Finasteride

allafrutta

Utente
4 Settembre 2003
94
0
65
Ho cercato in lungo e in largo sullo storico del forum qualche pagina che discuta questo estratto di testo preso dal sito delle Sitri alla pagina: http://www.sitri.it/finasteride/finasteride.html

Vorrei discuterlo con tutti Voi seriamente e mi scuso se è già stato fatto in passato pregandovi di indicarmi il link dove andare a leggere queste preziose informazioni.

Grazie.

Gli effetti collaterali sembrano essere poco rilevanti e soprattutto poco vistosi, limitati a circa il 4% dei pazienti trattati, comunque reversibili alla sospensione del farmaco. Gli effetti collaterali denunciati sono ovviamente correlati alla funzione sessuale: impotenza, diminuzione della libido, diminuzione del volume dell'eiaculato, più frequentemente oligo-asteno-azoospermia reversibile (sempre reversibile?).
L'effettiva utilità del trattamento in campo tricologico è comunque ancora tutta da discutere.
Da una nostra indagine informale, condotta presso i Medici Generici, non risulta che il farmaco, quando somministrato per adenoma prostatico, abbia mai determinato la ricrescita dei capelli. Anche in letteratura non è segnalata ricrescita di capelli in uomini che assumevano la finasteride per adenoma prostatico. D'altra parte i 4-azasteroidi inibiscono solo in minima parte la 5 alfa reduttasi isoenzima tipo 1, largamente rappresentato a livello del cuoio capelluto.
Non ci pare eticamente corretto utilizzare la finasteride in giovani maschi per una possibile (ma improbabile) cura della calvizie, considerando che:
1) i 4-azasteroidi non inibiscono, se non in minima parte, la 5 alfa reduttasi isoenzima 1,
2) l'azione degli ormoni sessuali sui follicoli pilosebacei non è proporzionale alla quantità di ormone ma è dovuta semplicemente alla sua presenza.
3) il tempo utile di terapia non può, nel migliore dei casi, essere inferiore a 10 - 15 anni, che corrispondono agli anni che la Natura ha dedicato alla riproduzione,
4) il farmaco si ritrova nell'eiaculato e pertanto un feto di sesso maschile potrebbe teoricamente essere esposto al rischio di femminilizzazione se la madre avesse rapporti sessuali con un paziente in trattamento,
5) la finasteride è teratogena negli animali ed il produttore del farmaco avverte che le donne in stato di gravidanza o che potrebbero esserlo non devono assumere finasteride o maneggiare compresse rotte o sminuzzate.
Vogliamo anche aggiungere che, secondo The Medical Letter (XXVII, 9, 1998), non sono stati pubblicati studi clin
 

allafrutta

Utente
4 Settembre 2003
94
0
65
Ho cercato in lungo e in largo sullo storico del forum qualche pagina che discuta questo estratto di testo preso dal sito delle Sitri alla pagina: http://www.sitri.it/finasteride/finasteride.html

Vorrei discuterlo con tutti Voi seriamente e mi scuso se è già stato fatto in passato pregandovi di indicarmi il link dove andare a leggere queste preziose informazioni.

Grazie.

Gli effetti collaterali sembrano essere poco rilevanti e soprattutto poco vistosi, limitati a circa il 4% dei pazienti trattati, comunque reversibili alla sospensione del farmaco. Gli effetti collaterali denunciati sono ovviamente correlati alla funzione sessuale: impotenza, diminuzione della libido, diminuzione del volume dell'eiaculato, più frequentemente oligo-asteno-azoospermia reversibile (sempre reversibile?).
L'effettiva utilità del trattamento in campo tricologico è comunque ancora tutta da discutere.
Da una nostra indagine informale, condotta presso i Medici Generici, non risulta che il farmaco, quando somministrato per adenoma prostatico, abbia mai determinato la ricrescita dei capelli. Anche in letteratura non è segnalata ricrescita di capelli in uomini che assumevano la finasteride per adenoma prostatico. D'altra parte i 4-azasteroidi inibiscono solo in minima parte la 5 alfa reduttasi isoenzima tipo 1, largamente rappresentato a livello del cuoio capelluto.
Non ci pare eticamente corretto utilizzare la finasteride in giovani maschi per una possibile (ma improbabile) cura della calvizie, considerando che:
1) i 4-azasteroidi non inibiscono, se non in minima parte, la 5 alfa reduttasi isoenzima 1,
2) l'azione degli ormoni sessuali sui follicoli pilosebacei non è proporzionale alla quantità di ormone ma è dovuta semplicemente alla sua presenza.
3) il tempo utile di terapia non può, nel migliore dei casi, essere inferiore a 10 - 15 anni, che corrispondono agli anni che la Natura ha dedicato alla riproduzione,
4) il farmaco si ritrova nell'eiaculato e pertanto un feto di sesso maschile potrebbe teoricamente essere esposto al rischio di femminilizzazione se la madre avesse rapporti sessuali con un paziente in trattamento,
5) la finasteride è teratogena negli animali ed il produttore del farmaco avverte che le donne in stato di gravidanza o che potrebbero esserlo non devono assumere finasteride o maneggiare compresse rotte o sminuzzate.
Vogliamo anche aggiungere che, secondo The Medical Letter (XXVII, 9, 1998), non sono stati pubblicati studi clin
 

