Procyanidin B-2....Marlin dacci un occhio

sas

Utente
27 Maggio 2012
547
1
265
Marlin ha scritto:
Ma la questione dell'SHBG non è quella fondamentale degli estrogeni, altrimenti sarebbero dei semplici antiandrogeni, invece per l'appunto pare ci sia qualcosa di più (WNT, anti-pgd2, pro-pge2, VEGF e altr fattori di crescita...e altro).

Ciao

MA - r l i n


Ma a proposito di fattori di crescita, ci vari sono studi che confermano la grande utilità dell'Igf-1 sui capelli. Non mi risulta, però, di avere mai sentito nessuno sperimentare questa sostanza per uso topico. Mi chiedo il perchè.
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,625
3,383
2,015
Milano
L'Igf-1 lo hanno usato alcuni, in particolare qualche paziente di Rinaldi. Penso che non sia stato così risolutivo, comunque anche l'insulina ha effetto molto simile (ed era contenuta insieme al T3 nella versione storica del Piliel, quella che pareva funzionare...)

Ciao

MA - r l i n

 

last beach

Utente
30 Giugno 2011
565
0
265
Marlin l igf-1 non e' stabile a temperatura ambiente,una volta ricomposto con acqua dura al massimo 10 giorni a temperatura compresa tra 2 e 8 gradi
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,625
3,383
2,015
Milano
Ok, ne prendo nota, ma c'è chi lo ha usato (magari non seguendo questi criteri...), quindi volendo lo si può usare tenendolo in frigo (non sarebbe una cosa particolarmente non fattibile).

Ciao

MA - r l i n
 

sas

Utente
27 Maggio 2012
547
1
265
L'ig1 è stabile per settimane a tempertaura ambiente se ricostituito con una soluzione di acido acetico allo 0,6% (distillato di aceto di vino).

Però non so se combinato con l'alcool o il glicole può degradarsi, dato che si tratta di un peptide a catena lunga e quindi molto molto delicato.

Marlin, secondo te varrebbe la pena provare?
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,625
3,383
2,015
Milano
E' piuttosto costoso e sinora i fattori di crescita topici non mi pare che abbiano dato i risultati che si attendevano.

Ciao

MA - r l i n
 

pierre83

Utente
15 Gennaio 2012
2,313
1
615
sempre interessante il discorso sul beta estradiolo, però non credo che il tamoxifene si possa usare con costanza, potrebbe avere effetti collaterali a lungo termine. comunque io utilizzo il 17 alfa a 0,05% e il canrenoato all'1%, e devo dire che questa combinazione sta aumentando i risultati positivi rispetto a quando usavo il 17 alfa allo 0,025 e il progesterone. ecco perchè in definitiva, penso che il meglio che abbiamo attualmente sia il minox e il 17 alfa, almeno fino a quando non si deciderà di intraprendere un discorso serio sul 17 beta
 

sas

Utente
27 Maggio 2012
547
1
265
Il tamoxifene è decisamente epatotossico e non è certo una mentina, anche se a dosi di 10mg al giorno per svariati mesi non ha mai uccisio nessuno.

Ma la mia idea sarebbe quella di valutare un'attento dosaggio di beta e tamoxifene per un breve periodo, giusto per boostare le parti più mal messe.

Magari fare brevi cicli di uno o due mesi, interrompere per un paio di mesi per consentire il ripristino dell'omeostasi, e ricominciare, e così via, fino a ottenere un risultato degno di nota.

Poi, interrompere del tutto e cercare di mantenere con le classiche terapie minox+fina, ecc.

Il tutto servirebbe solo per dare una bella spinta ai capelli maggiormente miniaturizzati, e senza rischiare tette, depressione, castrazione, ecc.

Ma è solo un'ipotesi del tutto teorica, dato che siamo nella sezione sperimentale, e non certo un'ipotesi praticabile o un suggeimento al fai da te.
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,625
3,383
2,015
Milano
Devi giusto trovare un medico scriteriato che ti prescriva una cura simile...magari negli USA...[:)]

Ciao

MA - r l i n
 

sas

Utente
27 Maggio 2012
547
1
265
A quanto pare, però, anche qui in ITA abbiamo medici scriteriati che prescrivono il betaestradiolo...[;)]
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
33,625
3,383
2,015
Milano
Chi ? Il problema di Boy è stato un errore del farmacista, non del medico....

