Stati d'animo

ciuffetto

Utente
10 Marzo 2004
6
0
5
Mi sento di scrivere quì per sfogarmi un attimo.
Sono un ragazzo di 28 anni,neo acquisto del vostro sito.Quando ero 18enne avevo una chioma stupenda,tanto è che le ragazze mi invidiavano la mia folta capigliatura.Poi ho cominciato a perderli,lentamente e con essi il buon umore.Ma non ci davo importanza più di tanto.Si sa a 18 anni ci sono altri problemi da combattere.Poi ho deciso di curarli.Ho provato di tutto dalle lozioni,alle maschere di fango, a shampoo anti caduta consigliati dai dermatologi(anche perchè ho sempre avuto grossi problemi di forfora e dermatite seborroica).Nulla,lentamente e inesorabilmente non si fermava la caduta.Tuttora i miei capelli sono veramente pochi,e ormai ho perso ogni speranza di riaverli o salvarli.Mi sento defraudato,come se mi avessero rubato qualcosa ma con la beffa di non poter incolpare nessuno.Il mio umore ormai è perennemente sotto terra,mi sento avvilito.Cerco di non pensarci,ma non posso fare a meno di notare lo sguardo di coloro che mi conoscono da sempre.Adesso non mi guardano più negli occhi,ma il loro sguardo sale un po più in alto...e io ci stò di m***a!!Per non parlare delle relazioni con il gentilsesso.Ci sono giorni che addirittura evito di guardarmi allo specchio o sotto le luci dei riflettori,ed ogni volta che vado dal parrucchiere è un dramma.A volte reagisco,ma la rabbia che covo dentro ogni giorno sale,il tarlo dentro lavora,lavora e lavora.La proiezione della mia immagine in mezzo alla gente è pessima e questo condiziona perennemente il mio stato d'animo.A volte mi chiedo perchè ci hanno dato i capelli se poi a poco a poco ce li tolgono.Che senso ha questo??Insieme ai capelli sto perdendo anche la voglia di vivere,mi pesa tutto dal lavoro agli amici.Invidio coloro che hanno ancora i capelli da adolescente e mi rendo conto che stò diventando quello che non ho mai voluto essere.Nonostante questo vado avanti,ma non corro più,anzi mi trascino a fatica in questa vita che per me stà perdendo ogni valore.Non riesco più a godere di essa.Mi tocca fare il triplo della fatica per ottenere un minimo di quella cosa che mi faccia sentire meglio.
Questo è il mio stato d'animo adesso e nonostante ho intrapreso una cura seria con fina e lozioni,ho la vaga sensazione che tutto questo sia solo tempo e denaro sprecato.Spero di sbagliarmi con tutto il cuore.
 

ciuffetto

Utente
10 Marzo 2004
6
0
5
Mi sento di scrivere quì per sfogarmi un attimo.
Sono un ragazzo di 28 anni,neo acquisto del vostro sito.Quando ero 18enne avevo una chioma stupenda,tanto è che le ragazze mi invidiavano la mia folta capigliatura.Poi ho cominciato a perderli,lentamente e con essi il buon umore.Ma non ci davo importanza più di tanto.Si sa a 18 anni ci sono altri problemi da combattere.Poi ho deciso di curarli.Ho provato di tutto dalle lozioni,alle maschere di fango, a shampoo anti caduta consigliati dai dermatologi(anche perchè ho sempre avuto grossi problemi di forfora e dermatite seborroica).Nulla,lentamente e inesorabilmente non si fermava la caduta.Tuttora i miei capelli sono veramente pochi,e ormai ho perso ogni speranza di riaverli o salvarli.Mi sento defraudato,come se mi avessero rubato qualcosa ma con la beffa di non poter incolpare nessuno.Il mio umore ormai è perennemente sotto terra,mi sento avvilito.Cerco di non pensarci,ma non posso fare a meno di notare lo sguardo di coloro che mi conoscono da sempre.Adesso non mi guardano più negli occhi,ma il loro sguardo sale un po più in alto...e io ci stò di m***a!!Per non parlare delle relazioni con il gentilsesso.Ci sono giorni che addirittura evito di guardarmi allo specchio o sotto le luci dei riflettori,ed ogni volta che vado dal parrucchiere è un dramma.A volte reagisco,ma la rabbia che covo dentro ogni giorno sale,il tarlo dentro lavora,lavora e lavora.La proiezione della mia immagine in mezzo alla gente è pessima e questo condiziona perennemente il mio stato d'animo.A volte mi chiedo perchè ci hanno dato i capelli se poi a poco a poco ce li tolgono.Che senso ha questo??Insieme ai capelli sto perdendo anche la voglia di vivere,mi pesa tutto dal lavoro agli amici.Invidio coloro che hanno ancora i capelli da adolescente e mi rendo conto che stò diventando quello che non ho mai voluto essere.Nonostante questo vado avanti,ma non corro più,anzi mi trascino a fatica in questa vita che per me stà perdendo ogni valore.Non riesco più a godere di essa.Mi tocca fare il triplo della fatica per ottenere un minimo di quella cosa che mi faccia sentire meglio.
Questo è il mio stato d'animo adesso e nonostante ho intrapreso una cura seria con fina e lozioni,ho la vaga sensazione che tutto questo sia solo tempo e denaro sprecato.Spero di sbagliarmi con tutto il cuore.
 

