alcune domande al dott giampaolo

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
scusi dott. giampaolo vorrei chiederle se la ginecomastia raramente causata da fina è reversibile o può anche essere irreversibile.
nel foglietto del propecia c'è scritto che può causare gonfiore delle ghiandole mammarie ma non specifica se l'effetto può comparire anche dopo molto tempo o solo subito se compare e se scompare alla sospensione(credo che sia un punto mal chiarito e molto grave da parte della merck)


poi volevo anche sapere se ci sono pericoli ad usare il locoidon all'1% o meno per lunghi periodi di tempo...anche se usato solo topicamente e a basse percentuali contiene idrocortisone quindi potrebbe portare a blocco ipof-surrenale(detto bene?)effetto collaterale tipico della famiglia dei corticosteroidi?e quali dovrebbero essere i sintomi?

mille grazie
 

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
scusi dott. giampaolo vorrei chiederle se la ginecomastia raramente causata da fina è reversibile o può anche essere irreversibile.
nel foglietto del propecia c'è scritto che può causare gonfiore delle ghiandole mammarie ma non specifica se l'effetto può comparire anche dopo molto tempo o solo subito se compare e se scompare alla sospensione(credo che sia un punto mal chiarito e molto grave da parte della merck)


poi volevo anche sapere se ci sono pericoli ad usare il locoidon all'1% o meno per lunghi periodi di tempo...anche se usato solo topicamente e a basse percentuali contiene idrocortisone quindi potrebbe portare a blocco ipof-surrenale(detto bene?)effetto collaterale tipico della famiglia dei corticosteroidi?e quali dovrebbero essere i sintomi?

mille grazie
 

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
scusi dott. giampaolo vorrei chiederle se la ginecomastia raramente causata da fina è reversibile o può anche essere irreversibile.
nel foglietto del propecia c'è scritto che può causare gonfiore delle ghiandole mammarie ma non specifica se l'effetto può comparire anche dopo molto tempo o solo subito se compare e se scompare alla sospensione(credo che sia un punto mal chiarito e molto grave da parte della merck)


poi volevo anche sapere se ci sono pericoli ad usare il locoidon all'1% o meno per lunghi periodi di tempo...anche se usato solo topicamente e a basse percentuali contiene idrocortisone quindi potrebbe portare a blocco ipof-surrenale(detto bene?)effetto collaterale tipico della famiglia dei corticosteroidi?e quali dovrebbero essere i sintomi?

mille grazie
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
...diciamo che il Cortisone, in senso stretto, come potenza è al cospetto dei corticosteroidi di sintesi, piuttosto , anzi, molto fiacco...pero', é entrato nell'uso comune, definire con il termine di Cortisone, qualsiasi preparato farmaceutico a base di corticosteroidi, che sono, molti, e con diversa potenza e durata d'azione...ciao...gra[;)]zie xxenergyxx...
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
ciao, Cibelli, alludi ai cosiddetti pettorali superiori o torace alto?(tanto per usare un termine da palstra[:D])...ma sei sicuro che si tratti veramente di ghiandole?...e non di piccoli lobuli adiposi (di grasso sottocutanei?...Comunque una cosa é la Ginecomastia (aumento di volume della mammella maschile),ed una cosa è la linfoadenomegalia(aumento di volume delle ghiandole linfatiche)...attenzione, comunque...la Finasteride puo' causare Ginecomastia, ma non, almeno direttamente aumento di volume delle ghiandole linfatiche...nella regione anatomica da te citata, grossolanamente, beninteso, potresti reperire il gruppo pettoraleche è situato che è situato all'angolo tra parete mediale e parete anteriore della cavita' ascellare , oppure, piu' in alto i linfonodi sopraclavicolari,ma si palpano al di sopra dei muscoli pettorali...non è facile da spiegare, cosi' a parole...certamente, la continua compressione e palpazione delle ghiandole linfatiche, o presunte tali, alla lunga puo' causare dolore ed anche un certo modico aumento di volume...comunque l'aumento di volume delle ghiandole a cui tu fai riferimento, non ha un rapporto diretto con l'eventuale ginecomastia da finasteride...le ghiandole sopraclaveari, ascellari si possono gonfiare come risposta ad alcune patologie della mammella...infiammazioni,ed altre lesioni...se hai qualche dubbio, devi farle vedere direttamente da un medico...si tratta di un argomento che va valutato in vivo, e, cosi', a parole, non è possibile trarre serie conclusioni o porre ipotesi diagnostiche...intanto, comincerei a traumatizzare meno,le parti da te citate...piu' palpi, premi, piu' si generano problemi indotti, e piu' si aumentano le preoccupazioni, come un gatto che si morde la coda[:D]...Ciao
 

