La Sindrome dello Shampista

emily

Utente
8 Febbraio 2004
581
0
265
Di shampini ne ho usati purtroppo hanno fatto molto bene solo al mio farmacista... che è alla suaseconda casa al mare.
Che uno shampoo faccia ricrescere i capelli o arresti la caduta..o che sia nutriente fortificante ..etc.. faccio prima a credere alla fiaba di biancaneve e sette nani.
Ammettendo anche che ne esista uno ... lo riterrei estremamente pericoloso...per il semplice fatto che quando ci laviamo la testa il prodotto va dove gli pare e piace e se fa ricrescere i capelli o li rinvigorisce farà ricrescere sicuramente anche i peli sulle orecchie sul collo o dovunque cadrà il prodotto trasportato dall'acqua... se ci si lava sotto la doccia poi.. chissà anche sulle spalle..
Ma di problemi non ce ne sono, possiamo stare tranquilli...di shampi così non esistono.
Domanda? Mettereste del minoxidil al 5% nel vostro shampoo??? HAhiiaaiai !!! Temo proprio di no.
Poi che alcuni siano curativi per certe patologie...come la forfora il sebo la dermatiti.. sicuramente ce ne sono di efficaci,ma a questo punto che senso ha... penso che sia molto più utile il principio attivo in un prodotto per uso topico come una crema o lozione, dopo uno shampoo neutre.
Per lo meno non lo si toglie dopo pochi minuti,e penso che sia indubbiamente più efficace.E abbia il tempo di agire o reagire.
Uno shampoo che dimostri l'efficacia applicandolo sulla pelle dura e impenetrabile... se sana ...diluito con l'acqua..per giunta per pochissimi minuti e rilavandolo via, subito dopo mi sembra che non abbia senso.. ..mi fa un poco sospettare ad una forma di bulimia ... dello shampista.
I bulimici si ingurgitano una torta sempre la più invitante e ricca di ingredienti..... poi la vomitano, subito dopo pochi minuti.....senza trarre benefici..solo un piacere momentaneo.
E via domani si riprende il giro..
Per non parlare dell'effetto rebound.. che lo shampoo porta alla nostra cute.Più usi shampoo e più i capelli richiedono lavaggi.
Lo shampoo deve solo lavare e basta.
Mi domando che senso abbia inserire un principio attivo e decantarlo in uno shampoo..??.. visto che, la quantità del prodotto usato rimane a discrezione di ogni individuo che ne fa un uso proprio e improprio, un vero dosaggio non esiste...ma vi sembra serio che come unità di misura sia il palmo della nostra mano..o un generico tappino standard della bottiglietta..???? Quindi il tutto è lasciato alla fatalità e casualità....
Sconcertante....che cura può essere non riesco proprio a capire...
 

emily

Utente
8 Febbraio 2004
581
0
265
Di shampini ne ho usati purtroppo hanno fatto molto bene solo al mio farmacista... che è alla suaseconda casa al mare.
Che uno shampoo faccia ricrescere i capelli o arresti la caduta..o che sia nutriente fortificante ..etc.. faccio prima a credere alla fiaba di biancaneve e sette nani.
Ammettendo anche che ne esista uno ... lo riterrei estremamente pericoloso...per il semplice fatto che quando ci laviamo la testa il prodotto va dove gli pare e piace e se fa ricrescere i capelli o li rinvigorisce farà ricrescere sicuramente anche i peli sulle orecchie sul collo o dovunque cadrà il prodotto trasportato dall'acqua... se ci si lava sotto la doccia poi.. chissà anche sulle spalle..
Ma di problemi non ce ne sono, possiamo stare tranquilli...di shampi così non esistono.
Domanda? Mettereste del minoxidil al 5% nel vostro shampoo??? HAhiiaaiai !!! Temo proprio di no.
Poi che alcuni siano curativi per certe patologie...come la forfora il sebo la dermatiti.. sicuramente ce ne sono di efficaci,ma a questo punto che senso ha... penso che sia molto più utile il principio attivo in un prodotto per uso topico come una crema o lozione, dopo uno shampoo neutre.
Per lo meno non lo si toglie dopo pochi minuti,e penso che sia indubbiamente più efficace.E abbia il tempo di agire o reagire.
Uno shampoo che dimostri l'efficacia applicandolo sulla pelle dura e impenetrabile... se sana ...diluito con l'acqua..per giunta per pochissimi minuti e rilavandolo via, subito dopo mi sembra che non abbia senso.. ..mi fa un poco sospettare ad una forma di bulimia ... dello shampista.
I bulimici si ingurgitano una torta sempre la più invitante e ricca di ingredienti..... poi la vomitano, subito dopo pochi minuti.....senza trarre benefici..solo un piacere momentaneo.
E via domani si riprende il giro..
Per non parlare dell'effetto rebound.. che lo shampoo porta alla nostra cute.Più usi shampoo e più i capelli richiedono lavaggi.
Lo shampoo deve solo lavare e basta.
Mi domando che senso abbia inserire un principio attivo e decantarlo in uno shampoo..??.. visto che, la quantità del prodotto usato rimane a discrezione di ogni individuo che ne fa un uso proprio e improprio, un vero dosaggio non esiste...ma vi sembra serio che come unità di misura sia il palmo della nostra mano..o un generico tappino standard della bottiglietta..???? Quindi il tutto è lasciato alla fatalità e casualità....
Sconcertante....che cura può essere non riesco proprio a capire...
 