ciuffetto

Utente
10 Marzo 2004
6
0
5
Mi sento di scrivere quì per sfogarmi un attimo.
Sono un ragazzo di 28 anni,neo acquisto del vostro sito.Quando ero 18enne avevo una chioma stupenda,tanto è che le ragazze mi invidiavano la mia folta capigliatura.Poi ho cominciato a perderli,lentamente e con essi il buon umore.Ma non ci davo importanza più di tanto.Si sa a 18 anni ci sono altri problemi da combattere.Poi ho deciso di curarli.Ho provato di tutto dalle lozioni,alle maschere di fango, a shampoo anti caduta consigliati dai dermatologi(anche perchè ho sempre avuto grossi problemi di forfora e dermatite seborroica).Nulla,lentamente e inesorabilmente non si fermava la caduta.Tuttora i miei capelli sono veramente pochi,e ormai ho perso ogni speranza di riaverli o salvarli.Mi sento defraudato,come se mi avessero rubato qualcosa ma con la beffa di non poter incolpare nessuno.Il mio umore ormai è perennemente sotto terra,mi sento avvilito.Cerco di non pensarci,ma non posso fare a meno di notare lo sguardo di coloro che mi conoscono da sempre.Adesso non mi guardano più negli occhi,ma il loro sguardo sale un po più in alto...e io ci stò di m***a!!Per non parlare delle relazioni con il gentilsesso.Ci sono giorni che addirittura evito di guardarmi allo specchio o sotto le luci dei riflettori,ed ogni volta che vado dal parrucchiere è un dramma.A volte reagisco,ma la rabbia che covo dentro ogni giorno sale,il tarlo dentro lavora,lavora e lavora.La proiezione della mia immagine in mezzo alla gente è pessima e questo condiziona perennemente il mio stato d'animo.A volte mi chiedo perchè ci hanno dato i capelli se poi a poco a poco ce li tolgono.Che senso ha questo??Insieme ai capelli sto perdendo anche la voglia di vivere,mi pesa tutto dal lavoro agli amici.Invidio coloro che hanno ancora i capelli da adolescente e mi rendo conto che stò diventando quello che non ho mai voluto essere.Nonostante questo vado avanti,ma non corro più,anzi mi trascino a fatica in questa vita che per me stà perdendo ogni valore.Non riesco più a godere di essa.Mi tocca fare il triplo della fatica per ottenere un minimo di quella cosa che mi faccia sentire meglio.
Questo è il mio stato d'animo adesso e nonostante ho intrapreso una cura seria con fina e lozioni,ho la vaga sensazione che tutto questo sia solo tempo e denaro sprecato.Spero di sbagliarmi con tutto il cuore.
 

andre74

Utente
15 Ottobre 2003
366
0
265
Come ti capisco caro ciuffetto! Purtroppo nel tuo stato d'animo ci cadevo spesso pure io[:(]...ora con le cure appropriate sono riuscito a stabilizzare la situazione e quindi ai capelli riesco a pensarci con meno angoscia...ho letto che da poco hai intrapreso una cura seria:bene!
Ora devi sforzarti di essere ottimista ( so che non è per nulla facile )e costante nel seguire la terapia che ti è stata consigliata:vedrai che qualche risultato lo otterai![;)]CIAU
 

ieson

Amministratore
Staff
31 Gennaio 2003
1,937
85
615
45
Bergamo
www.calvizie.net
Ciao Ciuffetto, benvenuto!

guarda ti dico una cosa; se in questo forum siamo in 1500, almeno 1480 hanno vissuto ESATTAMENTE la tua esperienza, me compreso, nel più piccolo dettaglio.

