Dutasteride topica: veicolazione e frequenza di applicazione

flux

Utente
26 Febbraio 2015
836
263
265
ma tu quando sostieni che il dht é un ormone endocrino non stai lavorando di immaginazione scusa?? :LOL:
 
Ultima modifica:

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
30,067
1,214
2,015
Milano
No, direi proprio di no, visto che è accertato che le gonadi ne producano almeno il 25% di quanto si trova in circolo, come sai bene anche tu.

Inoltre paraganore i follicoli o anche le sole papille dermiche degli stessi alla prostata non regge, di quali follicoli stiamo parlando? La maggior parte dei follicoli piliferi fanno crescere lo stelo con il DHT, solo una minoranza di quelli dei capelli col DHT si miniaturizzano, sono quelli che interessano a noi, ma sono una minoranza, che peraltro agisce in modo contrario a quanto avviene nella prostata in cui c'è ipertrofia e non distrofia. Quindi il paragone fatto con l'immaginazione è anche sballato a livello di semplice logica.

Ciao

MA - r l i n
 

oscar74

Utente
2 Gennaio 2006
295
87
265
45
Caserta
In attesa dell'arrivo della fosfatidil colina pura, ieri ho preparato 100 ml una nuova versione del gel dutasteride etosomiale, ultilizzando lectina raffinata 97% fosfolipidi 40% fosfatidil colina, come primo gel precedentemente preparato. Consta di 2 preparazioni in mix, che spiegherò successivamente.

Formula finale :
Alcol etilico 30%
PG 10%
Lecitina PC 40 0.75%
Tromethamine (tampone Tris pH 8.0) 1%
Pemulen tr-2 0.2%
Fitosteroli 0.05%
Acido atrarico 0.05%
Dutasteride 0.03%
Acqua demineralizzata q.b.

Componente principale: etosomi binari dutasteride in etanolo 30%, PG 10%. 90% del volume di preparazione.

Componente secondaria: invasomi in etanolo 40% glicole 13%, acido atrarico 1%. 10% del volume di preparazione.

Base gel: questa volta ho preparato il gel 2 volte concentrato in pemulen, ma su base tampone-etanolo-PG identiche alle % della base etosomiale.

Ho realizzato 2 componenti di vesicles di differenti dimensioni attese:
-il 90% del volume etosomi con dimensioni attese standard
-il 10% con invasomi con dimensioni attese di pochi nanometri e caricati con atrarico come modificatore di size e penetration enhancer. Avrei potuto utilizzare qualunque altro "olio essenziale ", ma ho scelto atrarico perché puro e con caratteristiche antiandrogene. Le vesicles cosi piccole suppongo avranno capacità di penetrare più in profondità e dare anche un maggior passaggio sistemico. Assumendo che si comporteranno come invasomes finasteride dello studio, potenzialmente daranno rilascio sistemico praticamente totale. La quota però è limitata ad una dose settimanale di 0.03 mg, ma con il vantaggio di aver garantito che almeno questa piccola quota avrà penetrazione netta verso gli strati profondi. Anche se la % è limitata al 10% della massa di vesicles, il loro numero è (sempre basato su dati studi) nettamente superiore rispetto agli etosomi standard: assumendo diametro medio degli etosomi standard sia pari a 220 nm e 8 nm per gli invasomes, a parità di massa di lecitina il numero di vesicles atteso e circa 200.000 volte superiore, quindi avendo aggiunto solo il 10%, questi saranno comunque 20.000 volte piu numerosi della componente principale.

Probabilmente avrei potuto anche limitarli a 1%, ma se uno dei rischi è quello dei sides (che riporto con fina orale, anche se non gravi), rimane il rischio di giocarmi 12 mesi di ripresa di terapia con finasteride 1 mg al giorno come cura principale, unita ad altre di contorno, che mi hanno restituito grosso modo 1-1.5 gradi NW in un anno e tolto di mezzo 3/4 delle paranoie allo specchio, al costo di un po di sides.

