Help x nuovo iscritto!!!

ares

Utente
19 Febbraio 2004
540
0
265
Ciao a tutti...
ho da poco conosciuto questo forum e devo proprio dire che si tratta di qualcosa che non mi sarei mai aspettato. Sia il forum che calvizie.net sono molto completi e dettagliati. Sapevo da qualche tempo che si poteva curare la calvizie, ma dopo aver chiesto svariate volte al mio medico di famiglia, l'unica risposta era non ci puoi fare niente.. se devi diventare calvo lo diventerai e basta! lo stesso discorso per i miei genitori, che non hanno mai dato importanza all'argomento.
In questo momento posso dire che la quantità e qualità dei miei capelli è buona, ma è un annetto che vedo una leggera stempiatura (penso un po' più di un Hamilton I). Purtroppo ho quasi la certezza che sia androgenetica (come mio padre e nonno materno!) ma metterei la firma per mantenere la situazione così come è adesso!!!
E adesso arriva la domanda. Voglio sottopormi ad una visita dermatologica (adesso guardo se nella sezione dermatologi c'è qualcuno nella mia zona), ma quali sono le reali possibilità di bloccare l'aumento dell'alopecia? Insomma c'è chi dice (vd il mio medico) che non si può fare niente, altri che hanno persino ricrescita, etc... Altri dicono che prima si interviene e meglio è; su hairlosstalk dicono che si può arrivare anche a 50 anni con i capelli che si avevano a vent'anni! Qualcuno che ne sa più di me mi può raccontare dove sta la verità o anche solo la sua esperienza?
Grazie mille e scusate per il post così lungo!
 

ares

Utente
19 Febbraio 2004
540
0
265
Ciao a tutti...
ho da poco conosciuto questo forum e devo proprio dire che si tratta di qualcosa che non mi sarei mai aspettato. Sia il forum che calvizie.net sono molto completi e dettagliati. Sapevo da qualche tempo che si poteva curare la calvizie, ma dopo aver chiesto svariate volte al mio medico di famiglia, l'unica risposta era non ci puoi fare niente.. se devi diventare calvo lo diventerai e basta! lo stesso discorso per i miei genitori, che non hanno mai dato importanza all'argomento.
In questo momento posso dire che la quantità e qualità dei miei capelli è buona, ma è un annetto che vedo una leggera stempiatura (penso un po' più di un Hamilton I). Purtroppo ho quasi la certezza che sia androgenetica (come mio padre e nonno materno!) ma metterei la firma per mantenere la situazione così come è adesso!!!
E adesso arriva la domanda. Voglio sottopormi ad una visita dermatologica (adesso guardo se nella sezione dermatologi c'è qualcuno nella mia zona), ma quali sono le reali possibilità di bloccare l'aumento dell'alopecia? Insomma c'è chi dice (vd il mio medico) che non si può fare niente, altri che hanno persino ricrescita, etc... Altri dicono che prima si interviene e meglio è; su hairlosstalk dicono che si può arrivare anche a 50 anni con i capelli che si avevano a vent'anni! Qualcuno che ne sa più di me mi può raccontare dove sta la verità o anche solo la sua esperienza?
Grazie mille e scusate per il post così lungo!
 

ares

Utente
19 Febbraio 2004
540
0
265
Ciao a tutti...
ho da poco conosciuto questo forum e devo proprio dire che si tratta di qualcosa che non mi sarei mai aspettato. Sia il forum che calvizie.net sono molto completi e dettagliati. Sapevo da qualche tempo che si poteva curare la calvizie, ma dopo aver chiesto svariate volte al mio medico di famiglia, l'unica risposta era non ci puoi fare niente.. se devi diventare calvo lo diventerai e basta! lo stesso discorso per i miei genitori, che non hanno mai dato importanza all'argomento.
In questo momento posso dire che la quantità e qualità dei miei capelli è buona, ma è un annetto che vedo una leggera stempiatura (penso un po' più di un Hamilton I). Purtroppo ho quasi la certezza che sia androgenetica (come mio padre e nonno materno!) ma metterei la firma per mantenere la situazione così come è adesso!!!
E adesso arriva la domanda. Voglio sottopormi ad una visita dermatologica (adesso guardo se nella sezione dermatologi c'è qualcuno nella mia zona), ma quali sono le reali possibilità di bloccare l'aumento dell'alopecia? Insomma c'è chi dice (vd il mio medico) che non si può fare niente, altri che hanno persino ricrescita, etc... Altri dicono che prima si interviene e meglio è; su hairlosstalk dicono che si può arrivare anche a 50 anni con i capelli che si avevano a vent'anni! Qualcuno che ne sa più di me mi può raccontare dove sta la verità o anche solo la sua esperienza?
Grazie mille e scusate per il post così lungo!
 