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
scusa ma se il livello di estrogeni aumenta diciamo del 15% e questo aumento rimane costante per due anni grazie alla fina ad un certo punto la situazione dovrebbe stabilizzarsi e così la stimolazione alla ghiandola a meno che non si abbiano altri cambiamenti.
ma poi gli ormoni ipofisari che ruolo avrebbero?

domanda a parte:perchè gli ormoni dello stress aumentano i brufoli?non era dovuto al testo l'acne?

per la descrizione anatomica mi servirebbero i disegni,cmq le ghiandole sopra il petto non sono mammarie e questo già mi conforta,ma le ghiandole linfatiche si trovano anche nella zona sotto il capezzolo?
credi sia normale riuscire a percepire al tatto con chiarezza le ghiandole mammariè?
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
allora... le ghiandole linfatiche normali, sono in genere fusiformi od ovoidali piu' o meno allungate...solo le ghiandole linfatiche piu' piccole possono avere una forma tondeggiante, ma la forma canonica ed anatomicamente normale e' quella da te repertata...comunque sia, dalla tua descrizione non si tratta di ginecomastia, che è un aumento di volume della mammella, e non una ghiandoletta piu' o meno ingrandita in sede extramammaria...la mammella maschile è una regione anatomica assai limitata,praticamente, in condizioni di normalita', si puo' dire che la mammella maschile si trova circoscritta quasi alla sola areola...quindi i noduli da te palpati, molto verosimilmente hanno poco a che fare con la mammella, ma bensi' sono di pertinenza del muscolo pettorale...inoltre, non vorrei che confondessi le ghiandole allungate con i fasci muscolari che concorrono a formare il muscolo...le ghiandole in basso verso l'ascella potrebbero essere ghiandole linfatiche comunque, se hai dei dubbi, fatti eseguire una banale cografia alla mammella, cosi', fughi ogni timore...l'ipofisi , ghiandoletta posta alla base del cervello, controlla tutte le secrezioni delle ghiandole endocrine...si suddivide in tre parti :ipofisi anteriore, che produce : l'ormone Somatotropo, od ormone della crescita, il Tsh (tireotropina) che controlla la tiroide, la Corticotropina (ACTH) con azioni sul surrene,la Prolattina, con azione su secrezione lattea, mammella, e le Gonadotropine (Lutropina LH, e la Follitropina FSH,)...la Lutropina con azione su ovaio con, tra le altre azioni, secrezione di Progesterone,e sul Testicolo, con azione sulla secrezione di androgeni...la Follitropina su Ovaio con secrezione di Estrogeni e sul testicolo per la spermatogenesi...queste gonadotropine, come gli altri ormoni citati, sono sotto il controllo di una struttura cerebrale definita Ipotalamo...tra ipotalamo-Ipofisi e ghiandole endocrine esistono dei complicatissimi meccanismi di secrezione inibizione reciproca, che interagiscono continuamente, nel tentativo di mantenere l'equilibrio ormonale...esiste poi una prte intermedia dellìipofisi, che produce la Melanotropina, con azione, tra le altre, su la pigmentazione cutanea...ed infine una parte posteriore dell'ipofisi,che produce 2 ormoni...la Adiuretina vsoprsessina, con azione sul rene e su la pressione arteriosa, e la Ossitocina, con azione su eiezione del latte da parte della ghiandola mammaria, intervento nel parto ed alcune azioni sull'utero...si , se la
 