Ciao

MA - r l i n
 

blibli

Utente
18 Novembre 2010
1,114
0
415
NON E' UNA SOLUZIONE usare il beta e il tamoxifee...il tamocxifene si ti blocca i recettori e nel periodo che lo prendi diventano insensibili agli estrogeni..e la ginecomastia non viene..ma appena lo smetti i recettori rimasti bloccati pr un toto periodo diventerebero ancora più sensibili agli estrogeni perché non più sottoposti alla loro azione..e quindi rientrando in contatto con un eccsso di setrogeni magiore dell inizio che persiste per un bel po con l uso del beta behh tis coppierebbe una gine mostruosa secondo me.perche appunto i recettori delle ghiandole mammarie sono diventati più snesibili dopo un periodo di blocco.devis apere sas che il beta ti scombussola il sistema ormonale per molto tempo anche dopo averlo smesso..quindi avresti pr me unabella ginecomastia ugualamnte..anzi forse epeggio..
 

blibli

Utente
18 Novembre 2010
1,114
0
415
e poi non e' detto che assieme al tamoxifene il beta funzioni bene lo stesso. eheh ...i recettori degli estrogeni ci sono sullo scalpo..se li blocchi beh pr me non funzionerebbe bene il beta..
 

sas

Utente
27 Maggio 2012
547
1
265
blibli, il discorso dell'upregulation dei recettori con il tamoxifene è corretto in teoria, ma nella pratica si risolve conntinuando il tamox dopo la sospensione del beta, e scalando gradualmente la dose e, in alcuni casi, abbinandoci anche basse dosi di un inibitore dell'aromatasi. Purtroppo non è fantascienza, ma è esattamente quello che fanno milioni di bobybuilders/ciclisti/ecc. in tutto il mondo per eviatare il rebound degli estrogeni e relativi sides (ginecomastia, depressione, rit idrica, azzeramento dell'asse, atrofia testicolare, ecc.). Questo è un fatto assodato, ben sperimentato, che a quanto pare funziona, e su cui non vale neppure la pena di stare a discutere.

Quanto al secondo punto, invece, è molto probabile che il tamoxifene interferisca anche a livello follicolare ma non credo che la sua azione suia tale da annullare gli effetti. probabilmente li riduce, ma dubito che li annulli, a meno di non assumere dosi assurde di tamoxifene.

Cmq. se gli effeti del tamoxifene nel prevenire la ginecomastia sono assolutamente incontrovertibili, gli effetti di un suo abbinamento con il beta sono una mia mera ipotesi che è destinata a rimanere tale.

Di una cosa sono certo, però: se un medico è talmente folle da prescrivere il menovis contro la clavizie, farebbe molti meno danni al malcapitato abbinandoci un farmaco come il tamoxifene o analoghi.
 

blibli

Utente
18 Novembre 2010
1,114
0
415
sas a il beta lo devi usare almeno per 6 mesi. e non puoi fare un cclo di 6 mesi continuo e più con tamoxifene assolutamente...il beta mica ti fa tornare temrinali in capelli in 2 msi..ci sono i cicli da rispettare... e appena lo smetti vedi boy pedi subito i riultati ..
 

sas

Utente
27 Maggio 2012
547
1
265
Boh, boy prima parlava di 3/4 mesi per ottenere capelli terminali. Cmq. io non ho la minima intenzione di usare sta roba, e tanto meno il mio medico si sognerebbe mai di prescrivermi menovis o tamoxifene.

La mia era solo una curiosità [;)]
 

blibli

Utente
18 Novembre 2010
1,114
0
415
Il ciclo del capello e un processo che ctedo nessuna sostanza possa far saltare...da vellus ci vorrebbe molto tempo anche col beta per doventare terminale..io credo che il beta dopo averlooramai provato tante volte behh non si opssa proprio usare in nessun modo purtoppp..
 

boybergamo76

Utente
11 Marzo 2005
2,657
2
615
Blibli il ciclo del capello si altera eccome, quando usavo 4 ml di minoxidil al giorno i Capelli, con duta sotto, mi crescevano 1 cm ogni 15 giorni, effetto sparito quando sono tornato ai canonici 2 ml. Il beta in tre mesi e mezzo mi fece diventare terminali tutto il vertex diradato, e i miniaturizzati sulle tempie diventarono quasi terminali, è successo nel 2008, si erano miniaturizzati a 21 anni, e io sono del 76. Ah sempre a 4 ml al giorno...