Come prima cosa, dovresti farci sapere esattamente da quanto hai iniziato la tua nuova cura seria e quale è la tua situazione attuale, il tipo di diradamento ecc.
Poi si passa all'azione , anche sul profilo psicologico, perchè mi sembri abbastanza sotto terra e ciò non giova ai tuoi capelli se ancora non ti sei arreso a riaverli.
Un percorso psicologico adeguato ti aiuterà anche a vivere il problema diversamente ed a guardarlo da un'altra angolazione, e leggendo le esperienze di altri membri del forum, magari meno fortunati di altri nella loro terapia, scoprirai che sebbene per noi i capelli perduti rappresentino un problema enorme di immagine, con risvolti devastanti sul nostri modo di stare in mezzo agli altri, la gente non gli da tutta questa importanza (le ragazze comprese, non ci crederai, ma è vero!!) e se riesci a far tornare fuori tutto il meglio di te le cose girano diversamente.

Cmq ora è presto per gettare la spugna, forza raccontaci e se possiamo fare qualcosa lo facciamo insieme! [;)]
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
Ciao, Ciuffetto[;)]...e Benvenuto anche da parte mia...dalle parole che compaiono nella tua lettera, mi pare, che il problema capelli, abbia sconfinato in un problema depressivo di non scarsa importanza...credo che, oltre a tentere di salvare il salvabile a livello di chioma, ci sia soprattutto da scongiurare una seria depressione che rischia di farti interpretare il problema attraverso lenti deformanti...certo, alla tua eta' trovarsi con un'immagine di se' stravolta da un diradamento progressivo, necessita di una bella forza psicologica per metabolizzare il tutto, per reinterpretre e riaccettare un'immagine di se esteriormente mutata...assolutamente inutile e ridicolo, che stia qui a consolarti dicendoti che esistono problemi fisici e patologici al cospetto di quali il problema alopecia si minimizza o addirittura si annulla...pero', scusa se insisto, dietro le tue parole si nasconde uno sconforto ed una sfiducia per l'esistenza che mi pare, ripeto, mi pare, si sia concentrato, indirizzato, come capro espiatorio sulle chiome...spesso la focalizzazione e l'attenzione ossessiva su di un difetto fisico, su un dettaglio estetico, cosi' affettivamente coinvolgente e totalizzante sino al punto di sconfinare in una sindrome depressiva, sono la spia di piu' reconditi inconsci problemi di una generale inaccettazione del se...ho finito di annoiarti...qui troverai sicuramente competenti consigli , almeno per arginare il tuo problema...ancora benvenuto...e...alla larga dalla Depressione...[;)]
 

biondo82©

Utente
15 Maggio 2003
424
0
265
Io sto uscendo adesso da una fase di depressione e stress intenso (causato da vari motivi, principalmente diversi dai capelli) che mi ha costretto anche ad una piccola dose di xanax presa saltuarimente.
Ho avuto delle forti contratture mucsolari alla schena ed al collo per lo stress accumulato.

Come vedi non sei solo. Ora sei a terra. Io mi sono rialzato. Ora tocca a te!!! i miei migliori auguri.


Saluti

 

batgirl

Utente
28 Giugno 2003
12,792
2
2,015
Nanni, sentirti ragionare cosí merita un
HIP HIP HURRA!!!
humba.gif

Grande ragazza!!!
 

grinch

Utente
11 Maggio 2003
518
0
265
Chi puo' darti torto ciuffetto.
Il mio stato d'animo è quello di uno che scrivendo su un forum ci guadagna a stare zitto,ma la voglia di far fuori qualcuno c'è.
Senso di rabbia misto a vendetta,nella ferma consolazione che ogni granello di sabbia è un minuto in meno.
 

jill

Utente
23 Luglio 2003
421
0
265
I capelli diventano una ragione di vita, di giovinezza, di autostima etc etc etc...a volte nella follia più totale mi fermo mi guardo attorno e mi capita di pensare che c'è chi sta molto peggio di me.
L'egoismo ti porta a non osservare le persone che per un motivo o per un altro si ritrovano in una situazione ben peggiore della tua.
La mia realtà è un'altra (così come molti di voi), sicuramente più fortunata.
Ora dico queste cose, subito dopo si torna alla normalità di ogni giorno con ognuno i propri dolori, con i capelli che se ne vanno, con l'angoscia di non sapere come la tua immagine verrà mutilata e tutto questo bel discorso si dissolverà immediatamente in un soffio d'aria.