dei primi 7 giorni in tutti i gruppi.
Dopo 14 giorni di somministrazione di ciclofosfamide, è stata osservata una ricrescita di capelli sia nel gruppo trattato con ciclosporina A 0.5%, sia in quello trattato con minoxidil 1% con l’effetto predominante superiore al veicolo.

Questo studio mostra che i follicoli anagen rispondono alla ciclofosfamide in diversi modi a seconda del loro stadio (IV e VI), e che i follicoli anagen IV danneggiati hanno un potenziale di auto-rimodellamento, che è coadiuvato dalla somministrazione di ciclosporina A.

Nota di redazione:
Per completezza di informazione, riportiamo un commento rilasciato dalla Prof.ssa Tosti circa la possibilità di usare ciclosporina in un trattamento anticalvizie:

“Che la ciclosporina stimoli la crescita dei follicoli è noto da tempo, tanto che uno degli effetti collaterali del farmaco, riportato anche sul foglietto illustrativo, è l’ipertricosi, cioè la crescita di peli pigmentati in aree normalmente ricoperte da peluria; la ciclosporina è per questo gia da alcuni anni utilizzata nel trattamento dell’alopecia areata, con risultati non buoni.
Quali sono i suoi effetti collaterali? Aumento della pressione, danni renali e nel tempo aumentata incidenza di tumori.”

E’ pertanto impensabile utilizzare un trattamento così tossico in una malattia come la calvizie che deve essere in qualche modo curata per tutta la vita.

Rispondi

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui