DKK1 inhibitors: superamento di finasteride?

15 Aprile 2019
25
2
15
Caserta
Leggevo su hairlosscure2020 che una società farmaceutica coreana, la bioneer ha ricevuto un brevetto per un inibitore di DKK1, la proteina attivata a valle dell'interazione DHT-recettore e potente inibitore del pathway WNT.
Questo apre a una nuova categoria di farmaci?

Leggevo che un provocato aumento di DKK1 ha fatto cadere tutti i peli ai topolini ma una successiva diminuzione di DKK1 ha portato a una ricrescita di peli anche in zone glabre, essendo stimolate le cellule staminali del follicolo pilifero ancora presenti

Magari se si riesce a inibire il DKK1 che fa cadere i capelli non avrebbe senso prendere la finasteride che inibisce la formazione di DHT che è un processo che sta a monte di questa cascata proteica?
 
Ultima modifica:

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
29,762
1,026
2,015
Milano
Magari c'è qualcosa che funziona meglio, ma è da anni che esistono attivi che inibiscono il DKK-1, di recente abbiamo parlato dell'acido lipoico e del ginkgo biloba che hanno questa attività, ma ce ne sono altri, il primo scoperto è un derivato della vit.C. Secondo l'ultimo studio dei ricercatori di Manchester nell'uomo il DKK1 non sarebbe fondamentale nei capelli umani.

Ciao

MA - r l i n
 

elduderino

Utente
27 Novembre 2018
304
72
265
Magari c'è qualcosa che funziona meglio, ma è da anni che esistono attivi che inibiscono il DKK-1, di recente abbiamo parlato dell'acido lipoico e del ginkgo biloba che hanno questa attività, ma ce ne sono altri, il primo scoperto è un derivato della vit.C. Secondo l'ultimo studio dei ricercatori di Manchester nell'uomo il DKK1 non sarebbe fondamentale nei capelli umani.

Ciao

MA - r l i n
Riusciresti a linkarlo che non lo trovo?
 
15 Aprile 2019
25
2
15
Caserta
Scusa ma nell'articolo non c'è scritto che il DKK1 non abbia un ruolo nella calvizie.

Poi credo che una sostanza naturale che ha molti effetti (vedi gingko biloba) non può avere la stessa specificità di azione su un enzima di una sostanza sintetica creata appositamente per quello. Magari agiscono su gli stessi enzimi ma il coefficiente di inibizione enzimatica non sarà mai paragonabile. Anche per questo esistono i trial clinici, per verificare l'azione farmacologica di una sostanza e la sua intensità
 
Ultima modifica:

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
29,762
1,026
2,015
Milano
Allora ho sbagliato articolo, gli autori sono gli stessi ora cerco quello giusto.
(con lo smartphone mi è tutto più difficile)

Ciao

MA - r l i n
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
29,762
1,026
2,015
Milano
Non è stato escluso il ruolo del DKK1 nella calvizie, è stato solo subordinato a quello del SFRP1:


Dopo una serie di passaggi, che se vuoi ti leggerai, nello studio c'è questa conclusione:

"Collectively this suggests that SFRP1 is a more prominent Wnt-inhibitor than DKK1 in the human telogen HF and therefore may contribute to regulating Wnt ligand activity in the telogen-to-anagen transition."

Se la ricerca è valida questo significa che conviene agire sul altri percorsi prima che sul DKK1, nell'uomo (nei topi non è così). Questo non vuol dire che agendo sul DKK1 non si ottenga nulla di buono, ma, come detto, è un percorso che non è stato individuato l'altro giorno, ma anni fa e si sono provati alcuni attivi specifici per inibirlo. Che poi va anche detto che essendo stimolato dagli androgeni e dal DHT si ritornerebbe per l'aga alla classiche azioni sulle 5 alfa reduttasi o sul recettore AR.

Ciao

MA - r l i n
 
15 Aprile 2019
25
2
15
Caserta
ma oltre al prodotto della Giuliani che è un cosmetico ci sono prodotti inibitori del SFRP1 che hanno iniziato la sperimentazione clinica?
così giusto per capire qual è l'effetto sulla calvizie
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
29,762
1,026
2,015
Milano
Per me cosmetico non significa che non fa nulla o fa poco, ci sono sostanze che non diventano farmaci, come per esempio tutta l'infornata di molecole nate insieme al minoxidil negli anni '50, non vengono provate tutte in tutte le salse, infatti alcune sono state recuperate come cosmetici a solo uso topico.

L'Un. di Manchester con Hawkshaw e Paus che sono fior di ricercatori hanno portato avanti questa cosa con più studi tra cui quello sul WAY, non ci sono altri, almeno così qualificati, che si stanno muovendo sullo stesso argomento.

Ciao

MA - r l i n
 

Lam

Utente
30 Luglio 2020
183
46
165
@marlin
Pensi che i “tempi di risposta” a differenti principi attivi, dipendano da tempistiche insite nel ciclo capillare indipendenti dall’attivo o possono variare anche molto a seconda dall’attivo usato? Non parlo della quantità e qualità di risultati, parlo proprio di tempistiche del ciclo capillare vs attivo usato, se si sa qualcosa a riguardo in generale
 
15 Aprile 2019
25
2
15
Caserta
Per me cosmetico non significa che non fa nulla o fa poco, ci sono sostanze che non diventano farmaci, come per esempio tutta l'infornata di molecole nate insieme al minoxidil negli anni '50, non vengono provate tutte in tutte le salse, infatti alcune sono state recuperate come cosmetici a solo uso topico.

L'Un. di Manchester con Hawkshaw e Paus che sono fior di ricercatori hanno portato avanti questa cosa con più studi tra cui quello sul WAY, non ci sono altri, almeno così qualificati, che si stanno muovendo sullo stesso argomento.

Ciao

MA - r l i n
No assolutamente vedi serenoa o semi di zucca soltanto che un farmaco è sottoposto a sperimentazione quindi magari i risultati sono certificati da studi basati su regole più severe, quelle dell'FDA appunto e quindi probabilmente più attendibili

Comunque non è un problema anche tu stai dicendo cose condivisibili

T chiedo se effettivamente questo prodotto della Giuliani sia quello definitivo, quando avremo un report attendibile di questo prodotto e se a questo punto dobbiamo aspettarci risultati paragonabili a quelli del WAY?
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
29,762
1,026
2,015
Milano
Ma il WAY non è che ha dato risultati clamorosi, ne abbiamo parlato in alcuni articoli recenti. E' stato utilizzato su capelli umani però in vitro su graft dei trapianti che notoriamente si trovano nella donor area che non è affetta da calvizie. Nessuna sperimentazione sull'aga. La Giuliani è stata corretta a non parlare di aga per l'Attivatore, poi se sarà un successo saranno i primi a rallegrarsene, ma finora non si è sentito ancora nulla e comunque tra non molto inizieranno a parlarne bene quelli che lo hanno usato per la caduta stagionale perché usciranno da questa e non dobbiamo farci ingannare da queste testimonianze, ma aspettare ancora un po'.

Ciao

MA - r l i n
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
29,762
1,026
2,015
Milano
Non male, a me pare che i capelli stiano andando a palla, comunque ovviamente non solo merito del lipoico che è l'ultimo arrivato.

Ciao

MA - r l i n