Bioscalin Attivatore Capillare iSFRP-1

bruceas

Utente
12 Novembre 2021
2
0
5
Buongiorno, volevo qualche chiarimento. Ho visto che relativamente al Bioscalin Attivatore Capillare iSFRP-1 si fa spesso riferimento ai tumori.
Vorrei capire se, in seguito alla chemioterapia e ad una lenta e rada ricrescita dei capelli, questo prodotto può essere indicato o c'è il rischio che favorisca la ricomparsa del tumore. (Donna di 50 anni)
Grazie.
 
Ultima modifica:

robbi76_

Utente
17 Agosto 2008
598
13
265
eh.. io credo che queste informazioni le possa dare sono un dottore qualificato che conosca questo prodotto e non di sicuro noi.... mi dispiace
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,537
3,316
2,015
Milano
A me è sfuggito il riferimento ai tumori di questa lozione. Posso immaginare che sia consigliata per contrastare la caduta dei capelli dovuta alla chemioterapia. Se puoi postare qualcosa in merito possiamo parlarne.

Ciao

MA - r l i n
 
Ultima modifica:

bruceas

Utente
12 Novembre 2021
2
0
5
A me è sfuggito il riferimento ai tumori di questa lozione. Posso immaginare che sia consigliata per contrastare la caduta dei capelli dovuta alla chemioterapia. Se puoi postare qualcosa in merito possiamo parlarne.
Ciao, cito ad esempio il tuo post #49 dove dici:
Sì il percorso WNT porta alla moltiplicazione cellulare per questo è usato anche dai tumori per accrescersi, però è lo stesso percorso con cui si rinnovano i tessuti e si mantengono le staminali, ossia è fisiologico, infatti quando si parla di quanto avviene nei tumori si parla di "aberrant WNT pathway" un percorso WNT aberrante, che in medicina significa irregolare, diverso da quello normale.
Non ho capito se l'Attivatore Capillare iSFRP-1 è ha base di WNT, quindi potrebbe accrescere i tumori. Scusate ma essendo molto ignorante in materia mi è difficile anche esprimere dei dubbi di senso compiuto :)
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,537
3,316
2,015
Milano
Tutti quello che fa crescere e ricrescere i capelli segue quel percorso, questo è utilizzato dai tessuti ad alta moltiplicazione cellulare, come quelli dei tumori, anche per questo si preferisce un approccio locale e non sistemico per stimolarlo.

Ciao

MA - r l i n