allafrutta

Utente
4 Settembre 2003
94
0
65
Ho cercato in lungo e in largo sullo storico del forum qualche pagina che discuta questo estratto di testo preso dal sito delle Sitri alla pagina: http://www.sitri.it/finasteride/finasteride.html

Vorrei discuterlo con tutti Voi seriamente e mi scuso se è già stato fatto in passato pregandovi di indicarmi il link dove andare a leggere queste preziose informazioni.

Grazie.

Gli effetti collaterali sembrano essere poco rilevanti e soprattutto poco vistosi, limitati a circa il 4% dei pazienti trattati, comunque reversibili alla sospensione del farmaco. Gli effetti collaterali denunciati sono ovviamente correlati alla funzione sessuale: impotenza, diminuzione della libido, diminuzione del volume dell'eiaculato, più frequentemente oligo-asteno-azoospermia reversibile (sempre reversibile?).
L'effettiva utilità del trattamento in campo tricologico è comunque ancora tutta da discutere.
Da una nostra indagine informale, condotta presso i Medici Generici, non risulta che il farmaco, quando somministrato per adenoma prostatico, abbia mai determinato la ricrescita dei capelli. Anche in letteratura non è segnalata ricrescita di capelli in uomini che assumevano la finasteride per adenoma prostatico. D'altra parte i 4-azasteroidi inibiscono solo in minima parte la 5 alfa reduttasi isoenzima tipo 1, largamente rappresentato a livello del cuoio capelluto.
Non ci pare eticamente corretto utilizzare la finasteride in giovani maschi per una possibile (ma improbabile) cura della calvizie, considerando che:
1) i 4-azasteroidi non inibiscono, se non in minima parte, la 5 alfa reduttasi isoenzima 1,
2) l'azione degli ormoni sessuali sui follicoli pilosebacei non è proporzionale alla quantità di ormone ma è dovuta semplicemente alla sua presenza.
3) il tempo utile di terapia non può, nel migliore dei casi, essere inferiore a 10 - 15 anni, che corrispondono agli anni che la Natura ha dedicato alla riproduzione,
4) il farmaco si ritrova nell'eiaculato e pertanto un feto di sesso maschile potrebbe teoricamente essere esposto al rischio di femminilizzazione se la madre avesse rapporti sessuali con un paziente in trattamento,
5) la finasteride è teratogena negli animali ed il produttore del farmaco avverte che le donne in stato di gravidanza o che potrebbero esserlo non devono assumere finasteride o maneggiare compresse rotte o sminuzzate.
Vogliamo anche aggiungere che, secondo The Medical Letter (XXVII, 9, 1998), non sono stati pubblicati studi clin
 

dr_paolo gigli

Moderatore
Staff
16 Marzo 2003
30,568
848
2,015
E' un po' vecchiotto eravamo agli albori dell'uso della fina e non cx'erano ancora grosse certezzxe sia sui risdultati che sugli effetti collaterali.
saluti
 

el funambolo

Utente
11 Febbraio 2004
278
0
265
a me il dott. Marliani non mi ha prescritto la fina,seppure abbia un a.a. iniziale che interessa solo le tempie.
 

batgirl

Utente
28 Giugno 2003
12,792
2
2,015
Citazione:Messaggio inserito da Dott. Giorgio Sarchi
qualche tempo fa,e' noto,la peste veniva seminata dagli untori.
la sifilide curata con il mercurio,oltre che essere diagnosticata con il segno dell'omnibus.
qualche passo avanti si fa anche in tricologia.
lento,ma si fa.


Colgo l'occasione per salutare l'unico Doc che ci ha brindato colla sua presenza sulla chat.
56.gif
 

allafrutta

Utente
4 Settembre 2003
94
0
65
Io con questo post non vorrei più vedere quegli articoli on-line datati.