Detto questo, oggi ho preso l'ultima dose di finasteride orale che mi era rimasta e, fatto un bel respiro, da domani incomincero' il mio gel topico dutasteride settimanale, in luogo di finasteride orale, continuando il topico giornaliero con lipoico 2%, atrarico 2%, estriolo 1%, pimento 0.5%, menta spicata 0.5% che ho postato in altro thread e microneedling settimanale 1.5 mm debitamente distanziato dal giorno di applicazione gel dutasteride, shampoo ketoconazolo 2%, 2 volte a settimana.
 
Ultima modifica:

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
30,067
1,214
2,015
Milano
Se puoi e vuoi mostra documentazione fotografica degli auspicabili progressi anche con solo ingranditore.

Ciao

MA - r l i n
 

oscar74

Utente
2 Gennaio 2006
295
87
265
45
Caserta
Si, al più presto un paio di foto micro e macro, al momento dell'inizio.

Ho fatto la prima applicazione stasera:
-% gel è ok, per l'applicabilita, perché viscosa quel tanto da stare dove la metti con la pipetta
-applicandola con molta calma (una volta a settimana la si può avere), assorbimento a vista ottimo e si sente presto la sensazione dell'alcool (forse anche quel minimo di acido atrarico), somigliante a lozioni ben più cariche di alcool/olii essenziali e con buona persistenza. Credo questo sia segno che penetra molto bene.
 
  • Mi Piace
Reazioni: Worna and AsapV

Lucio83

Utente
18 Giugno 2020
84
24
65
In attesa dell'arrivo della fosfatidil colina pura, ieri ho preparato 100 ml una nuova versione del gel dutasteride etosomiale, ultilizzando lectina raffinata 97% fosfolipidi 40% fosfatidil colina, come primo gel precedentemente preparato. Consta di 2 preparazioni in mix, che spiegherò successivamente.

Formula finale :
Alcol etilico 30%
PG 10%
Lecitina PC 40 0.75%
Tromethamine (tampone Tris pH 8.0) 1%
Pemulen tr-2 0.2%
Fitosteroli 0.05%
Acido atrarico 0.05%
Dutasteride 0.03%
Acqua demineralizzata q.b.

Componente principale: etosomi binari dutasteride in etanolo 30%, PG 10%. 90% del volume di preparazione.

Componente secondaria: invasomi in etanolo 40% glicole 13%, acido atrarico 1%. 10% del volume di preparazione.

Base gel: questa volta ho preparato il gel 2 volte concentrato in pemulen, ma su base tampone-etanolo-PG identiche alle % della base etosomiale.

Ho realizzato 2 componenti di vesicles di differenti dimensioni attese:
-il 90% del volume etosomi con dimensioni attese standard
-il 10% con invasomi con dimensioni attese di pochi nanometri e caricati con atrarico come modificatore di size e penetration enhancer. Avrei potuto utilizzare qualunque altro "olio essenziale ", ma ho scelto atrarico perché puro e con caratteristiche antiandrogene. Le vesicles cosi piccole suppongo avranno capacità di penetrare più in profondità e dare anche un maggior passaggio sistemico. Assumendo che si comporteranno come invasomes finasteride dello studio, potenzialmente daranno rilascio sistemico praticamente totale. La quota però è limitata ad una dose settimanale di 0.03 mg, ma con il vantaggio di aver garantito che almeno questa piccola quota avrà penetrazione netta verso gli strati profondi. Anche se la % è limitata al 10% della massa di vesicles, il loro numero è (sempre basato su dati studi) nettamente superiore rispetto agli etosomi standard: assumendo diametro medio degli etosomi standard sia pari a 220 nm e 8 nm per gli invasomes, a parità di massa di lecitina il numero di vesicles atteso e circa 200.000 volte superiore, quindi avendo aggiunto solo il 10%, questi saranno comunque 20.000 volte piu numerosi della componente principale.

