Anagen sugli estrogeni...

jill

Utente
23 Luglio 2003
421
0
265
Non pensavo che il sito anagen fosse sfavorevole all'uso topico di estrogeni, eccovi l'articolo in questione:
E' veramente deprimente come alcuni siti, i quali si proclamano utili ai visitatori, propongano ai primi posti della loro personale classifica dei prodotti più efficaci contro la calvizie androgenetica, prodotti creati da loro stessi! Assolutamente non riconosciuti nel mondo scientifico e tricologico. E invece non elencare altri prodotti universalmente riconosciuti! Addirittura si propone nell'uomo l'uso di estrogeni coniugati per via topica! Ben presto si giunge ad una conclusione : i prodotti sono inefficaci e inutili se non potenzialmente dannosi.


 

jill

Utente
23 Luglio 2003
421
0
265
Non pensavo che il sito anagen fosse sfavorevole all'uso topico di estrogeni, eccovi l'articolo in questione:
E' veramente deprimente come alcuni siti, i quali si proclamano utili ai visitatori, propongano ai primi posti della loro personale classifica dei prodotti più efficaci contro la calvizie androgenetica, prodotti creati da loro stessi! Assolutamente non riconosciuti nel mondo scientifico e tricologico. E invece non elencare altri prodotti universalmente riconosciuti! Addirittura si propone nell'uomo l'uso di estrogeni coniugati per via topica! Ben presto si giunge ad una conclusione : i prodotti sono inefficaci e inutili se non potenzialmente dannosi.


 

jill

Utente
23 Luglio 2003
421
0
265
Non pensavo che il sito anagen fosse sfavorevole all'uso topico di estrogeni, eccovi l'articolo in questione:
E' veramente deprimente come alcuni siti, i quali si proclamano utili ai visitatori, propongano ai primi posti della loro personale classifica dei prodotti più efficaci contro la calvizie androgenetica, prodotti creati da loro stessi! Assolutamente non riconosciuti nel mondo scientifico e tricologico. E invece non elencare altri prodotti universalmente riconosciuti! Addirittura si propone nell'uomo l'uso di estrogeni coniugati per via topica! Ben presto si giunge ad una conclusione : i prodotti sono inefficaci e inutili se non potenzialmente dannosi.


 

Dep

Moderatore Chimico
Staff
12 Febbraio 2003
2,316
122
615
Modena
Diciamo che piu' che una informazione è una dis-informazione (nel tentativo di fare lo sgambetto ad un concorrente scomodo posso ipotizzare....)[:p][:D]

Oltretutto credo che il redattore di quel sito abbia le idee un po' confuse.....
Di seguito trovate due estratti presi dal quello stesso sito ed è molto strano vedere che da una parte si dice una cosa(vedi l'articolo riportato da Jill) e dall'altra si dice l'esatto opposto(qui sotto)[;)]

------------------------

-L'estrone solfato, debole in confronto all'estradiolo sembra essere lo steroide più attivo, a concentrazioni vicine allo 0.02%. Attiva l'adenilciclasi nel follicolo. In pratica allunga la fase anagen, quindi può classificarsi come uno stimolatore della crescita. Inoltre compete con il DHT. Biologicamente l'estrone solfato non è attivo (quindi non provoca effetti collaterali femminilizzanti), ma il follicolo pilifero è in grado di utilizzarlo a suo vantaggio, trasformandolo in estrone.

E ancora

-Anche il 17alfa-estradiolo è usato nell'uomo. E' un isomero sintetico del 17beta ormonalmente inattivo. Non soltanto diminuisce la formazione di DHT ma, attivando l'aromatasi, trasforma una parte del testosterone in estradiolo. Solitamente viene usato in concentrazioni dallo 0.015% allo 0.1%.

------------------------

Occorre poi sottolineare che esistono differenti tipi di estrogeni ognuno con caratteristiche diverse e quindi ha poco senso parlare di estrogeni in senso generale.....

In tricologia per esempio vengono spesso utilizzati principalmente:

-estrone solfato/estrogeni coniugati
Recenti esperienze cliniche ed una più approfondita conoscenza dell'endocrinologia hanno tuttavia accertato l'utilità e la sicurezza d'uso dell' estrone solfato che può essere utilizzato (come estrogeno debole) solo da tessuti provvisti dell'enzima solfatasi (come appunto le cellule germinative del capello) mentre risulta inutilizzabile dagli altri tessuti e organi; quindi, anche se assorbito (in piccola quantità) è biologicamente inattivo (perlomeno riguardo agli organi causa degli effetti collaterali sopra descritti). Fino ad oggi non ci risultano infatti segnalazioni di effetti collaterali relativi all'uso di questa sostanza utilizzata in soluzione topica (a concentrazioni variabili da 0,005 a 0,02%).
L'estrogeno ideale in senso tricologico potrebbe essere identificato nell'estrone solfato; questo è certamente utilizzabile dal follicolo pilifero corredato di solfatasi ed in grado