olio di pesce, cancro alla prostata

juliensorel

Utente
21 Marzo 2005
6,223
11
1,415
http://healthland.time.com/2013/07/11/hold-the-salmon-omega-3-fatty-acids-linked-to-higher-risk-of-cancer/

fortuna che non mi sono mai convinto ad usarlo :-D
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,574
3,346
2,015
Milano
Letta così mi pare il solito allarmismo a buon mercato, che colpisce un po' tutti gli integratori (in quanto tali...)....

...non avrai preso olio di pesce, ma io non abboccherei all'amo così facilmente[:)]

Ciao

MA - r l i n
 

nivalensi

Utente
30 Maggio 2007
242
0
165
http://www.benessereblog.it/post/73293/integratori-lolio-di-pesce-ricco-di-omega-3-aumenta-il-rischio-di-tumore-alla-prostata


leggevo anche io la notizia.. assurdo.. proprio gli omega 3 che tanto celebriamo.. mannaggia :(

Ps.. ma vale anche per gli omega3 da semi oleaginosi (noci, lino ecc..)
 

dnt83

Utente
20 Agosto 2012
469
1
265
azz...........prorpio ieri ho comprato da biovea 60 capsule di omega3 superpotency.
è caduto un mito.
 

turop88

Utente
21 Gennaio 2012
936
2
265
Mah....certo, prima di cedere a facili allarmismi è bene valutare bene l'attendibilità della notizia, però mi viene anche da aggiungere che proprio in questi giorni ho letto (non ricordo dove) che nei paesi scandinavi, dove l'alimentazione è più ricca di questi acidi grassi, il rischio di cancro alla prostata è molto più elevato rispetto agli altri (addirittura arriva al 30%, 1 uomo su 3!!).
Se fosse vero si potrebbe dire che tanto aiutano da una parte (per la salute del sistema cardiocircolatorio), tanto tolgono dall'altra!

Comunque ripeto: calma e sangue freddo. è pieno di ricerche che si smentiscono a vicenda, quindi è bene non abboccare subito a tutte quante.
 

dnt83

Utente
20 Agosto 2012
469
1
265
si,ma nel dubbio visto che non è un integrazione necessaria,le vendite dell'omega3 crolleranno.
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,574
3,346
2,015
Milano
Ma infatti, credo che Julien volesse scherzare un poco, perché quell'articolo del mitico Time lascia molto a desiderare:

1) Lo studio è uscito nel novembre scorso:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22906807


....quindi siamo un po' in ritardo nel dare la notizia...come al solito quando si è a corto di notizie nuove si fruga tra quelle che si erano scartate...

2) Lo studio parla di omega-3 il titolo dell'articolo di olio di pesce...(e tutti gli altri omega-3 ?)


3) Frasi come queste lasciano alquanto perpelessi:

It’s not that omega-3s are harmful, but that the fatty acids may have more complex effects on the body than previously thought. (si mettano d'accordo...lo studio dice che gli omega-3 possono aumentare il rischio...)

The study measured omega-3 blood levels in the participating men, and did not include information on the volunteers’ eating habits, so researchers could not differentiate between the effects of fatty acids from fish from those of supplements.However, the overwhelming majority of the participants did not take fish oil supplements.. (e allora perché il titolo dell'articolo sull'olio di pesce, se la stragrande maggioranza dei volontari non prendeva integratori di olio di pesce ?)

Based on the results, Brasky says that men with a family history of prostate cancer should discuss with their doctor whether fish oil supplements are safe for them, since these pills tend to contain concentrated doses of omega-3 — supplements contain between 30% to 60% of a serving of fish, and if a fish oil supplement is taken everyday, that adds up to a lot of daily fish oil. Brasky also suggested that men cut down on their fatty fish intake, though not eliminate it entirely.(Quindi l'allarme riguarderebbe giusto soggetti a rischio, riguarderebbe gli omega-3, ma per questi soggetti a rischio si sconsiglia giusto l'olio di pesce e di mangiare poco pesce...)

Poi segue la solita tiritera che non bisogna prendere le sostanze isolate, ma dagli alimenti, ma si conclude:Because the study did not query the men about their diets, it’s difficult to tell whether the men were consuming other healthy foods as well. (in pratica non si sa cosa assumessero questi volontari come dieta e non solo come integratori...siamo alla farsa...).


Io non sono un fanatico dell'olio di pesce, lo prendo in modeste quantità quando ho qualche infiammazione perché me la fa passare subito, ma questo è accaduto due volte solo, perché per fortuna non ho problemi. Cerco però di mangiare un po' di pesce e credo che sia una sana abitudine, inoltre con noci, mandorle e semi vari gli omega-3 non me li faccio mancare, anche se forse si potrebbe volere qualcosa di più titolato e specifico.