Probabilmente avrei potuto anche limitarli a 1%, ma se uno dei rischi è quello dei sides (che riporto con fina orale, anche se non gravi), rimane il rischio di giocarmi 12 mesi di ripresa di terapia con finasteride 1 mg al giorno come cura principale, unita ad altre di contorno, che mi hanno restituito grosso modo 1-1.5 gradi NW in un anno e tolto di mezzo 3/4 delle paranoie allo specchio, al costo di un po di sides.

Detto questo, oggi ho preso l'ultima dose di finasteride orale che mi era rimasta e, fatto un bel respiro, da domani incomincero' il mio gel topico dutasteride settimanale, in luogo di finasteride orale, continuando il topico giornaliero con lipoico 2%, atrarico 2%, estriolo 1%, pimento 0.5%, menta spicata 0.5% che ho postato in altro thread e microneedling settimanale 1.5 mm debitamente distanziato dal giorno di applicazione gel dutasteride, shampoo ketoconazolo 2%, 2 volte a settimana.
Oscar una domanda: che intendi dire quando scrivi: "microneedling settimanale 1.5 mm debitamente distanziato dal giorno di applicazione gel dutasteride"?
Io per esempio faccio lunedi 2ml di duta topica liposomiale e il martedi microneedlig. Se noti faccio prima l applicazione di duta ed il giorno dopo microneedlig.
 

oscar74

Utente
2 Gennaio 2006
295
87
265
45
Caserta
Ho fatto venerdì sera gel dutasteride, lunedì sera faro' microneedling 1.5 mm.
Il giorno di dutasteride, ho saltato l'altra lozione perché contiene 3% di olii essenziali, che farebbero decadere tutto il razionale del controllare il rilascio, applicati prima o peggio dopo. La userò oggi, a 24 ore di distanza e sto raginando su come formulare al meglio anche l'altra lozione come gel etosomiale, a dosaggi attivi molto più bassi e con base identica, proprio per avere più controllo di tutto.
 

oscar74

Utente
2 Gennaio 2006
295
87
265
45
Caserta
Qui alcune T0 (12 mesi fina orale 1mg...ed altro, no minox).

Micro: front basso, centrale, dopo hairline

Micro: inizio hairline, sempre zona centrale

Smartphone, allo specchio (abbastanza rappresentativa dell'impatto visivo).


Smartphone, selfie (peggiorativa dell'impatto visivo).


Smartphone,selfie, situazione tempie a capelli tirati e capellini hairline migliorati in spessore e lunghezza con le cure (peggiorative, ma non molto)


PRE-CURE
Smartphone, selfie (peggiorativa dell'impatto visivo)

 
Ultima modifica:
  • Mi Piace
Reazioni: elduderino

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
30,067
1,214
2,015
Milano
Ottima documentazione. In 12 mesa di fina orale dovresti avere per lo più stabilizzato, quindi dovrebbero valere anche per il T0 di 12 mesi fa.

Ciao

MA - r l i n
 

oscar74

Utente
2 Gennaio 2006
295
87
265
45
Caserta
Il T0 pre-cure è l'ultima foto: front ai minimi termini, tempie in foto praticamente glabre, ma in realtà avevo vellus/displasici biondi, che ora per buona parte sono scuri per via dello spessore maggiore e scendono avanti a coprire meglio. Mid, che non è oggetto di queste foto, perché mi preoccupa meno, si stava svuotando anche lui e ora invece, non dico che è perfetto, ma è abbastanza buono e con capelli di qualità nettamente migliore.
 

flux

Utente
26 Febbraio 2015
836
263
265
fina ha funzionato bene, ti ha ridato un po di copertura e migliorato la qualità, hai avuto sides??
 