ares

Utente
19 Febbraio 2004
540
0
265
Grazie mille Dep... i risultati di Sfolto sono fenomenali[tp], soprattutto contando la durata della terapia! Devo dire che non ho capito molto però di come agiscono i vari farmaci, ma adesso faccio un giro per il forum a dare un'occhiata.
Ma secondo te, perchè a qualunque medico ti rivolgi (non parlo di dermatologi esperti in tricologia) ti dice che non c'è niente da fare, insomma se ti fai anche solo un giro per i siti delle facoltà di medicina di mezza italia non c'è traccia di ricerche contro l'a.a.! a me sembra un problema generalmente sottovalutato...
 

ares

Utente
19 Febbraio 2004
540
0
265
Sono d'accordo con te.. però mi sembra del tutto strano che un medico non abbia nemmeno idea di che cosa causi l'alopecia, e poi da qui a dire non ci sono terapie quando anche sul bugiardino di propecia c'è scritto che è indicato per le forma iniziali di androgenetica! Grazie per il link ai prodotti, li conoscevo quasi tutti, quello che mi sfuggiva nella terapia di Sfolto è la presenza di un integratore di rame, ma penso che si tratti di una componente specifica della terapia, che varia da persona a persona. Una piccola domanda ancora[?], ma il proscar non dovrebbe essere diviso in cinque (è pur sempre 1,25 di fina/die, non 1 come propecia)? Thanks!!
 

Dep

Moderatore Chimico
Staff
12 Febbraio 2003
2,316
122
615
Modena
Va bene 1,25 mg: lo scarto è davvero minimo non da alcun problama....
Inoltre la pillola ha una forma irregolare: in 4 si taglia abbastanza bene ma in 5 diventa un'impresa ardua....
Proscar/4 viene prescritto da moltissimi dermatologi[;)]
-Dep-
 

ares

Utente
19 Febbraio 2004
540
0
265
davvero Dep? questo significa che se trovi un medico che ti prescrive il proscar risparmi un bel po'[:p]!
Grazie ancora... a presto!
 

claudia

Utente
5 Maggio 2003
13,601
4
2,015
Caro Ares,
benvenuto! [:266]
alla tua domanda Citazione:quello che mi sfuggiva nella terapia di Sfolto è la presenza di un integratore di rame, ma penso che si tratti di una componente specifica della terapia, che varia da persona a persona.
vorrei rispondere che per il benessere dei capelli sono necessari minerali, vitamine, metalli ecc. Una loro carenza andrebbe quindi ripristinata. Le analisi che si fanno di solito sono queste:
emocromo, ves, colesterolo tot, sideremia,magnesiemia, cupremia, zinchemia, ferritina,ft4, TSH, vit Bl2, ac folico.

Da tenere presente che i valori normali in medicina e quelli in tricologia sono diversi... Cioé quello che rientra nella norma in medicina, può non essere sufficiente in tricologia. Ecco una tabella dove sono segnati questi valori.

Valori normali in Medicina e Valori normali in Tricologia
albumina: 3,5-5 gr/dl > 4,5 gr/dl
calcemia: 8,5-10 mg 9-10 mg/dl
ferritina: 12-200 ng/ml >30 ng/ml
sideremia: 40-160 mcg/dl >60 mcg/dl
folati: 1,8-12 ng/ml >3 ng/ml
magnesio: 1,3-2,1 mEq/l >1,8 mEq/l
proteine tot: 6-8 g/dl >6,5 g/dl
rame: 70-160 microg/dl 80-120 microg/dl
vit. A: 30-65 microg/dl 40-65 microg/dl
Vit. B6: 3,6-18 ng/ml >5 ng/ml
vit. B12: 220-940 pg/ml >300 pg /ml
vit. C: 0,6-2,0 mg/dl >8 mg/dl
vit. D: 1,5-3,5 ng/ml 2-3 ng/ml
zinco: 70-150 microg/dl >80 microg/dl

Quindi nella teralpia di sfolto il rame evidentemente serviva...[:D]
baci
Claudia
 

Dep

Moderatore Chimico
Staff
12 Febbraio 2003
2,316
122
615
Modena
Ehehheh[:p][^]....
Giampaolo hai ragione[;)]: certamente non si puo' generalizzare....