mortal

Utente
25 Marzo 2004
1,483
3
415
salve dott.Giampaolo,ho letto questo post e in un certo senso mi son sentito preso in causa visto che a me e' stata diagnosticata Ginecomastia sul capezzolo sinistro.il problema e' che non ho neanche iniziato ad usare la Finasteride.ho usato per solo 45 giorni due integratori:
ANATROFINE:
l-cistina 250 mg
saw palmetto 100 mg
l-cisteina cloridrato 50 mg
l-metionina 50 mg
tè verde 10 mg
zinco 4,5 mg
rame 360 mcg
biotina 150 mcg

e CHERADYN:
L-CISTINA
ZINCOMONOMETIONINA
OLIO DI OENOTHERA
ALOE VERA
Tè VERDE
BIOTINA
dopodiche' mi son ritrovato col capezzolo indolorito e leggermente gonfio(mai visibilmente)che pero' sembra ingrandirsi e rimpiccilirsi come capita.ho fatto un ecografia e mi e' stato detto che fosse ginecomastia,da curare e non operare assolutamente per la sua piccolezza(infatti ho fatto una ricerca sul web e la ginecomastia è rappresentata da u vero e proprio seno da donna).il problema e' di essermi accorto di avere anche qualche problema con l'erezioni(libido ed eiaculazione ok)ma non so quanto possa centrare,ma siccome un po' tutti(gli esperti)m'hanno detto che è impossibile che quegli integratori hanno fatto tanto non si sa' cosa ha potuto creare cio':
squilibri ormonali?
il problema che mi ha ucciso psicologicamente è che un medico di un altro sito mi ha sconsigliato totalmente l'uso della finasteride(unica mia speranza visto che il minox non voglio usarlo)essendo(forse)predisposto a tali effetti collaterali.
spero potra' essermi d'aiuto...la ringrazio anticipatamente.
 

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
scusa giampaolo ma io ho fatto delle piccole ricerche sul saw palmetto e facendo un collage dei vari siti posso dire che:
la serenoa repens ha più meccanismi d'azione:inibisce come la fina il dht ma contiene anche delle sostanze dalla debole azione estrogenica(SPERO SI SCRIVA COSì)che hanno un'alta affinità con i recettori degli estrogeni della prostata;queste sostanze rubano il recettore ad estrogeni più potenti che assieme al dht sono causa dell'ipertrofia prostatica;per questo motivo il saw è sia antiestrogenico sia estrogenico...infatti gli estrogeni che non si legano alla prostata vanno a legarsi a recettorii di altri organi bersaglio tipo ghiandole mammarie e cuoio capelluto con cui pare abbiano invece una affinità maggiore rispetto ai deboli estrogeni contenuti nella serenoa repens....per questo motivo anche se alcuni studi affermano che il saw palmetto possa essere più completo della fina nel curare l'ipertrofia prostatica non vuol dire che lo sia nell'alopecia androgenetica
 

mortal

Utente
25 Marzo 2004
1,483
3
415
giampaolo dimenticavo ma il fatto che io attenda l'appuntamento con l'endocrinologo e che passi sta gine senza usare nulla pensi che sia dannoso? sn 2 mesi che si verifica il fatto di non usare nulla.ma ripeto oltre la fina ,ce solo il minox di cui non mi fido assoluamente,pero' non nascondo che tutto cio' mi rende paranoico e mi fa stare male,potresti consigliarmi qualcosa?l'unica mia fonte di salvezza è pensare che iniziero' il proscar(ma quando?e se poi vengono gli effetti collaterali?.........


scusami,ma mi sono un po' sfogato con qualcuno.ciao e grazie mille
 

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
mortal vai su www.calvizie.net e troverai tutti i migliori prodotti per la cura anticalvizie e la loro descrizione,cmq continuo a non capire perchè hai tanto timore del minox,non mi risulta che dia effetti collaterali importanti.
Giampaolo scusa ho letto del saw che oltre ad essere un antiinfiammatorio è usato per curare bronchiti e infiammazione delle mucose..detto così mi viene da pensare che possa aiutare la mia sinusite cronica ovvio non è il rimedio ma potrebbe aiutarmi anche in questo che tu sappia?