Mi piacerebbe leggere nuovi articoli più aggiornati.
 

allafrutta

Utente
4 Settembre 2003
94
0
65
james non riesco a capire. Tu invece quanti anni hai?
Dopo 4 anni non puoi accusare ancora gli effetti un di sistema ormonale scombusslato. Non ti parlo da medico perchè sono completamente ignorante ma solo con la ragione di un ragazzo di 28 anni alla quale non mancano le preoccupazioni.
Se questa finasteride evita solo un processo chimico senza danneggiare nulla, quando smetti di assumerla la situazione si dovrebbe ristabilire.
Poi santo cielo è anche vero che ognuno di noi è diverso e vive le sue esperienze in modo diverso dagli altri.

Questo forum però mi stà insegnando una cosa che reputo molto importante: Stò imparando ad apprezzarmi per quello che sono.
E' vero che mai a nessuno è ricresciuta la chioma ma, è anche vero che spesso le situazioni migliorano.
Ora se l'angoscia per i possibili effetti delle cure supera quella della calvizia allora non ne vale proprio la pena..
 

basilio

Utente
25 Febbraio 2004
4,203
0
915
Ciao ragazzi,

concordo pienamente con quello che ha detto James.
Macker anchio ci sono passato, non temere la riprsa è soggettiva e lenta molto lenta....ci sono persone che sino rirpese dopo 20 giorni altre dopo un anno....ti do consiglio non stare sempre li a pensare se il pipino funzione a si alza altrimenti scatta pure un fatto psciologico di abbattimento del desiderio sessuale...
Anchio nel primo perido non riuscivo piu a provare nessun tipo di attrazione sessuale, mi sentivo come un santo, ti consiglio di leggere questo post apero da me un paio di mesi fa...
http://www.ieson.com/topic.asp?TOPIC_ID=4397

P.S. Un consiglio per il desiderio, intanto finchè non ti riprendi, puoi prendere la Maca che è molto efficace..

Ciao non ti preccupare ti riprendi
 

james

Utente
29 Agosto 2003
184
0
165
Per alla frutta:
non ho capito il senso delle tue ultime 3 righe,ma se intendi che hai imparato ad apprezzarti non per la quantità di capelli che hai in testa ovviamente mi trovi assolutamente concorde,fin troppo spesso leggo qui di persone che arriverebbero a fare chissà cosa per avere indietro la capigliatura e questo mi lascia un po' amareggiato perchè io ho sempre pensato che i valori e problemi della vita siano ben altri.Comunque per risponderti,ho 27 anni ed ho usato la fina per 3 mesi 4 anni fa,i problemi si sono manifestati dopo poco, quindi 4 anni fa e non ora, e si sono perpetrati sino ad oggi. Quindi è palese che la situazione è stata indotta dal farmaco,anche per quanto ti ho scritto nel messaggio precedente.Si sono poi aggiunte,come era prevedibile,una situazione di ansia generalizzata e di ansia da prestazione che hanno esacerbato la mia condizione già compromessa dalla fina. Da alcuni giorni prendo un ansiolitico in dosi molto basse e mi pare di notare un blando miglioramento, ma devo verificare in compagnia ancora e comunque non ho certo la potenza di quando avevo 23 anni. Le motivazioni per cui la ripresa non c'è stata non te le so dire,neppure io sono medico e mi occupo di altre cose,evidentemente sono equilibri molto delicati e forse non sempre il corpo riesce a ripristinarli completamente(mi viene da pensare, sperando di non dire grosse inesattezze,anche se so benissimo che sono processi assolutamente differenti da quelli della fina,a chi assume anabolizzanti, quindi testosterone esogeno, e si trova poi la produzione endogena di testosterone quasi soppressa). Sarebbe davvero gradita una spiegazione di un medico che non siano il semplice la fina ha un alto profilo di sicurezza o le varie statistiche della Merck.
 

allafrutta

Utente
4 Settembre 2003
94
0
65
james hai scritto una cosa giustissima. Se la fina provoca un certo effetto, questo se associato alla nostra testolina (diversa per ognuno) si può perpetrare anche anni trasformandosi in ansie etc..
E le ansie non sono così facili da eliminare come smettere di prendere un farmaco.

Ribadisco la mia richiesta di aggiornare alcuni siti, come il Sitri che sono vecchi che sono vecchi e obsoleti. Sembra quasi di leggere IL fumo ti uccide sul pacchetto di sigarette...