ginnastica facciale ed alzate sopracciglie

marcorossi46

Utente
30 Maggio 2020
6
1
5
Buonasera a tutti.
Ho iniziato a fare alcuni esercizi di GF. Quando alzo le sopraciglie vede che si il cuoio capelluto si muove in avanti in maniera abbastanza evidente (mi sembra in maniera piuttosto uniforme). Però non riesco a capire se la galea è sbloccata; mi piacerebbe sapere se nel fare questo esercizio senza galea sbloccata si può incorrere in controindicazioni?
Grazie in anticipo
 

Sgabbri

Utente
16 Giugno 2020
4
5
5
Ciao Marco..

Ho scoperto la GF un anno fa circa.. per inizio di un leggero diradamento, ho seguito le "lezioni" di Giampaolo Floris di finedellacalvizie, ho letto il libro di Serri Pilli e mi continuo a documentare su forum e articoli decicati all'argomento.
L'utilizzo dei muscoli frontale e occipitale consente appunto alla galea di scorrere sulla volta cranica muovendo conseguentemente tutto il cuoio capelluto.
Questo risulta impossibile però se la galea rimane attaccata al cranio, per cui se se azionando il muscolo frontale/occipitale, sollevando l'arcata sopraccigliare, il tuo cuoio capelluto si muove, la tua la galea dovrebbe essere sbloccata.
Per verificare ulteriormente che la Galea sia scollata dalla calotta cranica, puoi manualmente muoverla con i palmi delle mani, se la cute insieme al cuoio capelluto si muove, hai la certezza che sia effettivamente scollata.
Se posso darti un suggerimento in base alla mia esperienza, prima di iniziare la ginnastica, meglio fare una sorta di "stretching" proprio utilizzando le mani.. per 5/10 min, in modo tale da iniziare a far aumentare la circolazione sanguigna nel cuoi capelluto e prepararlo all'allenamento, un pò come si prepara un corridore alla corsa prima dello allo sforzo muscolare... eviterai cosi anche qualche crampetto facciale e/o indolenzimento.
Per il resto non ci sono molte controindicazioni o pericoli.
Come mai hai iniziato la ginnastica se posso chiedere?

Grazie,
Gabriele
 

Sgabbri

Utente
16 Giugno 2020
4
5
5
Ciao Giampaolo,

questi esercizi servono a riattivare o far rimanere attiva e sana la microcircolazione sanguigna nel cuoio capelluto, questo consente ai bulbi che fanno nascere, crescere e consentire il nutrimento del capello, di rimanere attivi e tramite il flusso sanguigno riceve ossigeno e tutti gli e sostanze nutritive che consentono la vita del capello stesso.
Ci sono diversi articoli e testimonianze che dimostrano appunto che la mancata microcircolazione nel cuoio capelluto porta all'atrofizzazione del bulbo che ospita il capello e conseguentemente la sua caduta.
La galea è un fascio di fibre che copre l'intera arcata cranica e va dal muscolo frontale (quello che permette di alzare le sopracciglia) a quello occipitale (che permette il rilassamento del muscolo frontale, suo antagonista se vogliamo, e permette insieme ai muscoli temporali auricolari di muovere le orecchie).
Non essendo un muscolo questo fascio fibroso per muoversi ha bisogno di essere spostato dai muscoli dove è attaccato, ovvero il frontale e l'occipitale.
Nei soggetti con cuoi capelluto sano, i cosi detti "capelloni", alzando le sopracciglia il muscolo frontale si attiva e sposta la galea in avanti, riducendo lo spazio frontale..rilasciando le sopracciglia in situazione di riposo, si attiva l'occipitale che riporta la galea in posizione iniziale.
Ora secondo queste "teorie" nei soggetti che soffrono di calvizie ma che non hanno particolari malattie che la possono aver causata, la galea si è incollata al cranio facendo con il tempo atrofizzare tutti i bulbi..questo è dovuto a diversi fattori: ormonali, posturali, alimentari che hanno con il tempo contribuito all'inattività dei muscoli frontali e occipitali e al fermo della galea.
Il movimento della galea, permette al cuoio capelluto e alla sua circolazione di rimanere attiva, viva e sana.. Essendo nella più alta e periferica del corpo la circolazione del sangue in questa zona del corpo è sensibile a tutti i fattori che ne portano la sua disfunzione.
Nel libro di Serri Pili è infatti ben spiegato che se si osservano le persone che soffrono di calvizie, si noterà che in nessuno di questi, soggetti salvo rari casi dovuti a particolari patologie, ha perso i capelli nelle zone temporali (sopra le orecchie) e occipitali (sotto il cranio) dove grazie alla muscolatura attiva tutti i capelli rimangono sani e forti.
 
  • Mi Piace
Reazioni: Trapp and joehope
17 Marzo 2020
97
4
65
Bari
Grazie della spiegazione, ho trovato il libro in versione pdf. Volevo sapere se ce un video dimostrativo o delle foto per capire l’esatta posizione
 

marcorossi46

Utente
30 Maggio 2020
6
1
5
grazie per i chiarimenti
in realta avevo letto dei benefici per il sebo che mi affligge da quando ero bambino, ho studiato un po e penso che il metodo di fo del Movimento rallentato sia il piu proficuo, con movimenti bruschi ho paura si abbia l'esito contrario
 

marcorossi46

Utente
30 Maggio 2020
6
1
5
comunque grazie ai tuoi consigli di provare con la mano e facendo le corrugate (ho notato che avevo un movimento uniforme dalla nuca alla fronte) penso di aver capito di averla scollata. Poi ho ripiegato sul MR perchè con movimenti eccessivi mi viene mal di testa perchè soffro di emicrania
 

Sgabbri

Utente
16 Giugno 2020
4
5
5
Ciao Giampaolo, scusa ma il video non riesco a vederlo.. sostanzialmente mentre cammini devi guardare il cielo.. oppure guardi il cielo e ti giri a destra o sinistra per l'altra posizione. per darti un idea non devi vedere i tuoi piedi ok? un pò come i militari, sguardo fiero schiena dritta e petto in fuori insomma..