Ti capita spesso di visitare pazienti che richiedono consigli per curare i propri problemi di capelli?
-Dep-

 

ares

Utente
19 Febbraio 2004
540
0
265
Lo so, giampaolo, non era assolutamente mia intenzione mancare di rispetto alla categoria, facevo presente la mia esperienza personale e null'altro.
Con il mio ultimo post volevo solo dire (forse mi sono espresso male!) che se ci fosse un po' più di informazione su questo argomento si potrebbe aiutare un numero maggiore di persone a risolvere il problema (e credo sia un po' questo la ragion d'essere di questo sito).
Intendo dire che quello che sostiene Dep, e cioè che non possono sapere tutto di tutte le patologie, è perfettamente condivisibile.. l'unico appunto, da parte mia, è che considerare un problema estetico come l'alopecia un problema irrisolvibile a priori non aiuta la dialettica alla base della conoscenza del problema (come di qualunque problema, e ce ne sono di peggiori ovviamente!)..
 

ares

Utente
19 Febbraio 2004
540
0
265
Se per malattia intendiamo una variazione anormale della funzione di una parte dell'organismo, allora non posso che darti ragione. Certo quando dicevo problema estetico, sottolineavo come viene percepito da chi non lo ritiene degno di importanza proprio perchè si tratta di una patologia che, in prima battuta, ha implicazione dirette con il nostro aspetto. Se sono qui è certamente perchè lo vivo come una vera e propria patologia.

P.S. x Geppo: credo di avere afferrato quando dici malattia invalidante.
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
il mio era solo un commento ironico[:D][;)]...sono il primo a sostenere l'ignoranza (e la presunzione) di molti laureati in Medicina e Chirurgia...pertanto non solo i vostri commenti non mi offendono minimamente, anzi, sono una conferma a molte mie opinioni...e poiche' sono medico e da un po' di tempo anche un paziente, posso confermare la superficialita' e l'arroganza di molti colleghi...speriamo di non sbilanciarmi troppo...Si' , Dep, spesso mi accade di ricevere richieste circa il trattamento delle alopecie di varia natura, e, onestamente,prima di conoscervi, la mia cultura tricologica si fermava al Minoxidil, alla Finasteride, alle lozioni cosmetiche[;)]e ai soliti piu' o meno completi integratori...grazie a voi, invece ho conosciuto tutto un arsenale terapeutico, con uso di farmaci che ho sempre utilizzato per altri scopi (Locoidon, Menovis, Aldactone, ecc...)Anzi, ne approfitto per ringraziare ancora una volta te, ilDr. Gigli e tutti color che mi hanno gentilmente risposto, anche circa quesiti piuttosto medici, che poco penso possano interessare la rianente Comunita'...e vi garantisco che non sto facendo una sviolinata, non è certo da me...in questo forum , mi son trovato (e mi trovo benissimo)...x Ares...innanzitutto benvenuto...il tuo commento circa l'operato di molti colleghi, non puo' che avere tutta la mia solidarieta'...il misconoscere od il ridicolizzare alcune patologie che possono avere pesanti risvolti psicologici causando talora condotte di evitamento (l'a.a.) ad esmpio sono riprovevoli comportamenti quotidiani ...certo , il grave handicap della Medicina generale é che nella migliore delle iptesi sai quel poco di tutto, talora insufficiente a gestire seriamente una patologia...per contro lo specialsta sa tutto di quel poco...il discorso verrebbe lunghissimo, ma avremo modo di discuterne ancora...ciao[;)]
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
Citazione:Messaggio inserito da Geppo
Citazione: problema estetico come l'alopecia

Semplice problemino estetico, o vera e propria malattia, e anche invalidante, in tantissimi casi?
Caro Geppo, a mio parere, Problema estetico, Vera e Propria Patologia, in alcuni casi Assai Invalidante e troppo spesso sottovalutata per non dire ridicolizzata...purtroppo si continua a parlare di medicina Psicosomatica e si ignora in modo assoluto la Medicina Somatopsichica, sorvolando sui problemi psicologici indotti da patologie fisiche...
 