So e ho sempre detto che troppi grassi insaturi finiscono per danneggiare le cellule che devono avere una maggioranza non eccessiva di acidi saturi (anche loro temutissimi...) per mantenere la cellula solida e compatta e quindi con un aspetto non senescente. Non reputo l'olio di pesce una panacea, ma comunque un'integrazione molto valida contro le infiammazioni e quindi anche per tutto quello che si è andato dicendo sulle infiammazioni legate allo scalpo e ai capelli (questione PGD2 compresa).

Faccio infine notare che da novembre scorso sono usciti altri studi sull'argomento e sembrano essere un po' meno superficiali di questo citato da un giornalista forse in cerca di qualcosa per riempire un vuoto di notizie sensazionali....

Ciao

MA - r l i n



 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,574
3,346
2,015
Milano
Ma se leggi l'articolo alla fine il colpevole pare al limite il pesce, ossia fa sospettare fortemente che chi mangia pesce si prende l'effetto degli inquinanti, cosa che invece si eviterebbe con l'olio di pesce raffinato e certificato.

Meglio poi non far sapere che gli stessi acidi grassi sono quelli che compongono il cervello perché molti passerebbero alla lobotomia per evitare la possibilità di cancro alla prostata (stile Jolie con il seno...), anche se chi arriva a queste conclusioni non dovrebbe differire molto da lobotomizzato...[:)]

Ciao

MA - r l i n
 

csongrad

Utente
9 Settembre 2010
1,299
0
415
si vuole rimanere su terreni sicuri? pesci di piccola taglia. Altrimenti verdure a foglia larga. altro non serve.
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,574
3,346
2,015
Milano
No, scusa, lo studio in questione, parla di acidi grassi e non del pesce, nell'articolo si dice chiaramente che nel campione non c'erano molti che prendono integratori e colpevoli sarebbero le perle di Olio di Pesce ? Troppo assurdo come ragionamento....(ma qualcuno abbocca...).

Ciao

MA - r l i n


 

orione65

Utente
13 Maggio 2008
248
0
165
Mi sa che qualche cardiologo e reumatologo comincia ad avere dei problemi con le vendite di antinfiammatori......

Ovviamente il problema degli omega 3 da pesci, quantomeno degli integratori, riguarda la purezza dell'olio, che deve essere almeno sottoposto a bi-distillazione molecolare.
Il pesce e gli integratori di olio di pesce scadenti concentrano quantita' di inquinanti notevoli, tra cui il famigerato mercurio, che , assicuro, e' un elemento tra i piu' tossici del pianeta....
Come gia' detto da qualcuno, mangiate pesci di taglia piccola....
 

kakaroth86

Utente
9 Marzo 2012
3,287
76
915
orione65 ha scritto:

Come gia' detto da qualcuno, mangiate pesci di taglia piccola....



tipo? quali consiglieresti te?
è un bel problema per me che adoro salmone e tonno ma poco il pesce in generale...
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,574
3,346
2,015
Milano
Comunque trovare una correlazione tra chi ha nel sangue piu' acidi grassi polinsaturi e maggiore incidenza di cancro alla prostata non significa, sino a prova contraria, che chi ne assume di piu' sia piu' a rischio; potrebbe essere invece un sintomo della predisposizione a questo tipo di tumore e non la causa. Del resto questo non risulta essere un tipo di tumore molto diffuso tra le popolazioni che hanno una dieta ricca di questo tipo di grassi.

Andrebbe anche rammentato che questo tipo di grassi e' quello piu' soggetto alla perossidazione lipidica (per questo si consiglia di assumerli con Vit.E) e forse le persone a rischio sono quelle piu' carenti nelle difese antiossidanti di questo tipo.

Ciao

MA - r l i n
 

juliensorel

Utente
21 Marzo 2005
6,223
11
1,415
non credo che dipenda dalla perossidazione lipidica perché questa dovrebbe stimolare l'autofagia e avere l'effetto esattamente opposto.
Anni fa uscì uno studio che diceva qualcosa di simile sull'olio di lino. L'ipotesi più accreditabile è che questi acidi grassi proprio in virtù del loro effetto antiandrogeno e antinfiammatorio possano creare un microambiente che selezioni le forme di tumore non responsive agli androgeni (quelle più pericolose peraltro). Del resto l'acido Alpha linolenico è un inibitore della 5 AR no? Nondimeno l'Hazard sarebbe comunque accettabile, considerando che ci sono altri effetti positivi sulla salute. In breve continuerò a mangiare il mio pesce e le mie noci.
[:p]
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,574
3,346
2,015
Milano
Senza andare ai soliti Eschimesi, che sono comunque in numero esiguo, basterebbe prendere i Giapponesi per far calare un pietoso velo, se non sullo studio, sicuramente sui commenti fuori luogo che lo hanno accompagnato.

Ciao

MA - r l i n
 

pierre83

Utente
15 Gennaio 2012
2,313
1
615
e con questo esempio farei cadere anche un pietoso velo sul consiglio di non mangiare pesce, o mangiarlo di taglia piccola e cavolate simili... tanto anche l'aria che respirate e straordinariamente inquinata.