emily

Utente
8 Febbraio 2004
581
0
265
Di shampini ne ho usati purtroppo hanno fatto molto bene solo al mio farmacista... che è alla suaseconda casa al mare.
Che uno shampoo faccia ricrescere i capelli o arresti la caduta..o che sia nutriente fortificante ..etc.. faccio prima a credere alla fiaba di biancaneve e sette nani.
Ammettendo anche che ne esista uno ... lo riterrei estremamente pericoloso...per il semplice fatto che quando ci laviamo la testa il prodotto va dove gli pare e piace e se fa ricrescere i capelli o li rinvigorisce farà ricrescere sicuramente anche i peli sulle orecchie sul collo o dovunque cadrà il prodotto trasportato dall'acqua... se ci si lava sotto la doccia poi.. chissà anche sulle spalle..
Ma di problemi non ce ne sono, possiamo stare tranquilli...di shampi così non esistono.
Domanda? Mettereste del minoxidil al 5% nel vostro shampoo??? HAhiiaaiai !!! Temo proprio di no.
Poi che alcuni siano curativi per certe patologie...come la forfora il sebo la dermatiti.. sicuramente ce ne sono di efficaci,ma a questo punto che senso ha... penso che sia molto più utile il principio attivo in un prodotto per uso topico come una crema o lozione, dopo uno shampoo neutre.
Per lo meno non lo si toglie dopo pochi minuti,e penso che sia indubbiamente più efficace.E abbia il tempo di agire o reagire.
Uno shampoo che dimostri l'efficacia applicandolo sulla pelle dura e impenetrabile... se sana ...diluito con l'acqua..per giunta per pochissimi minuti e rilavandolo via, subito dopo mi sembra che non abbia senso.. ..mi fa un poco sospettare ad una forma di bulimia ... dello shampista.
I bulimici si ingurgitano una torta sempre la più invitante e ricca di ingredienti..... poi la vomitano, subito dopo pochi minuti.....senza trarre benefici..solo un piacere momentaneo.
E via domani si riprende il giro..
Per non parlare dell'effetto rebound.. che lo shampoo porta alla nostra cute.Più usi shampoo e più i capelli richiedono lavaggi.
Lo shampoo deve solo lavare e basta.
Mi domando che senso abbia inserire un principio attivo e decantarlo in uno shampoo..??.. visto che, la quantità del prodotto usato rimane a discrezione di ogni individuo che ne fa un uso proprio e improprio, un vero dosaggio non esiste...ma vi sembra serio che come unità di misura sia il palmo della nostra mano..o un generico tappino standard della bottiglietta..???? Quindi il tutto è lasciato alla fatalità e casualità....
Sconcertante....che cura può essere non riesco proprio a capire...
 

vetmamu

Utente
26 Settembre 2003
125
0
165
Quello che non ha capito sono io: dove vuoi andare a parare?! Voglio dire, stai forse dicendo che, essendo la funzione primaria dello shampoo quella di detergere, allora lo fai allo stesso modo con un pantene da supermercato piuttosto che con un ducray?!..
 

ieson

Amministratore
Staff
31 Gennaio 2003
1,923
84
615
45
Bergamo
www.calvizie.net
Emily il tuo discorso è ineccepibile..... al 99%

Quello che dice sugli shampoo è quasi universalmente valido;
ti faccio un esempio: Nizoral o Triatop al Ketoconazolo
Questi shampoo da farmacia sono forse gli unici casi (ad eccezione del Nano shampoo, sull'altra sponda dell'atlantico) che possano vantare proprietà terapeutiche, una parloa che associata allo shampoo suona quasi come una bestemmia.
Ma la riprova sta nel fatto che il Ketoconazolo è un prioncipio attivo per i quali lo stesso Nizoral, che ne contiene il 2%, sino a un po' di tempo fa richiedeva la prescrizione medica.

Il Ketoconazolo, lasciato agire sufficientemente sulla cute umida/bagnata, ha tutto il tempo di penetrare e svolgere la sua azione.

Lo considero tutt'oggi un caposaldo indispensabile nella terapia della AGA, almeno una volta alla settimana, lasciato 3-5 minuti e poi risciacquato bene.
 

vetmamu

Utente
26 Settembre 2003
125
0
165
Io sono affetto da questa sindrome orami da anni e, come Giampaolo, potrei stendere una lista lunghissima di shampoo. Questo x dire che ne ho provati tantissimi, ma nn con la speranza di trovare quello miracoloso che mi facesse ricrescere i capelli, o con la voglia di fare arricchire il mio farmacista/erborista, tanto quanto x trovarne uno che mi desse un buon risultato COSMETICO.
E questo x dire che prima di tutto i capelli devono piacermi esteticamente, devo accettarli x quel poco o tanto di vita che rimane loro, senza scendere in depressione, complicandomi ulteriormente la vita e influendo negativamente di riflesso anche sulla loro saute, sbaglio forse?! nn lo so, ma mi va di crederci![X] Max.