merlin

Utente
10 Febbraio 2004
430
0
265
Sante parole ragazzi, in molti casi viene sottovalutato o non preso in dovuta considerazione, l'aspetto psicologico che (e ve lo garantisco xchè sono quasi 18 anni che perdo i capelli) ha un fondamento di malattia del subcoscente.
Come tanti altri anche a me mi dissero che non c'era niente da fare e che anche se non ho gli avi calvi e che qualch'uno doveva pur cominciare!!! povero figlio mio che sfiga!!!.
A parte gli scherzi fino ad una certa età comunque è un problema troppo serio e che và preso in modo serio sia sotto l'aspetto medico che farmacologico.
Ai posteri l'ardua sentenza.
Ciao
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
Citazione:Messaggio inserito da Geppo
o forse perche' non compromette alcun organo vitale dell'organismo; il corpo di un calvo, in fondo, prosegue le sue funzioni biologiche, necessarie alla sopravvivenza dell'individuo, esattamente come quando c'erano i capelli (anche se, da qualche parte, lessi che il calvo e' il soggetto piu' esposto a malattie cardiovascolari di ogni genere... mah...)
si',qualche studio mette in relazione calvizie e patologie cardiovascolari...comunque per tornare al discorso della non compromissione dorgano, avrei qualche perplessita'...alla fin fine la cute ed annessi cutanei, sono un organo di fondamentale importanza, a tutti gli effetti...purtroppo pero' , in medicina vi sono molti pregiudizi, per cui se non si rilevano vistose lesioni anatomo patologiche od istologiche, o si tende a sottovalutare la patologia, o addirittura a considerala di origine psichica...che se se si va ad approfondire, il danno organico, esiste quasi sempre...
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
Citazione:Messaggio inserito da Geppo
Questi post fanno bene alla crescita collettiva, e ad una nuova e ritrovata consapevolezza comune.

Eppure, solo nel 2001, il sig.Ciro De Sio, chirurgo (?) della calvizie, si irritava ancora nel sentirmi definire la mia calvizie come 'malattia', e anzi mi invitava fermamente a etichettarla come una semplice 'cosa'. (parola sua!)

Questo' mi basto' a qualificare il soggetto che avevo davanti... ed ad evitare il conseguente intervento chirurgico sullo scalpo diradato... Dio solo sa quanto l'ho ringraziato, di non averlo fatto[tp][tp][tp]
beh, é noto che i chirurghi, hanno una visione molto univoca della persona...un ammasso di organi piu' o meno necessari...ma , oggi, presso molti di loro, la mentalita' sta cambiando...
 

ieson

Amministratore
Staff
31 Gennaio 2003
1,922
81
615
45
Bergamo
www.calvizie.net
Ma infatti ragazzi!!!!!
Basta solo considerare il fatto dei risvolti psicologici che colpiscono molti calvi per parlare di malattia e alcune volte in forma grave!!!

Tempo fa qui qualcuno scrisse che preferiva avere la Leucemia piuttosto che perdere i capelli, io stesso mi ricordo di quello che ho passato quando a 17 anni i miei capelli se ne andavano!!!

Se non è una malattia questa!

Il disinteresse generico quindi per me non è legato al discorso malattia/non malattia ma piuttosto proprio ad un discorso di successo terapeutico.
Anche chirurgicamente, credo sia più facile soddisfare le aspettative di una donna che vuole due belle tette nuove piuttosto che un 25enne che rivuole tutti i suoi capelli.
e difatti quello delle aspettative è un discorso che i chirurghi dei capelli devono prendere in seria considerazione (almeno, quelli bravi lo fanno)
 

ares

Utente
19 Febbraio 2004
540
0
265
Pienamente d'accordo. Ma secondo voi il disagio che prova chi soffre di calvizie è dovuto solo al contesto in cui ci troviamo oppure a condizioni del tutto soggettive? Nel senso che almeno nel mio caso il problema non è correlato al fatto di sentirmi solo in questa situazione (il mondo è pieno di calvi!) ma il fatto è che sento che con i capelli che se ne vanno si modifica in peggio il mio fisico, non solo dal punto di vista estetico!
E' come se mi sentissi cambiare dall'esterno pur rimanendo del tutto in forma con il mio corpo per il resto...

E' chiaro che l'obiettivo deve essere il successo terapeutico e non altro e credo che nell'affrontare la calvizie questo aspetto non debba mai e poi mai essere trascurato.