oscar74

Utente
2 Gennaio 2006
295
87
265
45
Caserta
Sì, finasteride mi ha dato sides nella sfera sessuale, principalmente crollo libido e riduzione della sensibilità e stabilità. Nessun problema di brain fog o simile o sovrappeso. Allo start, ho cambiato alimentazione e mi sono messo a fare sport perdendo 10 Kg: non ero grasso, ma roba inutile ne avevo addosso e ho messo massa muscolare.
Il tutto ha avuto un rientro abbastanza lento nei mesi, ma i sides non spariti del tutto. In altro thread, ho riportato che con estriolo topico che uso da 3 settimane, ho notato aumento libido e vedo anche una generale riduzione sides.
Finasteride per me è una vecchia conoscenza, perché l'ho usata in maniera non sempre costante dal 2000 al 2010 circa (stesso effetto di ora grosso modo, anche allora sides, ma ero più giovane...), poi ho mollato per 10 anni e mi sono giocato un paio di gradi NW in questo lasso di tempo.
Dopo questo nuovo giro di 12 mesi, ho deciso di provare dutasteride topica, mettendoci un po del mio.
 
  • Mi Piace
Reazioni: flux

flux

Utente
26 Febbraio 2015
836
263
265
Mi riconosco in parte nella tua esperienza. Com'è andata la prima applicazione di duta? hai la polvere giusto??
 

oscar74

Utente
2 Gennaio 2006
295
87
265
45
Caserta
Si, ho la polvere. In un post precedente trovi impressioni all'applicazione. Per sides, vedrò con calma, perché la prima applicazione è avvenuta a 24 ore da ultima dose fina orale 1 mg.

Notate riduzione solchi fronte nelle foto: migliorati con cura generale del viso in questi mesi , ma l'estriolo che uso in lozione da 3 settimane, non so se mi darà capelli, ma di sicuro è una bomba sulla pelle sotto questo aspetto: confermato "effetto liscio" anche da altro utilizzatore , che non usa lipoico che ho aggiunto insieme a estriolo circa 3 settimane fa.
 
  • Mi Piace
Reazioni: elduderino

flux

Utente
26 Febbraio 2015
836
263
265
ok, certo il tuo report potrebbe cmq avere bisogno di un po di tempo e non essere attendibile fin da subito, visto che hai appena interrotto fina dopo 1 anno, e ci vorrà un po di tempo per tornare alla situazione pre-cura. Inoltre stai utilizzando anche un antiandrogeno topico che aiuta senza dubbio.
Diciamo che se tra 6 mesi non hai perso colpi o hai addirittura guadagnato qualcosa senza sides possiamo tirare le somme sull'efficacia del veicolo.

Veniamo invece alla domanda che mi pongo da un po:

Anche trovassimo il modo di far stazionare duta sul derma, il lento rilascio sarebbe scongiurato da applicazioni di lozioni aggiuntive, che trascinerebbero inevitabilmente le molecole in profondità per un sicuro assorbimento sistemico (minox o qualsiasi glico-alcolica).
Stesso discorso per la mesoterapia, che a questo punto dovrebbe essere pensata quasi come una monoterapia per far fede al suo razionale??
(in parole povere: inutile trovare il sacro veicolo se il giorno dopo mi annaffio di minox, o di altro..😅)

Tu che risposta ti stai dando??
 
  • Mi Piace
Reazioni: ale84

oscar74

Utente
2 Gennaio 2006
295
87
265
45
Caserta
Flux, se leggi su, mi sono posto la domanda e per avere un po più di controllo, preparerò come gel etosomiale anche l'altra lozione, abbassando a 1/4- 1/5 la concentrazione degli attivi ed eliminando isopropyl myristate e sucrose laurate che ho inserito per disperdere e veicolare attivi lipofili in lozione standard. Quanto meno avrò un bel po' di solventi/veicolanti in meno in giro ogni giorno.
Sarei tentato a farlo adesso, ma forse per il momento è meglio un mese potenziale di sides a concentrazioni piene attivi e vedere che fa la lozione con estriolo, lipoico ,o.e. antiandrogeni, piuttosto che scommettere che in etosomi servono 1/4 -1/5 degli attivi rispetto a lozione classica, ma ben veicolata.

Forse nel caso della mesoterapia, che si può immaginare come tanti piccoli sacchetti acquosi schiacciati, dotati di una barriera formata dal nostro organismo , come reazione a qualcosa "non-self", è possibile che il leaching sia più contenuto.
 
Ultima modifica:

flux

Utente
26 Febbraio 2015
836
263
265
Speriamo che i tuoi report possano chiarire almeno qualche dubbio tra i tanti. Poi la liposomiale teoricamente avrebbe meno assorbimento sistemico dell'etosomiale no? ma sappiamo che la liposomiale va sistemica e da sides, quindi c'è da giocare con i dosaggi piu che altro per arrivare sempre allo stesso scopo, trovare lo sweet spot tra efficacia e assorbimento.
 

oscar74

Utente
2 Gennaio 2006
295
87
265
45
Caserta
Non ho capito quanto va sistemica la liposomiale.
Ho basato dosaggio etosomiale, assumendo assorbimento 100% e dosato a 1/10 del riferimento che abbiamo con Trichosol, che ha una quota sistemica del 10% Questo non è vero perché ci sarà una quota (piccola) persa in superficie per forza, ma gli assorbimenti in 12-24 h sono nell'ordine del 80-90%. Attenzione: questi sono assorbimenti totali, ovvero cute+parte sistemica. Dagli studi (anche di altri lipofili, non solo finasteride) sembra che in etosomiale la quota che va a strati profondi è nettamente più alta rispetto a strati superficiali.
Da studio invasomes, ovvero piccolissimi e carichi di permeation enhancer pensati per andare sistemici (limonene, carvone 0.5-1.5%), sappiamo che a parità di dose vs orale, passa sistemica una dose 3 volte superiore, con rilascio apprezzabile per 3 giorni (da cute caricata all'applicazione)
Se gli etosomi si comportano nello stesso modo, sto dosando circa 3 volte quanto vorrei, ma se rilasciano meno a sistemico , perché:
-le vesicles sono più grandi:area diffusionale più piccola
-duta diffonde meno di fina, perché più lipofila ed un tantino più grande
-i fitosteroli frenano diffusione, perché irrigidiscono la membrana delle vesicles e ne aumentano il punto di fusione (si rompono più lentamente). I fitosteroli competono con dutasteride per la diffusione perché sono dosati 2:1 Vs duta
-il gel pemulen cattura in un certo qual modo duta libera (non dentro etosomi) mantiene idratate per più tempo le vesicles , facendole rompere più tardi e costituisce comunque un reticolo attraverso il quale dutasteride per frazioni di mm deve migrare trovando gruppi idrofobici c10-c-30 del pemulen che sono affini a dutasteride (lipofili)
-il sistema è in microdosing, quindi la diffusione è più lenta perché il gradiente di concentrazione è più basso (il modello invasomes è a dosi da fina per BPH, scalate su mouse)

Allora la concentrazione locale potrebbe essere più alta e per più tempo, quindi si potrebbe sperare in una inibizione scalpo più alta del 55%.
Se buona parte passasse sistemica con 0.5 mg week (assumo 0.1 mg persi su fusti), allora avrò un quadro somigliante a 0.5/7=0.07 mg/day, che ricalcolato a orale con 60%di assorbimento, saranno equivalenti a poco più di 0.1 mg/day orale, ovvero dose grosso modo equivalente in potency a 1 mg/day fina, quindi atteso stesso profilo sides, ma con una differenza: ho caricato la dose dallo scalpo quindi è attesa comunque maggiore inibizione dht scalpo.

Se dovessi scommettere oggi, ti direi che avrò sides, probabilmente minori, ma non nulli e che non perderò il recupero, perché penso che accadrà una via di mezzo tra best e worst case. Verificato questo, potrò nel modo più semplice dimezzare la dose o dosare ogni 2 settimane, oppure frenare ulteriormente la formulazione (ho un paio di idee)

Ulteriore considerazione sui liposomi: dato che sono i migliori per caricare di dutasteride gli strati piu superficiali, credo saranno anche quelli che daranno potenzialmente più problemi di leaching sotto lozioni giornaliere.
 
Ultima modifica:
  • Mi Piace
Reazioni: flux